Fast & Furious 5 - curiosità

2011, Azione

3.4
Curiosità e citazioni

Curiosità


  • Date di uscita e riprese - Fast & Furious 5 è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 04 Maggio 2011 (Universal Pictures); la data di uscita originale è: 29 Aprile 2011 (USA).
    Le riprese del film si sono svolte nel periodo 28 Giugno 2010 - 15 Ottobre 2010 in Brasile e USA.

    Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

    Rio de Janeiro, Brasile
    Atlanta, Georgia, USA
    California, USA
    Los Angeles, California, USA
    Parker, Arizona, USA
    Rice, California, USA
    Rice, California, USA
    Vidal, California, USA

    ● ● ●
  • The Fast and the Furious: una saga ad alta velocità - Del film The Fast and the Furious - diretto nel 2001 da Rob Cohen - sono stati realizzati tre sequel, uno nel 2003 (per la regia di John Singleton) quindi nel 2006 e nel 2008, questi ultimi due diretti da Justin Lin. Lin è anche autore di Fast Five, quinto capitolo del franchise.

    ● ● ●
  • Gal Gadot e la Ducati - Nella preparazione del suo ruolo in Fast & Furious - Solo parti originali, Gal Gadot ha imparato a guidare una Porsche Cayman. In Fast & Furious 5, le è stato chiesto di indossare un casco da motociclista ed imparare a guidare una Ducati. Già familiare con le motociclette, Gadot è stata felice di provare il modello top della scuderia. Come spiega infatti "Ho già guidato moto in passato, ma non di questo tipo. La Ducati era grossa e pesante, ma ugualmente bella".

    ● ● ●
  • Le scenografie di Fast & Furious 5 - Lo scenografo Peter Wenham ha trovato particolarmente impegnativo lavorare allo sviluppo dello scenario delle favelas di Rio de Janeiro per Fast & Furious 5. La scenografia della favela infatti, ha costretto Wenham al doppio compito di mettere in sicurezza strutture che avrebbero dovuto sostenere il peso di un voluminoso equipaggiamento video, ed aggiungere una nuova scelta di colori per più di trenta palazzi presenti nella città. La sua squadra di lavoro si è dovuta inoltre occupare di rinforzare le finestre, spargere frammenti di ogni tipo e rendere i dintorni un po' più malconci di quanto non lo fossero, in modo da ricreare le cadenti baraccopoli di Rio. Wenham ha persino progettato segnali stradali che ricordano quelli delle celebri zone di Dona Marta e Santa Maria.
    A causa di tempistiche legate agli accordi presi con la città, i dipartimenti artistici e di costruzione hanno avuto a disposizione solo quattro settimane per approntare i tentacolari dintorni per le due settimane di riprese programmate. Spiega Wenham: "E' stata una location molto complessa in cui lavorare. Temperatura ed umidità erano a livelli incredibili, e la logistica del film che in quel momento richiedeva riprese di paesaggi diroccati ha rappresentato una difficoltà. Ma posso assicurarvi che, paragonato alle difficoltà che avremmo potuto incontrare girando nelle vere favelas di Rio, è stata una vera passeggiata"