Biografilm 2017: omaggio a Angus MacQueen e Sabina Guzzanti

Tre sguardi sul mondo. La realtà vista con gli occhi dei protagonisti: il cinema di Angus MacQueen; al cuore delle cose tra indagine e satira: i documentari di Sabina Guzzanti; da Bologna al mondo con Michele Mellara e Alessandro Rossi.

Dal 9 al 19 giugno 2017 torna a Bologna Biografilm Festival | International Celebration of Lives, il primo evento cinematografico internazionale interamente dedicato a biografie e racconti di vita, per una tredicesima edizione imperdibile e ricca di film in anteprima, grandi eventi e concerti e straordinari ospiti.
Si comincia con uno tra gli autori più interessanti e apprezzati del panorama del cinema documentario internazionale, Angus MacQueen, definito da Tom Luddy, direttore del Telluride Film Festival, uno dei migliori documentaristi contemporanei. Dopo aver lavorato per molti anni con la casa di produzione e distribuzione cinematografica statunitense October Films, Macqueen ha collaborato spesso con la televisione inglese, in particolare con BBC e con Channel 4, per il quale ha ricoperto il ruolo di Head of Documentaries tra il 2006 e il 2008.

Nel corso della sua carriera, ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali: un IDA nel 2000 (con Gulag), un Emmy nel 2010 (con Frontline) e la candidatura a due BAFTA (con Gulag e Cocaine, rispettivamente nel 2000 e nel 2006). L'autore è anche una vecchia conoscenza di Biografilm che in anni recenti ha presentato i suoi film: 6 Years in the Jungle, docufilm sul rapimento di Ingrid Betancourt ambientato nella jungla colombiana, vincitore dell'Audience Award a Biografilm 2011, e The Legend of Shorty, un appassionante e crudo ritratto del signore della droga messicano "El Chapo" Guzmán, presentato in anteprima europea in concorso a Biografilm 2014

Dall'Europa all'Italia: Biografilm dedicherà un omaggio a Sabina Guzzanti, attrice-autrice di satira teatrale e televisiva e regista di lungometraggi, nonché una delle voci più note al grande pubblico del cinema documentario italiano. L'omaggio di Biografilm si concentrerà proprio sui suoi lavori da documentarista, con una selezione di opere che dimostrano la sua capacità di raccontare, come pochi altri, l'Italia di oggi e, attraverso l'Italia, il mondo e le sue dinamiche più tragicomiche, come dimostrato già dal clamoroso esordio nel 2005 con Viva Zapatero!, che ricostruisce le vicissitudini successive alla chiusura del programma televisivo Raiot - Armi di distrazione di massa, andato in onda sulla RAI per una sola puntata prima della chiusura obbligata.

Con il loro stile inconfondibile, i film di Sabina Guzzanti arrivano al cuore di ogni argomento, sia esso una (finta) reunion di comici (raccontata nel mockumentary Le ragioni dell'aragosta), la tragedia del terremoto in Abruzzo (Draquila - L'italia che trema, presentato in selezione ufficiale al Festival di Cannes 2010 e candidato all'Amnesty Award a CPH:DOX) o la trattativa Stato-Mafia (La trattativa, presentato in anteprima mondiale alla 71. Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia).

Sempre tra gli ospiti italiani, un omaggio sarà dedicato a un'eccellenza del territorio emiliano-romagnolo, una coppia di autori il cui originale percorso artistico è stato riconosciuto dal pubblico e dalla critica sia a livello nazionale che internazionale: Michele Mellara e Alessandro Rossi. I due lavorano insieme in un solido sodalizio artistico da circa quindici anni, cimentandosi, con una buona dose di eclettismo, nel cinema, nella televisione, nel documentario creativo, nel teatro e nella realizzazione di eventi. Il loro primo film, Fortezza Bastiani, si è aggiudicato il Premio Solinas per la miglior sceneggiatura ed è stato selezionato nella cinquina del David di Donatello come Miglior regista esordiente.
Tutte le informazioni sul sito ufficiale del festival www.biografilm.it.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV.

Biografilm 2017: omaggio a Angus MacQueen e...
Sabina Guzzanti racconta la "sua" trattativa
Un due tre stella: Sabina Guzzanti presenta il suo nuovo show
Privacy Policy