La svolta. Donne contro l'Ilva

2010, Documentario

0.0
La svolta. Donne contro l'Ilva (2010)
Genere
Documentario
Durata

A Taranto donne combattive vogliono spezzare il bastone dell’illegalità, dell’arroganza e mettere fine all’impunità che mortifica la propria dignità, uccide i propri mariti e figli, mina la propria salute. Donne che si ribellano, oggi, contro quella che a Taranto è stata sempre considerata una salvezza, da qualche tempo il peggiore dei mali. L’Ilva. L’Ilva è la più grande acciaieria d’Europa che con l’aumento annuale dei profitti vanta il primato italiano di morti sul lavoro e d’inquinamento ambientale. “La Svolta. Donne contro l’Ilva” racconta la battaglia di sei donne in particolare: Francesca e Patrizia, mogli di operai morti all’Ilva; Vita, mamma di un giovane operaio ammazzato da una gru nello stabilimento; Margherita, ex dipendente mobbizzata e licenziata; Anna, finita sulla sedia a rotelle, e Caterina, mamma di un bambino autistico: patologie diverse, entrambe probabili conseguenze dell’inquinamento. La loro necessità di riscatto per sé e per gli altri: nei tribunali, nelle manifestazioni di piazza, nelle associazioni, nel sindacato. Al centro, sempre la fabbrica. Il lavoro raccontato da dipendenti ed ex dipendenti e svelato da Antonino, operaio morto nello stabilimento. La sua vicenda, narrata nel testo “La Svolta” scritto dalla moglie Francesca, nel video è interpretata da un attore. L’ingresso, il lavoro e la morte all’Ilva. Decenni di sconvolgimenti socio-economici e ambientali di una città che forse oggi ha trovato il coraggio di reagire contro la fabbrica che è amica se dà lavoro, ma che è nemica perché disprezza l’uomo e mortifica l’ambiente. Con la complicità delle istituzioni, dei sindacati, dei cittadini-lavoratori (per necessità, per paura).

Le vostre recensioni