Addio, Riccardo Pazzaglia

Lo scrittore, attore e regista partenopeo si è spento oggi a Roma. Aveva 80 anni.

Si è spento oggi a Roma Riccardo Pazzaglia: lo scrittore, attore e regista partenopeo aveva 80 anni.
Pazzaglia divenne particolarmente popolare negli anni '80, quando entrò a far parte dello stravagante salotto di Renzo Arbore nella trasmissione Quelli della notte, in cui discuteva del suo brodo primordiale che poi diede il titolo ad uno dei suoi libri. Non è stato solo scrittore, ma anche giornalista, attore, scenografo, regista e come egli stesso amava dire anche "ex scugnizzo del Rione Sanità".

Pazzaglia è l'autore di libri come La repubblica romana ha i giorni contati, Odore di caffè, Il cadavere in bicicletta, Il guarracino italiano e Separati in casa, che ha ispirato il film omonimo da lui diretto ed interpretato accanto a Simona Marchini.
Per il cinema ha diretto film come Farfallon e L'onorata società con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, e di un episodio del film La fabbrica dei soldi ma fu anche l'autore delle sceneggiature di 32 dicembre e de Il mistero di Bellavista, e Così parlò Bellavista, nei quali interpretò due divertentissimi ruoli, quello del signore col cavalluccio rosso e quello del Marchese Filiberto Bonajuto di Pontecagnano.

I funerali di Pazzaglia, che fu anche regista e conduttore radiofonico ed autore di canzoni per Domenico Modugno, saranno celebrati domani, in forma strettamente privata, secondo le sue ultime volontà.

Addio, Riccardo Pazzaglia
Privacy Policy