I baci mai dati - curiosità

2010, Drammatico

3.2
Curiosità e citazioni

Citazioni


  • Vorrei che la Madonna facesse trovare un lavoro al mio fidanzato in un supermercato. Nel turno dalle 3 alle 8 del pomeriggio, che è il migliore
  • E' stata la Madonna, ha fatto tutto lei.

Curiosità


  • Date di uscita e riprese - I baci mai dati è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 29 Aprile 2011 (Videa).
    Le riprese del film si sono svolte in Italia.

    Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

    Catania, Italia
    Librino, Catania, Italia
    Ragusa, Italia

    ● ● ●
  • Solo baci a Librino per Roberta Torre - I baci mai dati di Roberta Torre è stato girato per sei settimane a Librino, il quartiere satellite alla periferia sud ovest di Catania costruito negli anni '60 come città satellite modello, una sorta di New Town che ha poi disatteso le aspettative progettuali, su progetto dell'architetto giapponese Kenzo Tange. "È stato il primo film interamente girato in quel quartiere" - ha raccontato la Torre -"Inizialmente l'accoglienza è stata complicata, poi la convivenza si è costruita giorno per giorno e alla fine anche la troupe del film è stata accettata, così come l'idea che non si stesse facendo, incredibilmente, un film di mafia. Tutti ci chiedevano infatti come mai non ci fossero morti ammazzati, killer e inseguimenti, tanto abituati a questo immaginario da non poter credere che nel loro quartiere qualcuno venisse per raccontare altro".

    ● ● ●
  • Miracolo sul set - "Un episodio curioso avvenuto dopo qualche mese dalla fine delle riprese de I baci mai dati ci ha fatto capire come si fa in fretta a cambiare l'immaginario di un intero quartiere." - ha raccontato Roberta Torre, regista del film ambientato a Catania, nel quartiere Librino - "Da
    alcuni alberi del viale Bummacaro, l'enorme vialone che si snoda all'interno del
    quartiere, ha iniziato a sgorgare acqua limpida. Subito sono accorsi i Librinesi con
    recipienti per raccogliere il liquido e hanno decretato che si trattava di una sostanza
    dai poteri miracolosi e curativi, chi lo utilizzava per sanare piccole ferite e
    sbucciature, chi per far regredire la febbre. Le televisioni locali hanno registrato
    l'accaduto e per qualche giorno non si è parlato d'altro. Insomma il collegamento tra
    il film e l'evento è stato immediato e quello registrato come il primo miracolo
    avvenuto nel quartiere dopo le riprese del film che parlava appunto di miracoli a
    Librino.
    "

    ● ● ●
  • Venezia 2010 - Presentato nella sezione Controcampo Italiano della 67. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (2010).