Venezia 2014, diario del Festival - giorno 5

Cosa ci aspetta oggi a Venezia? E' tutto da scoprire, seguite la nostra 71esima Mostra del Cinema tra segnalazioni, riflessioni semi-serie, aggiornamenti fino a tarda serata, foto e altro ancora. Per chi vuole vivere il Festival dietro le quinte insieme a noi!

Venezia 2014, diario del Festival - giorno 5

Ore - 10.52 Iniziamo la giornata senza grandi novità da segnalare, ma d'altronde a Venezia le cose iniziano a muoversi metà giornata, con l'arrivo delle star per le conferenze stampa e i photocall. D'altronde ieri la giornata è iniziata in maniera relativamente tranquilla e poi si è conclusa con un mistero al quale non abbiamo trovato risposta, quindi chissà che anche questa quinta giornata di Festival non ci regali altre cose di cui parlare.

Oggi è la giornata dedicata al secondo film italiano in concorso, Hungry Hearts di Saverio Costanzo, io però all'una andrò a vedere un film che mi è stato consigliato ieri, l'inquietante Goodnight Mommy, del quale vi parlerò più tardi. I miei colleghi mi conoscono da anni, e quando gli capita di vedere qualcosa che sia vagamente horror, me la segnalano senza indugi (se merita, ovviamente). Per adesso è tutto, ci sentiamo più tardi!

Ore - 12.25

Da Antonio, che è già in zona Festival ci arriva questo avvistamento di Viggo Mortensen, che più tardi presenterà Loin des Hommes. A dirla tutta, visto così, a me pare un po' Smortensen, ma magari tra un paio d'ore riuscirà a trovare un po' di verve per presentare il suo film. A più tardi.

Viggo Mortensen a Venezia 2014

Ore - 16.24

Un'immagine dal photocall di Viggo Mortensen per Loin des hommes. Ci risentiamo tra poco con nuovi aggiornamenti.

Viggo Mortensen a Venezia 2014 per Loin des Hommes

Ore - 17.00

Per quanto riguarda Hungry Hearts, il film di Saverio Costanzo che oggi è in concorso a Venezia ha ricevuto molti applausi, ma ha anche diviso la critica e l'opinione pubblica, a causa delle dichiarazioni controverse fatte in conferenza stampa. Nel film Alba Rohrwacher interpreta una madre che si rifiuta di nutrire adeguatamente suo figlio, convinta che sia un bambino "speciale", ma per il regista il suo non è un film sulla malattia mentale. Un'affermazione che ha suscitato non poche perplessità.

Leggi anche: Venezia 2014, Costanzo torna in concorso con Hungry Hearts

Ore - 18.28

Da Antonio arriva un'immagine di Isaac Hempstead-Wright durante la presentazione di BoxTrolls - Le scatole magiche.

 ISAAC HEMPSTEAD-WRIGHT presenta Boxtrolls a Venezia 2014

Ore - 20.45

Contenuto pubblicitario

Questa mattina vi avevo anticipato che sarei andato a vedere il film Goodnight Mommy, inquietante e visionario thriller austriaco diretto da Severin Fiala e Veronika Franz, che racconta l'incubo di una donna che fa ritorno a casa dopo essere stata sottoposta ad un intervento di chirurgia estetica. I suoi due figli iniziano a sospettare che la donna che gira per casa come un'ombra, col viso completamente coperto dalle bende e un atteggiamento ostile in realtà non sia la loro mamma, ma una sconosciuta.
Un film quasi perfetto, che si sviluppa fino alla rivelazione finale in equilibrio tra tensione, atmosfera e sequenze forti, talmente forti che qualcuno in sala non ce l'ha fatta e si è alzato per andare via. Insetti striscianti, sogni terrificanti, una foto che lascia intendere una verità, quando in realtà le cose stanno diversamente, un misterioso incidente e una casa quasi del tutto isolata, per un film di cui non voglio svelare null'altro, ma a ripensarci viene la pelle d'oca. Non è un film del tutto originale, ma è sviluppato con intelligenza e creatività. Luca, che ha visto il film ieri, alla presenza del regista e del cast in sala, è rimasto giustamente perplesso perchè dopo i titoli di coda in sala c'erano anche i due piccoli protagonisti e si è augurato che non gli abbiano fatto vedere il film, sia perchè tutti i film a Venezia non hanno passato il vaglio della censura, e quindi si ritengono tutti vietati ai minori, sia perchè non è esattamente un film da far vedere ai bambini.

Goodnight Mommy: Susanne Wuest in una scena

Ore - 23.30

Prima di chiudere la giornata e darvi l'appuntamento a domani con un'altra pagina del nostro diario da Venezia, due parole sugli ultimi red carpet di stasera. Per il film di Saverio Costanzo il tappeto rosso ha richiamato tanti personaggi dello spettacolo nostrani: c'erano Verdone e la Cortellesi, Alessandra Martines in posa semi-rigida, Elena Sofia Ricci, Cristiana Capotondi, Fausto Brizzi e Pierfrancesco Favino e Maria Pia Calzone, accolta con affetto dal pubblico che l'ha riconosciuta come la Imma Savastano di Gomorra - La Serie. Oltre a questi volti popolari del piccolo e grande schermo, il red carpet ha richiamato i soliti personaggi in ghingheri: tra chi ostentava pose improbabili davanti ai fotografi e chi si era vestita da Regina delle Tenebre con tanto di mantello di piume nere, si è visto davvero di tutto. Uno dei fotografi ha raccolto una piuma da terra e se l'è appiccicata sulla capoccia nuda a scopo ornamentale o propiziatorio, non si sa. Nel frattempo le star del tappeto rosso, Saverio Costanzo e Alba Rohrwacher vestita di bianco improvvisavano un balletto. Più sobrio il tappeto rosso di Viggo Mortensen e degli interpreti di Loin des Hommes: l'attore stasera sembrava più disponibile a farsi le foto e ha posato mano nella mano con il regista e il co-protagonista del film, per poi concedersi completamente ai suoi fan, firmando autografi, posando per foto e salutando tutti i ragazzi che lo aspettavano oltre le transenne. E quando dico tutti, intendo dire tutti: non si è limitato a scarabocchiare qualche autografo, ma ha provato ad accontentare più persone possibili. Prima di salutarvi vi lascio con il video-diario della giornata di ieri. A domani! :)

Diario da Venezia 2014, leggi anche

giorno 7

giorno 6

giorno 5

giorno 4

giorno 3

giorno 2

giorno 1

giorno 0

Venezia 2014
News Film Foto Video
Privacy Policy