Senso - curiosità

1954, Drammatico

4.4
Curiosità e citazioni

Citazioni


  • E un intero mondo sparirà, quello a cui apparteniamo tu ed io!

Curiosità


  • Date di uscita e riprese - Senso è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 28 Gennaio 1955.
    Le riprese del film si sono svolte in Italia.

    Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

    Arsenale, Castello, Venezia, Italia
    Borghetto, Valeggio sul Mincio, Verona, Italia
    Campo del Ghetto nuovo, Cannaregio, Venezia, Italia
    Castel Sant' Angelo, Roma, Italia
    Fondamenta di Cannaregio, Venezia, Italia
    Rielo di San Daniele, Castello, Venezia, Italia
    Scalera Studios, Venezia, Italia
    Solferino, Mantova, Italia
    Teatro La Fenice, Venezia, Italia
    Titanus Studios, Roma, Italia
    Venezia, Italia
    Via Garibaldi, Trastevere, Roma, Italia
    Via della Scala, Trastevere, Roma, Italia
    Vicolo del Cedro, Trastevere, Roma, Italia
    Villa Godi Valmarana, Lonedo, Lugo di Vicenza, Vicenza, Italia

    ● ● ●
  • Specifiche tecniche - Girato in: 35 mm. Proiettato in: 35 mm. Rapporto immagine: 1,66 : 1. Colore: a colori (Technicolor). Formato audio: Mono. Lingua originale: italiano e tedesco.

    ● ● ●
  • Partecipazioni sfumate - Ingrid Bergman e Marlon Brando dovevano essere i protagonisti di Senso di Luchino Visconti, tuttavia la lorò partecipazione sfumò, perchè secondo la produzione Brando era semisconosciuto, ma per quanto riguarda la Bergman, secondo Visconti, fu Roberto Rossellini a porre il veto per gelosia, perchè non voleva che lavorasse con altri. Secondo Rossellini, invece la Bergman aveva rifiutato il ruolo perchè il nostro Risorgimento non le diceva nulla.

    ● ● ●
  • Altri titoli - Il film di Luchino Visconti doveva chiamarsi 'Custoza' e concludersi con un soldatino austriaco che paingendo gridava "Viva l'Austria", ma vi si opposero la censura, il ministero e la casa di produzione, poichè si trattava di una battaglia perduta.
    Si ripiegò allora su Senso, ma anche qui la censure ebbe forti perplessità, tanto che nelle prime scene del film la tavoletta del ciak portava la scritta 'Uragano d'estate'.