Miami Vice

1984 - 1990

All’asta la Ferrari bianca di Miami Vice

La mitica, candida, Testarossa guidata da Sonny Crockett aveva fatto il suo ingresso nello show alla terza stagione.

Angelica Vianello

Pensando a Miami Vice è impossibile non evocare nella mente l'immagine di Don Johnson, la capigliatura selvaggia baciata dal sole, con i suoi completi bianchi e ampi appoggiato al fianco o alla guida dell'altrettanto candida Ferrari. Ebbene, un pezzo della storia della TV e della cultura anni '80 andrà all'asta il prossimo 15 Agosto a Monterey, California.

La Testarossa del 1986 era uscita dalla fabbrica con la carrozzeria nera, ma il produttore della serie Michael Mann decise di farla ridipingere di bianco affinché fosse più visibile nelle riprese notturne. La Ferrari monta un motore da 4.9 litri, 390 cavalli, 12 cilindri boxer, un cambio manuale a 5 marce e non è mai uscita dal magazzino in cui fu riposta nel 1989, quando la serie fu cancellata. Un affarone, insomma, per chi potrà permettersela: era già stata offerta per 1,57 milioni di dollari su eBay l'anno scorso, ma senza successo.

Prima che Sonny Crockett, il personaggio interpretato da Johnson, guidasse questo gioiellino, sul set si utilizzava un altro notevole esemplare, ma non agli stessi livelli della Testarossa: si trattava infatti di una replica della Ferrari Daytona Spyder montata sullo chassis di una Corvette. La Ferrari fece causa al fabbricatore della replica e offrì di fornire allo show due Testarossa con la condizione che la finta Ferrari di Crockett venisse distrutta sullo schermo.

Ecco dunque perché la Daytona andò in fiamme in un'esplosione spettacolare, colpita da un missile Stinger nel primo episodio della terza stagioneGli Irlandesi (When Irish Eyes Are Crying). Da quel momento in poi, solo Ferrari autentiche per Sonny.

L'asta fa parte della serie di eventi che precedono il Concours d'Elegance 2015 che si terrà questa domenica a Pebble Beach in California.

All’asta la Ferrari bianca di Miami Vice
Icone TV: Da Mork a Alf, cosa resterà di quegli anni ’80?
Emmy Award: le serie più “snobbate” agli Oscar TV (prima parte)
Privacy Policy