Wonderstruck

2017, Drammatico

Wonderstruck: una favola sensoriale per Todd Haynes

Partendo dal romanzo di Brian Selznick "La stanza delle meraviglie", con Wonderstruck Todd Haynes racconta una favola in cui, per crescere, bisogna trovare le proprie radici riconciliandosi con il passato e gettarsi nel mondo senza paura. In concorso al 70esimo Festival di Cannes con una splendida Julianne Moore in un doppio ruolo.

Wonderstruck: i due piccoli protagonisti del film in una scena

La matita su un foglio bianco, la colla che lascia le mani appiccicose quando si sfoglia un quaderno di ritagli di giornale, il mistero di polaroid sbiadite che catturano istanti di vita quotidiana, l'irregolarità di un modello di New York che nasconde più segreti di quanto non si pensi: una storia è fatta di piccoli dettagli che evocano ricordi, emozioni, sensazioni, che, uniti l'uno con l'altro, compongono un viaggio, come un segno di pennarello su una mappa geografica.

Leggi anche: Wonderstruck: Todd Haynes, Julianne Moore e Michelle Williams a Cannes nei "segni" del cinema

Partendo dal romanzo di Brian Selznick (già autore di Hugo Cabret, trasformato in un film da Martin Scorsese) La stanza delle meraviglie, qui al suo esordio come sceneggiatore, con Wonderstruck, in concorso al 70esimo Festival di Cannes, Todd Haynes torna a giocare con tempo e spazio, alternando la storia di due dodicenni, Rose (Millicent Simmonds) e Ben (Oakes Fegley), vissuti rispettivamente nel 1927 e nel 1977, che apparentemente non hanno nulla in comune se non un problema di udito e soprattutto una famiglia difficile: la ragazza ha una madre che la ignora e un padre severo, il ragazzo ha appena perso la mamma (Michelle Williams) e non ha mai conosciuto il papà. Per non rimanere confinati in quattro mura isolati dal mondo, entrambi si fanno coraggio e si gettano tra "gli udenti", cercando di ritrovare se stessi e i propri genitori a New York, città delle possibilità per eccellenza, capace di farti sognare e allo stesso tempo di essere crudele.

Leggi anche: Cannes 2017: 15 film da non perdere, 15 registi su cui puntiamo

Wonderstruck: una scena del film

Alternano bianco e nero e colori, musica classica e brani rock di culto anni '70 (su tutti Space Oddity di David Bowie, usata ossessivamente quasi come un battito cardiaco, che scandisce le emozioni di Ben), Haynes delinea la sua prima favola, cercando di avvicinare il mondo dei giovanissimi a quello degli adulti, rappresentati da una Julianne Moore splendida, che ha il doppio ruolo di madre e nonna, riuscendo a essere comunicativa senza parlare, raccontando un mondo con un semplice sguardo.

"Can you hear me major Tom?"

Wonderstruck: il poster del film

A due anni di distanza da Carol, magnifica storia d'amore ambientata negli anni '50 con protagoniste Cate Blanchett e Rooney Mara, il regista americano torna in concorso a Cannes con un'opera complessivamente forse meno riuscita, ma altrettanto curata dal punto di vista stilistico e ancora una volta emozionante. La storia intrecciata dei piccoli Rose e Ben è un viaggio sensoriale attraverso i demoni dell'adolescenza, in cui i giovani protagonisti esplorano il mondo dovendo scontare il peso di avere un pezzo mancante, i propri genitori, simboleggiato dalla perdita dell'udito. Quando siamo senza radici, senza il supporto di una famiglia e privi della consapevolezza che là fuori esiste qualcuno che, a prescindere da tutto, ci ama e ci sostiene, è come avere un organo o un senso in meno: in questo caso è l'udito, stratagemma attraverso cui Haynes ci proietta in un mondo alternativo, visto con gli occhi di chi vive la realtà filtrandola in modo differente.

Leggi anche: Cannes contro Netflix e il destino delle sale: chi ha ragione e chi vincerà?

Wonderstruck: il cast al completo a Cannes col regista Todd Haynes

Il senso di appartenenza inappagato dei protagonisti è trasmesso con un ammirevole gioco di immagini e montaggio sonoro, in cui la musica sparata a tutto volume e l'assenza di suoni rispecchiano il mondo interiore di Rose e Ben, che alterna ricordi a sogni, passato e presente, in un percorso doloroso e allo stesso tempo necessario per crescere e trovare il proprio posto nell'universo.

I due volti della Moore e di New York

Leggi anche: Festival di Cannes dietro le quinte: come funziona la kermesse cinematografica più prestigiosa al mondo

Wonderstruck: un primo piano di Julianne Moore

Accanto alla sua musa Julianne Moore, sempre più magnetica e brava, in grado di far commuovere senza nemmeno bisogno di parlare, Haynes mette in campo tre giovani talenti, Oakes Fegley, Jaden Michael (visto nel ruolo di Refe nella serie di Netflix The Get Down, che qui interpreta Jamie, ragazzino che aiuta Ben nella ricerca di suo padre) e l'esordiente Millicent Simmonds, attrice sordomuta dotata di giganteschi occhi dall'espressività disarmante. Nel confronto tra vecchie e nuove generazioni, epoche lontane, gli eleganti anni '20, e fondamentali, gli psichedelici '70, Wonderstruck racconta di come la vita sia formata dai legami che stabiliamo con gli altri, che siano parenti, amici o sconosciuti. Protagonista silenziosa e allo stesso tempo assordante una New York magnifica, che muta aspetto ma non cambia il suo cuore, scrigno di esistenze uniche e difficili, commoventi e bizzarre: quando Ben e Rose trovano le loro radici, è la stessa città a unirli e abbracciarli, a testimonianza di un legame universale e indissolubile, quello che si instaura con chi risuona sulla nostra stessa frequenza, senza bisogno di sentire con le orecchie, ma accogliendoci con coraggio nel suo nucleo emotivo più morbido e indifeso, che non ha bisogno di parole per dirci che siamo finalmente a casa.

Wonderstruck: una favola sensoriale per Todd...
Valentina Ariete
Redattore
3.5 3.5
Cannes 2017
News Film & Serie Foto Video
Festival di Cannes, dietro le quinte: come funziona la kermesse cinematografica più prestigiosa al mondo
Cannes 2017: 15 film da non perdere, 15 registi su cui puntiamo
Privacy Policy