Courmayeur 2011: Argento, Camilleri, Frears tris d'assi del noir

Tante le anteprime della manifestazione, dal thriller futuristico In Time alla dark comedy indie Bernie, che vede mattatore Jack Black, dallo sconvolgente Headhunters all'horror 'classico' di del Toro Non avere paura del buio. Ospiti il mago dell'orrore Dario Argento, che ci anticipa i segreti del suo Dracula 3D, e l'inglese Stephen Frears.

È dalla notte dei tempi che l'apocalisse esercita un fascino irresistibile sull'umanità. Borges si domandava: "Perché ci attrae la fine delle cose? Perché la tragedia gode di un rispetto che la commedia non ottiene? Perché sentiamo che il lieto fine è sempre fittizio?". Alle soglie del fatidico 2012 il Courmayeur Noir In Festival non si sottrae a questa fascinazione dando vita a una riflessione sulla trasformazione della società di fronte alla crisi che investe tutto il mondo occidentale dall'inizio del nuovo millennio. Nell'incontro intitolato Vedo nero. Un'apocalisse ci salverà? ascolteremo scrittori, studiosi, economisti e critici pronti a riflettere sui diversi volti di questa nostra contemporanea apocalisse permanente e sulle eventuali vie di uscita verso un possibile e sostenibile cambiamento. L'altra parte di Vedo nero, intitolata La risposta del cinema italiano, si misurerà invece con la ritrovata sensibilità del nostro cinema per l'impegno civile, per la ricerca delle risposte nella dignità individuale e collettiva. A discuterne, insieme al giornalista e scrittore Gaetano Savatteri, ci saranno sceneggiatori, registi, giornalisti d'inchiesta e produttori di cinema e televisione. Realizzata con il sostegno di Cinecittà Luce, questa riflessione a più voci vuole essere la prima tappa di un percorso permanente, un vero e proprio osservatorio dedicato all'audiovisivo italiano come laboratorio del nuovo.

John Hawkes, Elizabeth Olsen, Louisa Krause in Martha Marcy May Marlene
Il Noir in Festival, come si sa, è un singolare cocktail di cinema, letteratura, televisione, cronaca, grafica e new media. Sul versante cinematografico, l'ospite d'onore del festival sarà quest'anno il regista Stephen Frears, che ci racconterà il percorso "in noir" della sua multiforme carriera, dall'opera d'esordio Sequestro pericoloso all'apocalittico tv-movie A prova di errore, da Rischiose abitudini a Piccoli affari sporchi. Per le immagini inoltre parleranno il concorso con le 10 anteprime assolute, tre film fuori concorso, la selezione internazionale dei documentari, la fascia delle novità televisive proposte quest'anno insieme a FoxCrime (media partner della rassegna). Qualche titolo: i thriller finanziari sulla crisi di borsa e il mondo delle banche Margin Call, con Kevin Spacey e Demi Moore, e De bon matin con Jean-Pierre Darroussin; l'incubo futuribile In Time, di un autore di culto come Andrew Niccol, con Justin Timberlake e Amanda Seyfried; l'adrenalinico noir metropolitano The Yellow Sea di Na Hong-jin; il norvegese Headhunters scritto dal re del thriller Jo Nesbø; gli agghiaccianti ritratti della disperazione giovanile We Need To Talk About Kevin con Tilda Swinton e Martha Marcy May Marlene con la rivelazione Elizabeth Olsen; lo sconvolgente horror scritto da Guillermo Del Toro Non avere paura del buio; il nuovo horror in 3d Paranormal Xperience 3D di Sergi Vizcaino; due irresistibili black comedy: l'americana Bernie, ultima fatica di Richard Linklater con gli
Amanda Seyfried in una sequenza di In Time
straordinari Jack Black, Shirley MacLaine e Matthew McConaughey, e la russa A Yakuza's Daughter Never Cries di Sergei Bodrov e Gulshad Omarova; l'esplosivo reportage Il caso Khodorkovsky sul processo che ha condannato il chiacchierato tycoon russo; la nuovissima serie tv Homeland, il ritorno di due personaggi di culto come Luther e Dexter, e il capolavoro horror del danese Benjamin Christensen La scala di Satana (1929), musicato dal vivo per l'occasione da Pivio De Scalzi e Aldo De Scalzi. E poi le tante sorprese del Mini Noir con tre anteprime assolute come L'incredibile storia di Winter il delfino (in 3D) con Ashley Judd, la terza e ultima parte della trilogia di Luc Besson Arthur 3 - La guerra dei due mondi, la web serie di Maccio Capatonda La villa Di Lato che diventa film in quest'occasione. Né poteva mancare un'anticipazione esplosiva come quella del Dracula 3D le cui prime, spettacolari sequenze saranno commentate dallo stesso autore, il genio del brivido Dario Argento.

