Sangue del mio sangue

2015, Drammatico

2.8
Sangue del mio sangue (2015)
Genere
Drammatico, Storico
Durata
Regista
Uscita ITA

Italia Settentrionale, XVII secolo. In un monastero suor Benedetta seduce un giovane confessore e il suo fratello gemello e per questo viene condannata ad essere murata viva nelle prigioni di Bobbio. La fiamma del desiderio continuerà a vibrare inaspettatamente fino al presente, quando un sedicente ispettore ministeriale scoprirà, ai giorni nostri, che l'edificio è ancora abitato da un misterioso Conte che vive solo di notte.



#MarcoBellocchio a #Venezia72 con Sangue del mio sangue: un doppio film complesso ed ermetico ma ricco di suggestioni
Perché ci piace
  • Il coraggio di Marco Bellocchio nel rinnovare ancora il proprio linguaggio cinematografico mediante un racconto che sa spiazzare e sorprendere lo spettatore.
  • Le innumerevoli suggestioni, narrative, poetiche e visive, trasmesse dal film, anche in virtù di una messa in scena di indiscutibile fascino.
  • Un finale di notevole potenza nella sua fusione fra il piano realistico e quello onirico e visionario.
Cosa non va
  • L'estremo ermetismo del film, la sua natura ambigua e sfuggente, ne fanno un'opera che rischia di risultare non facilmente fruibile.
  • Non tutte le sequenze convincono a fondo, soprattutto nella seconda parte (si veda il personaggio troppo caricato di Filippo Timi).

Le vostre recensioni