V - Stagione 2, episodio 1: Red Rain

I V tornano ad invadere gli schermi USA con un primo episodio che funge da raccordo con la prima stagione, ma accolgono nel cast il personaggio più amato della serie anni '80: Diana.

Rinnovata in extremis dalla ABC, preferendola a FlashForward, V torna sugli schermi americani per portare avanti l'invasione dei Visitors al nostro pianeta ed ai nostri palinsesti. Un'invasione che a nostro parere era ben iniziata con i quattro episodi iniziali, ma si era un po' arenata nella seconda parte della prima stagione, alternando alcuni momenti riusciti ad altri molto meno convincenti e che ora riparte dal finale di Red Sky, da quel cielo rosso conseguenza della furia di Anna per l'attacco subito, che ha causato l'uccisione di gran parte dei suoi soldati, e figli, e che proprio per la sua valenza rischia di diventare motivo di dubbio nelle capacità della conduttrice da parte dei suoi subordinati al comando della altre navi spaziali: la Visitatrice è stata forse contagiata dalle emozioni che governano la popolazione terrestre? E' ancora capace di applicare il piano di conquista senza ulteriori slanci emotivi?

Quello dei comandanti delle altre navi è un accenno di protesta che il personaggio interpretato da Morena Baccarin si preoccupa di fermare sul nascere, dando una prova di forza decisa quanto eccessiva, ma che aggiunge un tocco fin qui mancante alla serie: nel suo violento attacco ad uno dei suoi simili, che mette in campo effetti speciali non troppo convincenti, Anna crea degli squarci nella pelle che maschera i V da esseri umani, mostrando per la prima volta una parte consistente del loro vero volto al pubblico dello show.
E' uno dei dettagli che dimostra la volontà da parte degli autori nel dare un'accelerazione alla consapevolezza della natura dei V da parte degli umani (e degli spettatori); un altro elemento che conferma questa direzione è lo scheletro di un Visitatore che viene scoperto in possesso del dottor Sidney Miller.

Bret Harrison nell'episodio Red Rain, premiere della stagione 2 di V
Il personaggio, interpretato dalla new entry nel cast Bret Harrison, è il giovane assistente dello scienziato che gli alieni sospettano sia sulla strada giusta per capire le implicazioni del cielo rosso e della conseguente pioggia rossa che dà il titolo alla premiere di quest'anno, lo scienziato al quale Erica arriva grazie alla complicità di Lisa. La giovane figlia di Anna, infatti, può risultare uno degli elementi utili a sviluppare parti di plot interessanti, perchè è sempre più distante dalla politica della madre e propensa a fare il doppio gioco per sopperire all'assenza di Joshua, che scopriamo ancora in vita, a differenza di quanto si supponeva, ma in preda ad un'amnesia che non gli permette di ricordare il suo ruolo nella Quinta Colonna.

E' proprio il gruppo di ribelli che risponde al nome di Quinta Colonna a continuare a lasciare perplessi: anche se la popolazione inizia ad insospettirsi e protestare, anche se Chad Decker sembra ormai aver fatto la sua scelta sulla parte da sostenere seppur invogliato a mantenere il suo rapporto privilegiato con Anna per carpire informazioni, la ribellione continua ad emanare quell'alone da quattro amici al bar che non risulta credibile per portare avanti la lotta contro l'imponente armata di V pronta ad invadere il pianeta.

Elizabeth Mitchell in un momento dell'episodio Red Rain, premiere della stagione 2 di V
L'introduzione dello scheletro di alieno è un passo importante, perchè dà la consapevolezza di una permanenza dei V sul nostro pianeta per un lungo periodo di tempo precedente alla reale manifestazione pubblica e fa sì che Erica possa mettere insieme un paio di informazioni in suo possesso per fare un'associazione di idee forzata ma importante per gli sviluppi della stagione e che riguarda sè stessa ed il concepimento di suo figlio Tyler, sempre più al centro dell'interesse di Anna.
A parte questi elementi di novità, Red Rain è strutturato come ci si aspetterebbe da una premiere che deve riprendere quanto lasciato in sospeso dall'annata precedente, riepilogando la situazione dei personaggi principali. Purtroppo lo fa senza particolari slanci, limitandosi ad uno sviluppo ordinario condito da qualche momento a base d'azione e riservando il suo momento migliore, almeno per gli appassionati della serie storica Visitors, agli istanti finali che accolgono il ritorno nel cast di Jane Badler nella rivisitazione di quello che è stato il personaggio più amato dello show anni '80: Diana.
Il prosieguo della stagione ci saprà dire quanto i faccia a faccia tra lei ed Anna potranno funzionare e quanto il carisma della storica leader dei Visitors saprà aggiungere a questo remake.

V - Stagione 2, episodio 1: Red Rain
Antonio Cuomo
Redattore
3.0 3.0
Privacy Policy