Un primo piano di Katie Holmes in Non avere paura del buio
Il territorio letterario del Noir quest'anno è popolato di "eredi", chi di una gloriosa tradizione letteraria, chi di maestri famosi. A cominciare dall'ospite d'onore Lawrence Block, presente al festival anche come giurato, che Gianrico Carofiglio ha definito "vero erede della tradizione dell'hard-boiled americano". Block è anche uno degli autori della prestigiosa antologia Millennium Thriller, curata da un veterano del genere come Otto Penzler insieme a James Ellroy, che verrà presentata a Courmayeur dal curatore. Per continuare con l'inglese C.M. Jones, che per la sua esperienza nel business intelligence ha preso con vigore in mano il testimone di Le Carré. O come l'autore di best sellers Åke Edwardson, che ha vinto tre volte il premio per il migliore thriller svedese ed è considerato l'erede di Henning Mankell. Ma il consolidato successo del giallo scandinavo ci regala altre sorprese, come il finlandese Matti Rönka, esploratore dei misteri della Carelia, e il giornalista globetrotter svedese Thomas Kanger. Eredi invece della nobile e combattiva tradizione anglosassone del giornalismo d'inchiesta sono pure il vice direttore del Guardian David Leigh e il suo corrispondente da Mosca Luke Harding, che portano a Courmayeur il loro libro sul controverso inventore di Wikileaks Julian Assange. Non mancano come al solito le scoperte, con l'inglese Stephen Kelman che al suo esordio è già stato finalista al prestigioso Booker Prize, o il criminologo Federico Varese che da Oxford analizza l'espansione mondiale del nostro prodotto di esportazione di maggior successo, la mafia.

Arthur 3: La guerra dei due mondi, la bella Selenia in una scena del film
Eredi di una grande cultura sono naturalmente i due protagonisti letterari di questa XXI edizione del Courmayeur Noir in Festival: Andrea Camilleri e Petros Markaris, entrambi Premio Chandler 2011. Maestri che reinterpretano la lezione di Simenon nella prospettiva di "un modo particolare di concepire i rapporti umani", come Camilleri definisce il giallo mediterraneo, e che ci parlano all'unisono della crisi e delle ingiustizie di oggi. Infine, due anniversari d'eccellenza incorniciano idealmente l'intero programma: alla vigilia del bicentenario della nascita di Charles Dickens (2012) ci interroghiamo con Adrian Wootton e Masolino D'Amico sulle antiche radici del genere noir nel grande romanzo sociale vittoriano; a cento anni dalla nascita di Giorgio Scerbanenco - il padre del noir italiano - lo ricordiamo come esploratore curioso di territori letterari diversi dal noir e singolarmente consonanti con il nostro tema dell'anno, l'apocalisse.

Ecco il programma completo del Courmayeur Noir In Festival 2012:

Courmayeur Noir 2011: programma del festival


Courmayeur 2011: Argento, Camilleri, Frears tris...

Fonte: Comunicato stampa

Privacy Policy