Italo

2014, Ragazzi

4.1
Italo (2014)
Genere
Ragazzi
Durata
Regista
Uscita ITA

Nel 2009 nella cittadina siciliana di Scicli si diffonde la psicosi del cane randagio per colpa di un brutto episodio che aveva coinvolto un bambino e un gruppo di cani. Di colpo tutti i cani vennero sequestrati dalle strade e portati chissà dove. E' proprio in quel momento che il meticcio color miele, che venne poi chiamato Italo, arriva nel paesino conquistando l'affetto di tutti per il suo sguardo tenero e la sua indole dolcissima. Non si sa da dove è arrivato né quale fosse la sua storia precedente, ma piano piano Italo si guadagna niente meno che la cittadinanza onoraria di Scicli. Tratto da una storia vera.



#Italo la dimostrazione che quando la realtà supera la fantasia l’eccesso di finzione rovina la fiction
Perché ci piace
  • Bambini e animali: binomio perfetto per una storia di formazione che sa di favola contemporanea.
  • Le ambientazioni barocche di Scicli fanno da perfetta cornice a una storia la cui sceneggiatura sembra fuori dal tempo, come i luoghi in cui è girata.
  • I siparietti di Barbara Tobita, seppure eccessivi, sono esilaranti e strappano allo spettatore risate sincere.
Cosa non va
  • I troppi personaggi rendono confusionario il racconto soprattutto nei momenti più complicati e enfatici della narrazione.
  • Tutti i coprotagonista, tranne il cane, risultano eccessivamente stereotipati e quella che è una storia tratta dalla realtà è sporcata da un eccesso di “macchiette” pressoché inutili ai fini narrativi.

Le vostre recensioni