Comic-Con 2013: il cast di Breaking Bad saluta i fan di San Diego

Il cast dell'acclamata serie televisiva si riunisce per l'ultima volta a San Diego per salutare il suo pubblico e celebrare cinque incredibili anni.

Il cast di Breaking Bad e il creatore Vince Gilligan hanno partecipato al Comic-Con di San Diego per l'ultima volta per dire addio ai fan: Bryan Cranston, Aaron Paul, Anna Gunn, Dean Norris, Bob Odenkirk e RJ Mitte si sono riuniti nella sala H per rispondere alle domande del pubblico sulla seconda metà della quinta e ultima stagione e per mostrare un video inedito sui futuri episodi. Tanto per cominciare Cranston ha alleggerito il tono malinconico che sempre si accompagna alla fine di una serie presentandosi con una maschera molto ben fatta di Walter White con tanto di pizzetto e testa pelata e ha svelato che prima della sessione di interviste se n'è andato in giro per la convention indossando la maschera e chiaccherando con gli ignari avventori. L'attore ha poi continuato a usarla per rispondere alle domande dei presenti, incitando Paul a fare lo stesso; quest'ultimo ha ceduto alle insistenze commentando che "Bryan è un professionista assoluto quando si tratta di lavorare, ma allo stesso tempo è la persona più immatura che mi sia capitato di incontrare, il che dà vita a un bellissimo mix". Parlando dei loro momenti preferiti durante il corso delle cinque stagioni, Cranston ha ricordato uno dei suoi più terrificanti discorsi - "Sono io quello che bussa alla porta" - e la morte per overdose di Jane (Krysten Ritter): in relazione a questa scena abbiamo scoperto che in origine doveva essere molto più dark, ma la AMC intervenì dicendo che era troppo presto per mostrare quel lato di Walt. Paul invece ricorda una scena nella seconda stagione, nell'episodio 4 giorni fuori, quando Walt sta cercando di impartire una lezione a Jess su come costruire una batteria; il cast e la troupe hanno girato quella particolare sequenza dopo una giornata di 16 ore ma dopo aver terminato gli attori hanno fatto finta di avere dei problemi sul set in modo da poter avere un altro ciak e aggiungere una battuta suggerita da un membro dello staff, mostrando una vera e propria dedizione allo show. Gilligan ha parlato del suo momento preferito durante la prima stagione: nel quarto episodio Walt riceve un'offerta di aiuto per pagare i costi dei suoi trattamenti medici e perfino un lavoro, un'opportunità d'oro che chiunque avrebbe accolto a braccia aperte, ma Walt decide di tornare nel suo laboratorio a fabbricare metanfetamine invece "E' stato uno dei momenti di cui sono più fiero. Non è eccessivamente drammatico come molti degli episodi che sarebbero arrivati in seguito, ma è stato un momento decisivo. Abbiamo discusso a lungo in sala autori e ci dicevamo 'aspetta un minuto, che razza di personaggio è questo? Gli capita un'offerta del genere e lui la rifiuta? E' una brava persona, perchè dovrebbe farlo?' e la verità è che Walter è estremamente orgoglioso, fino al punto di arrecarsi un danno piuttosto che mostrarsi debole. Una volta che abbiamo superato quello scoglio sapevamo che avevamo qualcosa di incredibile da esplorare con questo personaggio".

Breaking Bad: Bryan Cranston nell'episodio Madrigal
Odenkirk ha smentito dei rumor su una sua presunta inclinazione a improvvisare sul set "mi rendo conto che avendo un background come attore comico la gente pensa che io tenda ad aggiungere battute ogni secondo, ma non è questo il caso, tutto quello che dico è scritto nel copione" ha poi approfittato dell'occasione per mostrare il suo amore per il serial dicendo "sono solo uno dei tanti fan sfegatati di Breaking Bad che ha la fortuna di avere un posto in prima fila". Una persona del pubblico ha chiesto al cast se c'è stato uno sviluppo nella crescita dei loro personaggi a cui hanno fatto fatica ad abituarsi: Norris ha parlato del suo lungo periodo di convalescenza dopo essere stato brutalmente ferito dai cugini "non poter camminare è stato davvero duro. Ho dovuto indossare dei pannoloni e non è stata un'esperienza piacevole". Anna Gunn ha raccontato che quando il suo personaggio era incinta hanno dovuto girare una scena in un supermercato dove Skyler sta fumando nonostante la sua gravidanza "c'erano delle persone che mi guardavano davvero male... non l'hanno presa per niente bene". Paul invece ha scelto la scena dove Jesse ha sparato a Gale sostenendo che è stato un punto di svolta per Jesse "lo ha trasformato in una persona davvero pessima. Ha ucciso la persona più amabile dello show". Sul tema di personalità deviate e voltafaccia malefici, Cranston è stato interrogato sulla natura di Walter e gli hanno chiesto se secondo lui il professore di chimica è sempre stato così spietato "Penso che nelle giuste circostanze - necessità, avarizia, depressione, qualsiasi possa essere la ragione - se spingi quei bottoni al momento giusto tutti possiamo diventare pericolosi. E questo è quanto accaduto a Walter White. Si è trasformato da persona perbene a criminale. Molti hanno una loro opinione su cosa ha fatto scattare la molla in Walter, per quanto mi riguarda penso sia stato nel primo episodio quando ha deciso di essere qualcuno che non era. Si trovava su una buccia di banana ed è scivolato, vendendo la sua anima al diavolo". Al termine della sessione di domande e risposte è stato mostrato un promo per il primo episodio della seconda metà della stagione che prenderà il via sulla AMC ad agosto e Gilligan ha parlato del finale di serie dicendo "Gli autori, il cast, la troupe e io siamo molto soddisfatti dal finale. Spero che anche il pubblico lo sarà".

Breaking Bad

Comic-Con 2013: il cast di Breaking Bad saluta i...
Privacy Policy