Amanti perduti - curiosità

1945, Drammatico

4.2
Curiosità e citazioni

Citazioni


  • "Vi batterete in duello. E con chi?". "Con un imbecille". "Lo ucciderete, spero". "Eh, se si dovessero uccidere tutti gli imbecilli...".

Curiosità


  • Date di uscita e riprese - Amanti perduti è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 27 Marzo 1946; la data di uscita originale è: 15 Marzo 1946 (Francia).
    Le riprese del film si sono svolte nel periodo 16 Agosto 1943 - 15 Marzo 1944 in Francia.

    Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

    Nizza, Francia
    Parigi, Francia
    Pont de Joinville-le-Pont, Joinville-le-pont, Val de Marne, Francia
    Rue de Ménilmontant, Paris 20, Parigi, Francia
    Studios Pathé-Cinema, Joinville-le-pont, Val-de-Marne, Francia
    Studios de la Victorine - 16 avenue Edoard Grinda, Nice, Alpes-Maritimes, Francia

    ● ● ●
  • Specifiche tecniche - Girato in: 35 mm. Proiettato in: 35 mm. Rapporto immagine: 1,37 : 1. Colore: bianco e nero. Formato audio: Mono. Lingua originale: francese.

    ● ● ●
  • Gli amori di un mimo - L'idea per il film fu suggerita a Marcel Carné e a Jacques Prévert proprio dall'attore Jean-Louis Barrault, che raccontò loro la tragica storia di Baptiste Deburau, celebre mimo del diciannovesimo secolo.

    ● ● ●
  • La "riserva" di Barrault - All'inizio sembrava che Jean-Louis Barrault fosse impossibilitato a partecipare ad Amanti perduti per impegni antecedenti con la Comédie Française; regista e sceneggiatore avevano pensato, per il ruolo di Baptiste, a Jacques Tati.

    ● ● ●
  • I soprusi di Vichy - Le riprese del film iniziarono a Nizza nel 1943; le autorità di Vichy richiamarono la troupe a Parigi e imposero la cacciata del produttore André Paulvé, perché ebreo.

    ● ● ●
  • Emergenze belliche - Le riprese del film terminarono pochi giorni prima dello sbarco in Normandia, e Marcel Carné decise di farlo uscire dopo la Liberazione. Nell'attesa, copie del film finito furono nascoste in tre luoghi diversi: nei sotterranei della Banca di Francia, nella cassaforte della casa di produzione e in una villa in Provenza.

    ● ● ●
  • Clandestini - Il musicista Joseph Cosma e lo scenografo Alexander Trauner, che erano ebrei, lavorarono segretamente al film Amanti perduti, utilizzando degli pseudonimi.