Festa del Cinema: la direzione si difende

La direzione del festival ha rilasciato una dichiarazione in cui risponde a coloro che hanno contestato un'edizione a dir loro povera di glamour e soprattutto di celebrità.

Proprio nei giorni in cui fanno discutere i forfait di alcune star alla Festa del Cinema di Roma - tra cui quello di Sidney Lumet, impossibilitato a viaggiare in aereo a causa di un'otite - la direzione della kermesse cinematografica capitolina ha rilasciato una dichiarazione che riceviamo e pubblichiamo:

"E' sorprendente che, nel giorno in cui la Festa vede sul proprio Red Carpet personalità come Robert Redford e Tom Cruise, e attende Sean Penn, Terrence Malick, Halle Berry, Ang Lee, Dario e Asia Argento (dopo aver visto sfilare, solo per citarne alcuni, Monica Bellucci, Alain Corneau, Sophia Loren, Shekhar Kapur, Cate Blanchett, Geoffrey Rush, Carlo Mazzacurati, Fabrizio Bentivoglio, Valentina Lodovini, Francis Ford Coppola, Tim Roth, Greta Scacchi, Raul Ruiz, Guido Chiesa, Joel Surnow, Giorgio Colangeli, Valeria Solarino, Sabrina Impacciatore, Chiara Muti, Rolf De Heer, Colin Firth, Jonathan Rhys Meyers, Gavin Hood, Reese Whiterspoon, Jake Gyllenhaal, Francois Girard, Michael Pitt, Julio Medem, Bernardo Bertolucci, Gerard Depardieu, Piera degli Esposti, Dominique Sanda, Nicoletta Romanoff, Giorgio Pasotti, Silvio Soldini, Margherita Buy, Antonio Albanese, Sergei Bodrov, Jane Fonda, Cloris Leachman, Shirley Knight, Franco Battiato, Giulio Brogi, Chiara Conti, Peter Bogdanovich, Robert Davi, Freddie Highmore) la stampa attacchi la nostra manifestazione per mancanza di star, parte delle quali mai annunciate (è il caso di Keira Knightley, Meryl Streep e Benicio Del Toro). L'anno scorso, con la stessa determinazione, la Festa è stata accusata di abusare di una eccessiva presenza dello star system. E' difficile non cedere alla tentazione di ravvisare un partito preso, non positivo, nei confronti di un festival che, per numero di spettatori, ha già raccolto, a metà del suo programma, un pubblico assai più numeroso di quello dell'anno scorso"

Festa del Cinema: la direzione si difende
Privacy Policy