Splice

2009, Fantascienza

Vincenzo Natali e i mostri 'umani' di Splice

Dalla mente di Vincenzo Natali arriva l'ultima, scioccante variazione sul tema tanto caro alla Mary Shelley del Dr. Frankenstein: un salto nell'oscurità dell'animo umano che da sempre agogna ad emulare il suo Dio creando la vita dal nulla.

Il Sundance Film Festival di quest'anno è stato scioccato dalla presentazione dell'ultima fatica di Vincenzo Natali, Splice, un'opera provocatoria che usa la settima arte per sollevare domande inquietanti sulla natura umana e sulla nostra potenziale tendenza verso la sindrome dell'onnipotenza, le cui conseguenze sono quasi sempre disastrose. La trama è semplicissima: due scienziati (Adrien Brody e Sarah Polley) oltrepassano i limiti imposti dall'etica e dalla legge per raggiungere nuovi vertici del sapere, usando del DNA umano combinato con quello, scomposto, di varie specie animali, dando vita a una nuova creatura con la quale instaurano un rapporto parentale contro ogni regola scientifica e morale. Senza rovinare la sorpresa al pubblico, diciamo soltanto che, così come ogni cosa in natura, Dren (questo il nome datole dai suoi 'genitori'), non si comporterà secondo la logica di chi l'ha creata ma si evolverà secondo regole nuove ma allo stesso tempo antiche, cercando disperatamente di ottenere quello che ogni creatura in gabbia vuole: la libertà. Dren, che è impersonata magnificamente da Delphine Chanéac, è il vero fulcro vitale della storia, una metafora nella quale si rispecchia l'umanità o disumanità dei suoi artefici. Ma anche se la trama del film è abbastanza lineare, le emozioni e le riflessioni che ne scaturiscono non lo sono affatto; Splice non è il classico film horror, dove spesso il genere è fine a se stesso, e così come in altre delle precedenti opere di Natali (Il Cubo) il film, così come il finale, rimane aperto all'interpretazione del pubblico. Lo abbiamo intervistato per conoscere meglio l'idea che c'era dietro Splice e cosa si aspettava dal risultato finale. Per scoprire altri dettagli sulla pellicola, vi invitiamo inoltre a visitare il sito ufficiale.

Partendo dalla sua visione iniziale, è rimasto soddisfatto dal risultato finale? Vincenzo Natali: A dire la verità, io non rimango mai soddisfatto. Con nessuno dei miei film. Ci sono momenti, passaggi che mi piacciono ma quando ho finito di girare ho l'immediato impulso di rifarlo daccapo perchè immagino sempre nuovi modi per migliorarlo. Ma di tutti i miei film, Splice è quello che mi ha soddisfatto di più. Penso che questo abbia a che fare con il cast fantastico con cui ho lavorato che mi ha dato delle performances meravigliose. Non mi stanco mai di guardarli, inoltre devo dire che sono molto orgoglioso del film. Penso di aver realizzato un'opera rischiosa, che sotto altre circostanze sarebbe stato impossibile, specie nel tipico ambiente della produzione Hollywoodiana.

Adrien Brody e Sarah Polley in un'immagine di Splice
Una delle scene più inquietanti del film è quando Elsa decide di privare Dren del suo status di 'persona', cercando di ridurla a mero esperimento. In quella scena ci si chiede chi è il vero mostro della storia, se l'essere legato al tavolo o quello con il bisturi in mano. E' qualcosa che faceva parte della sua visione fin dall'inizio o un espediente nato per suscitare empatia nel pubblico nei confronti di Dren prima dell'ultimo atto, particolarmente violento, del film? Vincenzo Natali: Il punto del film è proprio questo, mostrare l'umanità nel mostro e la mostruosità degli umani e la scena in questione è quella che personalmente ritengo più inquietante proprio perchè realistica. Mostra cosa gli uomini sono capaci di fare, come riusciamo a oggettificarci a vicenda e quindi infliggere incredibili tormenti senza provare il minimo rimorso. Inoltre penso che sia specialmente terribile perchè fino a quel momento Elsa e Dren hanno condiviso un rapporto di madre/figlia, quindi è un tradimento orribile da parte di Elsa. Infine credo che questo sia il tipo di situazioni che un horror può esprimere meglio di qualsiasi altro genere: ci porta nei luoghi più trasgressivi e perversi dell'animo umano grazie alla guida della fantasia.

