Fascisti su Marte, il film

Il film di Corrado Guzzanti ispirato a 'Il caso Scafroglia' verrà presentato ad ottobre al Festival di Roma.

Patrizio Marino

Corrado Guzzanti torna a parlare della tv e lo fa nel modo più amaro possibile: l'occasione è la presentazione del film Fascisti su Marte che segue il successo ottenuto dal DVD de Il caso Scafroglia. Il programma, definito dallo stesso Guzzanti un esperimento pazzesco, mirava ad unire più linguaggi televisivi ed a spiazzare lo spettatore. Punto di partenza era la scomparsa di un fantomatico Mario Scafroglia, uscito il 10 maggio 2001, dopo la vittoria della destra in Italia, e scomparso nel nulla.

Il programma, che tentava di tagliarsi un proprio spazio di satira all'interno di una Rai investita dalla controriforma berlusconiana vedeva alternarsi lo stesso Guzzanti, la sorella Sabrina, Antonio Albanese e Paolo Rossi. Secondo Guzzanti, Il DVD e il libro allegato hanno scalato le classifiche ed è una conferma del fatto che in Italia esiste un pubblico alla ricerca di una tv diversa e che non vuole smettere di pensare seguendo il reality di turno.

A proposito di Fascisti su Marte, Guzzanti rivela di averci lavorato dieci anni, di averlo montato e smontato più volte. Il film sarà presentato al prossimo Festival di Roma in ottobre.

Fascisti su Marte, il film
Privacy Policy