Promised Land

2012, Drammatico

Berlinale 2013, giorno 2 tra paradisi e terre promesse

Gus Van Sant presenta in concorso il suo Promised Land, con Matt Damon, mentre Joseph Gordon-Levitt presenta il suo esordio alla regia. In concorso anche Paradise: Hope e In the Name of, che vede protagonista un prete gay.

Tre temi differenti e non certo "facili" per i tre film in concorso oggi a Berlino: Paradise: Hope di Ulrich Seidl, Promised Land di Gus Van Sant e In the Name of della regista polacca Malgorzata Szumowska, già autrice di Elles, con la Binoche. Con Paradise: Hope, Seidl conclude la sua trilogia (che si compone di altri due titoli, Paradise: Love e Paradise: Faith presentati a Cannes e Venezia) raccontando la storia di Melanie, una ragazzina obesa che viene affidata alle cure di un centro dietetico perchè perda peso, e si ritrova insieme ad altri ragazzi con le sue stesse problematiche, con i quali condividerà frustrazioni e momenti di svago durante il soggiorno di cura. Il film di Van Sant invece è un dramma teso che affronta temi legati alla politica, l'ecologia e l'attuale situazione economica. A Matt Damon è affidato il ruolo di Steve, un rappresentante che insieme ad una sua collega (interpretata da Frances McDormand) viene inviato in una località rurale per concludere un affare molto importante, fondamentale per l'espansione della sua azienda. Un incarico che sulle prime sembra facile, ma in seguito sarà ostacolato da alcuni abitanti della comunità, tra cui un insegnante.
Il terzo film in concorso invece, punta i riflettori su una tematica complessa come quella dell'omosessualità dei sacerdoti. Il protagonista infatti è un prete che apre un centro per ragazzi difficili, all'interno di una piccola comunità di campagna. Durante il suo incarico, rifiuta le avance di una giovane, sottolineando che il suo ruolo gli proibisce di legarsi sentimentalmente ad un'altra persona, ma quando incontrerà Łukasz, un ragazzo taciturno e solitario, avrà grosse difficoltà a tenere a freno quello che prova per lui.

Don Jon: Scarlett Johansson e Joseph Gordon-Levitt nella prima immagine del film
Tra i tanti film presentati oggi nella sezione Panorama, spicca l'esordio alla regia di Joseph Gordon-Levitt, Don Jon's Addiction. In precedenza l'attore aveva firmato alcuni cortometraggi, e per il suo primo lungometraggio ha voluto accanto a sè - che interpreta un Don Giovanni moderno col pallino del sesso - Julianne Moore e Scarlett Johansson. Don Jon's Addiction affronta temi legati al sesso e all'erotismo con vivace ironia, con il protagonista che inaspettatamente si innamora di una ragazza. Il tema del sesso viene affrontato con toni diversi nell'indonesiano Something in the Way di Teddy Soeriaatmadja, nel trasgressivo documentario EXPOSED e nel drammatico Lose Your Head di Stefan Westerwelle.

Di seguito il nostro Videodiario dalla Berlinale sulla giornata di ieri:

Video-diario Berlinale 2013: giorno 1

Berlinale 2013, giorno 2 tra paradisi e terre...
Privacy Policy