Una immagine promo del thriller sci-fi Splice, di Vincenzo Natali
L'aspetto di Dren è il risultato di un lavoro collettivo, magari insieme al produttore Guillermo Del Toro, o l'ha sempre vista così con gli occhi della fantasia? C'è stato un momento in cui ha considerato di renderla 'più' aliena ? Vincenzo Natali: Dren è più o meno quello che ho sempre avuto in mente, ma ci sono voluti anni di collaborazioni con degli artisti e tecnici davvero brillanti per raffinare il concetto generale. La mia direttiva principale è sempre stata la stessa "rendetela reale". Volevo una creatura che sullo schermo fosse credibile. Ed è per questo motivo che ho usato attori in carne e ossa il più possibile. E' sempre importante riuscire a catturare le sottigliezze della recitazione dell'attore perchè Dren è molto più che una creatura, lei è il personaggio fulcro del dramma. Credo che il maggior contributo sia arrivato da Delphine Chaneac, che ha portato Dren in vita con la sua performance. Lei ha dato a Dren la sua anima e questo è molto più importante di qualsiasi scelta grafica.

Il finale lascia spazio per un sequel: pensa che ci sarà in futuro un altro capito della storia di Dren o è un epilogo finale che vuole spingere il pubblico a riflettere sul pericolo della scienza senza etica e regolamenti? Vincenzo Natali: Tutti i miei film finiscono con una domanda, è il modo in cui mi piace finire le storie, con il suggerimento di un'altra storia. Ma per essere onesti non ho mai pensato a un sequel. Per me il modo il cui lasciamo Elsa è il perfetto completamento del suo viaggio come personaggio, specie considerando che è una donna che non ha mai voluto figli. Inoltre il finale suggerisce che dopo aver creato qualcosa come Dren è impossibile contenerla, si introdurrà nel mondo. Questa è la natura della scienza, non possiamo disimparare quello che abbiamo scoperto. Che sia una cosa positiva o negativa, preferisco lasciare al pubblico la decisione in merito.

Sarah Polley e Delphine Chanéac in una scena del film Splice
Trova che sia più gratificante lavorare in maniera indipendente o sarebbe disposto a sacrificare la libertà creativa per un progetto più ambizioso con il supporto degli Studios di Hollywood? Vincenzo Natali: Vorrei davvero tanto lavorare con un grosso Studio. Ho cercato di vendermi l'anima (creativa n.d.r.) per anni, ma il problema è che nessuno la vuole! Sarebbe fantastico avere un budget degno di questo nome e tutte le risorse che Hollywood mette a disposizione per fare un film. Ovviamente il lato negativo per così dire è una limitazione del controllo artistico. E' per questo che se dovessi mai farlo, non potrei mai proporre un film come Splice. Dovrebbe essere qualcosa che vada bene sia per la produzione che per me. A ripensarci Splice forse ha preso il meglio di entrambe le cose (produzione indipendente e non, n.d.r ) perchè è stato fatto in maniera indipendente e con una totale libertà artistica, ma poi la Warner Bros lo ha 'adottato' una volta finito e ha messo in moto una campagna pubblicitaria con i fiocchi negli States.

Ha già qualche idea per il suo prossimo film o prevede un periodo di relax? Vincenzo Natali: No, no, non ho proprio il tempo di rilassarmi, non ho fatto abbastanza film. Sto cercando di essere più prolifico e infatti sto lavorando a un certo numero di progetti adesso, quasi tutti adattamenti da romanzi, incluso Il Condominio di James G. Ballard e Neuromante di William Gibson, entrambi straordinari lavori di fantascienza. Sono incredibilmente fortunato ad avere quest'opportunità. Quindi, incrociando le dita, tra poco arriveranno altri mostri!

Vincenzo Natali e i mostri 'umani' di Splice
Privacy Policy