Under the Dome: commento alla premiere della stagione 2, Heads Will Roll

Un ritorno elettrizzante per i cittadini di Chester's Mill, con gravi problematiche da affrontare, l'introduzione di quattro nuovi personaggi e l'addio a due dei nostri beniamini.

Previously on Under the Dome

Prima di tuffarci nella premiere della nuova stagione di Under the Dome, Heads Will Roll, facciamo un breve recap per vedere dove abbiamo lasciato i cittadini di Chester's Mill: Big Jim ha incastrato Barbie per l'omicidio di Dodee (da lui commesso) e dopo aver istigato la folla, Dale sta per essere impiccato con grande gioia della brava gente del posto, anche se Junior si mostra titubante a tirare la leva. Intanto Julia ha preso la difficile decisione di non cedere al ricatto di Big Jim e di mettere al sicuro l'uovo lasciandolo cadere nelle acque del lago, e immediatamente il cielo notturno della cupola si illumina di "stelle rosa" che spazzano via l'oscurità riportando il cielo azzurro.

Da qui prende il via il plot della premiere: Junior non se la sente di ammazzare Barbie e quando i cittadini presenti cominciano a svenire in seguito a strane pulsazioni della cupola, Dale convince Jim e Linda a lasciarlo libero per aiutare con la situazione. La cupola sta interferendo con le onde magnetiche e oltre ad attirare tutto ciò che è di metallo, causando caos e distruzione, crea gravi problemi anche alle onde cerebrali. Grazie all'aiuto di Rebecca, una prof di scienze, Barbie e un gruppo di volenterosi tra cui Joe, usano la Torre Antincendio per costruire un enorme magnete che possa contrastare la cupola. Intanto Julia salva dalle acque del lago una misteriosa ragazza spuntata dal nulla e fa la conoscenza di un paramedico alcolista ed eremita che vive nei boschi, Sam Verdreaux. Big Jim, spinto da visioni di persone defunte, decide di sacrificarsi per salvare suo figlio caduto vittima delle onde magnetiche che stanno attaccando gli abitanti, ma all'ultimo minuto viene salvato da Julia. Purtroppo. La situazione si normalizza improvvisamente e tutto sembra ritornare alla "normalità", con Big Jim che cerca di dare una rinfrescata alla sua immagine pubblica. Disgraziatamente l'episodio termina così come è cominciato, con la morte di uno dei regular della prima stagione.

Under the Dome: una scena della premiere della seconda stagione

I nuovi personaggi

Sam Verdreaux

Under the Dome: Eddie Cahill in una scena di Heads Will Roll

Interpretato da Eddie Cahill, Sam è lo zio di Junior, fratello della madre che utti credono si sia suicidata nove anni fa. In seguito alla tragedia, Sam si è dato all'alcol, venendo allontanato dal suo lavoro di paramedico. Adesso vive in una baita nei boschi, lontano da tutti, ma quando trova Julia sulle rive del lago con la ragazza priva di sensi si accorge di aver già visto il volto della giovane disegnato nel diario di sua sorella. All'apparenza Sam sembra una brava persona, aiuta Julia e presta soccorso alla sconosciuta senza nome. Certo, la sua curiosità gioca un fattore decisivo, ma almeno per il momento lo mettiamo nella colonna dei buoni.

Rebecca Pine

Interpretata da Karla Crome, è la professoressa di scienze del liceo, conosce Joe ed era una delle studentesse della madre di Junior. Finalmente abbiamo un personaggio che sta rispondendo alla situazione in maniera razionale, studiando il fenomeno da un punto di vista scientifico. Rebecca è servita agli autori come strumento per spiegare cosa sta succedendo con la cupola e vediamo perfino il modellino in scala che ha costruito quando si rifugiano nella sua aula scolastica. Ma non solo, la prof è stata introdotta anche per fare da controparte a Julia, che ha un approccio spirituale e istintivo verso la cupola, mentre Rebecca è ovviamente una persona che si affida alle leggi della scienza.

