Venezia 2014, diario del Festival - giorno 4

Seguite la quarta giornata della Mostra di Venezia insieme a noi: un diario semi-serio aggiornato fino a tarda serata sul nostro Festival. Un'avventura che potrebbe riservare grandi sorprese.

Ore - 8.06
Proprio in questo momento, riuniti in cucina, poco dopo aver fatto colazione, abbiamo deciso di iniziare la giornata con un'impresa non da poco: definire le assegnazioni dei film da vedere nei prossimi giorni. E' l'unico momento della giornata in cui siamo riuniti, quindi conviene approfittarne. Non è un'operazione semplice perchè non è sempre facile coinciliare le esigenze redazionali con gli altri impegni e i propri desideri e curiosità di cinefilo, ma un modo si trova, anche alle otto del mattino. Al tempo stesso io e Antonio ci stiamo dividendo gli appuntamenti fotografici della giornata e fortunatamente siamo riusciti a venirne a capo.

Detto questo, la star della giornata di oggi è Al Pacino - che qui a Venezia presenta ben due film, Manglehorn e The Humbling. Lo incontrerò a metà giornata, quando arriverà sulla terrazza dei photocall per la consueta pioggia di flash. Ci sentiamo più tardi.

Ore - 14.30

C'è sempre una certa tensione nell'aria, quando un personaggio come Al Pacino arriva a Venezia o un altro Festival internazionale. La terrazza dei photocall si è riempita all'inverosimile di fotografi, che sono poi stati fatti uscire e poi posizionati nuovamente sugli scalini davanti alla pedana del photocall, ma con più ordine. Ordine per modo di dire, perchè tra la ressa e la tensione, scattare foto diventa più difficoltoso.

In ogni caso un photocall come quello tenuto da Al Pacino oggi "non si è mai visto a Venezia" - ci hanno detto con una presentazione dal sapore un po' circense - "due film, due registi e un attore" - e i due registi in questione sono Barry Levinson e David Gordon Green, con i quali Pacino oggi presenta due film in cartellone, Manglehorn e The Humbling.

Al Pacino a Venezia 2014 con Barry Levinson e David Gordon Green per Manglehorn e The Humbling

(le altre immagini del photocall le trovate QUI.)

Ore - 17.13

In questo momento credo sia doveroso rivolgere il nostro pensiero (e le nostre preghiere) al prode Antonio che è sul red carpet di Manglehorn. Non tutti sanno che i fotografi che hanno il pass per il red carpet (a Venezia come a Cannes) hanno l'obbligo di indossare l'abito scuro. E per chi non è abituato - Antonio non indossava una giacca da almeno dieci anni e ha avuto anche un contrattempo imbarazzante con le scarpe - ma soprattutto con il caldo che fa oggi a Venezia, può essere una vera tortura. Una tortura che ogni fotografo affronta a modo suo: c'è chi la prende come una missione e si veste come se dovesse finire su Vogue, ma c'è anche chi si arrangia con abiti che ricordano il classico vestito della prima comunione di fantozziana memoria, chi evita la cravatta - come il sottoscritto - e chi proprio non si arrende e si presenta in abito scuro, ma con i sandali.

(nel frattempo Antonio ci manda questo scatto di Al Pacino sul tappeto rosso.)

Al Pacino sul red carpet di Venezia 2014 per Manglehorn

Ore - 20.08

Catherine Deneuve in abito regale viola per il red carpet di Tre cuori che si è concluso pochi minuti fa davanti al Palazzo del Cinema. Anche Charlotte Gainsbourg era in viola - e con buona pace dei superstiziosi, in viola sono anche le luci che sovrastano il tappeto rosso della 71esima Mostra di Venezia. Chiara Mastroianni invece era in verde ed evidentemente di fretta, visto che non si è fermata neanche a firmare qualche autografo, come invece hanno fatto sua madre Catherine e Charlotte. Tra poco le luci del red carpet si illumineranno di nuovo per il film The Humbling e tornerò a tuffarmi di nuovo nel coloratissimo zoo che assedia il tappeto rosso e la zona davanti al lido. Tra manifestanti che chiedono l'indipendenza del Veneto issando le loro bandiere arancioni, curiosi che issano i loro smartphone per fotografare un vip qualsiasi - foss'anche un vicino di casa di Giucas Casella - e fanciulle in cerca di visibilità che non issano nulla ma in compenso fanno vedere di tutto, tra abiti a rete, scollature abissali su corpi che forse meriterebbero l'attenzione di un nutrizionista e facce da selfie.
E sapete chi, tra gli animali di questo zoo, fa un verso inconfondibile, capace di essere udito a distanza? I fotografi. Chi vede le foto scattate su un red carpet, su un magazine o su una rivista cartacea, non sente le urla dei fotografi che chiedono a "Caaaaaaaaatherineeeeeeeeeee" o a "CHIARAAAA!! CHIARAAAAA!! OOOHH" di spostarsi più avanti o indietro a seconda delle loro esigenze. So già che al mio ritorno a casa, dopo il Festival, questo zoo mi mancherà tantissimo, ma ognuno si tiene lo stress post-traumatico che si merita.

Tornando al tappeto rosso di poco fa, oltre alle protagoniste di Tre cuori, sono stati avvistati anche Barbara De Rossi e all'ultimo minuto anche Giancarlo Giannini. Tra l'altro, questa mattina un altro Giannini era a Venezia per la presentazione di Senza nessuna pietà, Adriano, che ha accompagnato il cast del film di Michele Alhaique, interpretato da Pierfrancesco Favino e Ninetto Davoli, che ha vivacizzato il photocall con uno show tutto suo, minacciando anche di sfilarsi i pantaloni. Ci sentiamo più tardi, nel frattempo vi lascio con il videodiario della giornata di ieri.

Ore - 23.03

Un urlo festoso ha accolto Al Pacino per il suo secondo red carpet della giornata, e non era soltanto quello dei fotografi riuniti davanti al Palazzo del Cinema, ma anche quello dei fan accorsi a vedere di persona la star di Serpico, e che ricorderanno per sempre questa serata così speciale.

Per noi invece la serata si conclude con un mistero: chi sono le due ammiccanti signorine che hanno seguito Al Pacino in entrambi i red carpet? La loro presenza non è passata certamente inosservata.

Diario da Venezia 2014, leggi anche

giorno 7

giorno 6

giorno 5

giorno 4

giorno 3

giorno 2

giorno 1

giorno 0

Venezia 2014, diario del Festival - giorno 4
Venezia 2014
News Film Foto Video
Privacy Policy