Il grande quaderno

2013, Drammatico

2.9
Il grande quaderno (2013)
Genere
Drammatico, Guerra
Durata
Regista
Uscita ITA

Verso la fine della seconda guerra mondiale, una madre in preda alla disperazione lascia i due giovani figli gemelli nella casa di campagna della crudele nonna. Quest'ultima, definita "la strega" per avere in passato avvelenato il marito, cresce i ragazzi in un ambiente disumano in cui l'unica possibilità per andare avanti è quella di imparare a divenire insensibili e spietati. In questo contesto, i gemelli tengono un loro diario sugli eventi di guerra di cui sono testimoni.



#IlGrandeQuaderno: una rilettura fedele e coinvolgente del capolavoro di Agota Kristof sulle atrocità della guerra
Perché ci piace
  • La capacità di mettere in scena con efficacia gli orrori di un conflitto militare, avvalendosi anche di una notevole ricostruzione tecnica.
  • Il sostanziale rigore della messa in scena, che rispetta lo stile del romanzo della Kristof e nelle scene chiave riesce a colpire emotivamente lo spettatore.
  • La bravura dei due giovanissimi protagonisti, i gemelli András e László Gyémánt.
Cosa non va
  • Un approccio un po' didascalico nel passaggio dalla pagina allo schermo, soprattutto nella parte iniziale, con l'uso insistito della voce narrante.
  • L'eccessiva fedeltà al romanzo di partenza, laddove sarebbe stata auspicabile una maggior dose di originalità e di coraggio dal punto di vista della regia e della sceneggiatura.

Le vostre recensioni