Pauline Verdreaux

Interpretata da Sherry Stringfield, è la madre di Junior, e non è per niente morta, anzi è viva e vegeta in una città che non è Chester's Mill ma che Junior ha visto in una visione mentre era svenuto. Pauline ha sempre avuto premonizioni in merito alla "pioggia di stelle rosa", sul suo diario è disegnata la ragazza del lago e la vediamo uscire da una specie di trance durante la quale ha nominato suo figlio. Dopodichè, si è messa a pennellare di rosso un quadro rappresentante una porta socchiusa...

La ragazza del lago

Under the Dome: Eddie Cahill, Grace Victoria Cox e Rachelle Lefevre in una scena di Heads Will Roll

Uno degli elementi misteriosi dell'episodio: da dove è sbucata fuori? Dall'uovo che Julia ha gettato nel lago? E' una sorta di incarnazione della cupola? Non sappiamo quasi nulla di lei, tranne che è dispiaciuta per la morte di uno degli abitanti della città e che è stata, indirettamente, la causa dell'omicidio di un'altra persona.

Goodbye Linda e Angie

L'episodio, scritto da Stephen King in persona, ha preso il via con un duro colpo, con la morte di Linda che si è sacrificata per salvare Barbie, ma il finale non è stato meno doloroso, perché Angie, dopo aver seguito la ragazza misteriosa nel liceo, è stata aggredita da una figura fuori campo con un'ascia. Interessante l'impronta rossa che la ragazza ha lasciato sulla porta dell'armadietto in cui stava guardando - con uno sguardo decisamente scioccato e spaventato - visto che mentre Sam sfogliava il diario di Pauline, uno dei disegni che ci è balzato all'occhio è quello di quattro mani rosso sangue. Che c'è in quell'armadietto? E perché la ragazza del lago è scappata quando ha visto Angie, come mai l'abbiamo vista chiedere scusa al cadavere di Linda?

To kill or not to kill?

Under the Dome: Dean Norris in una scena dell'episodio Heads Will Roll, della seconda stagione

Nella prima stagione i quattro prescelti, Junior, Angie, Joe e Norrie hanno avuto la visione di Big Jim morto. Jim ha avuto visioni di Dodee e Linda che lo hanno istigato a "sacrificarsi" per il bene degli altri, tanto che lo scellerato era pronto a impiccarsi per salvare Junior. Julia lo ha fermato in extremis, annunciando che non era quella la volontà della cupola

the dome didn't want us to kill you. It wants us to end the killing

se questo è vero - e dobbiamo credere che lo sia, visto che subito dopo il salvataggio la cupola ha smesso con le sue bizze elettromagnetiche - chi erano quelle visioni? Ci sono altre forze all'opera?

Note a margine

Ottimo lo sviluppo del personaggio di Junior che sta crescendo rapidamente e bene, imboccando la strada giusta per allontanarsi dal seme maligno del padre "Don't call me Junior, my name is James", da stalker piscopatico a persona perbene? Vedremo come prenderà la morte di Angie...

Special Cameo

Il caro Zio Steve non solo ci ha regalato una premiere di Under the Dome degna di questo nome, con un problem-of-the-week interessante e collegato strettamente alla mitologia della cupola, intense scene action, nuovi personaggi intriganti e nuovi misteri, ma è anche comparso in una delle ultime scene con un breve cameo nei panni di uno dei clienti della tavola calda.

Under the Dome: Stephen King, Nicholas Strong, Britt Robertson, Alexander Koch in una scena di Heads Will Roll

What's next

Ci aspettiamo grandi reazioni alla morte di Angie, specie da parte di coloro che le erano più vicino, suo fratello, Junior, ma anche Norrie. Speriamo di saperne di più sulla ragazza del lago e su Pauline. Dal trailer è evidente il ritorno a problem-of-the-week derivato dal fatto di essere tagliati dal mondo esterno, ancora una volta sembra che ci siano difficoltà di ordine sanitario.

Conclusione

Ottimo inizio di stagione per una serie che in passato ha avuto non poche difficoltà da un punto di vista narrativo. Buon ritmo, storyline interessante e kudos per aver scelto di eliminare due personaggi principali. Per quanto ci dispiaccia dire addio a Linda e Angie, è importante ricordare che i protagonisti si trovano in una situazione pericolosa e potenzialmente mortale.

Under the Dome: commento alla premiere della...
Sonja Della Ragione
Redattore
4.0 4.0
Privacy Policy