Il giudice meschino (MINISERIE TV IN 2 PARTI)

2014, Drammatico

2.4
Il giudice meschino (MINISERIE TV IN 2 PARTI)...
Genere
Drammatico
Durata
Regista
Uscita ITA

Alberto Lenzi, Pubblico Ministero alla procura di Reggio Calabria, ha una brutta fama: pigro, indolente, troppo amante della vita per perdere tempo col lavoro. Separato dalla moglie, con un figlio di 8 anni, Enrico, che sente per lo più come un peso, ha una relazione clandestina con Marina, maresciallo dei carabinieri che lavora con lui. A sconvolgere la sua vita, un evento terribile: Giorgio Maremmi, collega magistrato e amico carissimo, viene ucciso in un agguato. Per Alberto è un brusco risveglio: si rimbocca le maniche e si getta a capofitto nel lavoro. Il caso sembra, a prima vista, di facile soluzione: poche ore prima di cadere sotto i colpi del killer, Maremmi aveva pronunciato una violenta requisitoria contro Francesco Manto, un esponente di medio livello della 'ndrangheta locale, che dopo la condanna lo aveva minacciato platealmente di morte. A eseguire quella agghiacciante sentenza potrebbe essere stato il fratello di Manto, Antonio, da anni latitante. Per Giacomo Fiesole, pubblico ministero incaricato delle indagini, questa sembra essere la pista più probabile. Alberto, però, non è dello stesso avviso: non condivide le teorie e i metodi di Fiesole con cui si è più volte scontrato in passato e insieme a Marina e all'ispettore Brighi va avanti per la sua strada. Ad aiutarlo, inaspettatamente, è don Mico Rota, anziano boss della vecchia 'ndrangheta, che sta scontando una lunga detenzione. Don Mico ha scoperto che dietro quella vicenda c'é la mano di un boss emergente, che sta prendendo il suo posto al vertice della 'ndrangheta locale: Pasquale Rezza. Gli interrogatori a Don Mico e la scoperta che Maremmi stava indagando segretamente su un traffico di rifiuti tossici portano Alberto ad avvicinarsi sempre più alla soluzione del caso. Ma la reazione della nuova 'ndrangheta non tarda ad arrivare...

Le vostre recensioni