Liberation Day

2007, Drammatico

Festival del Cinema Africano: la seconda giornata

In concorso il film L'aquarium, mentre tra i documentari viene presentato The Glow of White Women. Domani anche l'appuntamento con Lee Isaac Chung e il suo Liberation Day.

La seconda giornata di programmazione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina si presenta fitta di eventi e ospiti.

Da segnalare, nella sezione Concorso Miglior Film Africano, il film L'aquarium di Yousry Nasrallah, presentato all'ultima edizione del Festival di Berlino (Auditorium San Fedele, mercoledì 9 aprile ore 19.00)

Laila è la presentatrice di un programma radiofonico notturno, "Nights Secrets", che gli ascoltatori chiamano per chiedere consigli. Molti preferiscono ascoltare le vicende amorose degli altri senza dover rivelare le loro. Youssef è anestesista. Di giorno lavora in una prestigiosa clinica privata, mentre di notte arrotonda lo stipendio in una clinica per aborti clandestini. Laila e Youssef non si conoscono, eppure sono così simili.

Altro titolo interessante all'interno del Concorso Documentari Finestre sul Mondo, è The Glow of White Women del regista Yunus Vally (Spazio Oberdan, mercoledì 9 aprile ore 21.30), che indaga su come può sviluppare la sua sessualità un giovane sudafricano nero mussulmano dopo un'infanzia trascorsa in una cittadina afrikaans e un'adolescenza in regime d'apartheid. Attraverso la voce ironica del regista ci avventuriamo nell'incredibile mondo inedito dell'immaginario maschile nero della donna bianca: un mosaico di cover girl formose ritagliate dai giornali, bionde ammiccanti della cultura pop pre-apartheid e valchirie mangiauomini da B-movie.

Cominciano domani anche gli appuntamenti del Festival Center (Casello Ovest Porta Venezia- Casa del Pane), nuovo cuore pulsante del Festival; alle 17.00, per L'ora del tè, Annamaria Gallone e Alessandra Speciale prepareranno il tè secondo la tradizione coreana insieme al regista americano - coreano Lee Isaac Chung, ospite al Festival con il film Munyurangabo (Liberation Day).

Da segnalare inoltre l'Atelier di nuova danza egiziana, a cura di Alessandra Orlando Grezzi, l'Atelier di creazione di gioielli e ricami, a cura di Francesca Grazzini e l'Etno hour che dalle 18.30 proporrà un assaggio di cibo dall'Eritrea.

Tutti gli appuntamenti del Festival Center sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Ingressi

BIGLIETTO SINGOLO: 5 EURO
TESSERA VALIDA PER TUTTE LE PROIEZIONI: 30 EURO (15 euro per gli studenti e per gli over 65)

Festival del Cinema Africano: la seconda giornata

Fonte: Comunicato stampa Studio Sottocorno

Privacy Policy