La doppia ora

2009, Drammatico

Un thriller esistenziale per Filippo Timi e Kseniya Rappoport

Filippo Timi, Kseniya Rappoport e Giuseppe Capotondi a Venezia per presentare il thirller La doppia ora, ultimo film italiano in concorso a Venezia.

Il regista Giuseppe Capotondi arriva a Venezia per presentare La doppia ora, quarto film italiano in concorso su cui si concentra l'attenzione della stampa. I motivi di tanto interesse sono essenzialmente due: La doppia ora è un film di genere, un noir sfumato di venature horror che ha molti punti di contatto con Le verità nascoste di Zemeckis, ma è anche intriso di vaghi echi lynchani; inoltre è un'opera prima italiana, fatto più unico che raro nel concorso veneziano.
Ad accompagnare il regista a Venezia i due straordinari interpreti del film, Filippo Timi, attualmente impegnato nella tournée teatrale del suo Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioches, libera revisione in chiave comica dell'Amleto di cui Timi è anche autore, e Kseniya Rappoport. L'alchimia tra Timi e la Rappoport nata nel film non sfuma neanche a lavorazione conclusa, visto che un divertito Filippo chiede addirittura alla Rappoport di sposarlo, Ksenia, dal canto suo, si accontenta di esprimere un desiderio più modesto, realizzare al più presto una commedia in Russia.

La doppia ora è un lavoro molto coraggioso e interessante, è un progetto di grande equilibrio che gioca col genere. Come ha operato per realizzare il film

Il regista Giuseppe Capotondi sul set del film La doppia ora
Giuseppe Capotondi: Ho giocato con il genere, ma quello che mi interessava in realtà era realizzare una storia piccola, quella di un amore. Ho usato il genere thriller/noir perché mi pareva il più interessante, il più cinematografico.

Filippo Timi: Appena ho letto la sceneggiatura ero entusiasta. Il film parla di un uomo senza una donna che frequenta gli speed date per trovare sesso. Un inizio di film sano, paritario, in cui uomini e donne vogliono la stessa cosa. A trent'anni quest'uomo senza legami si innamora e decide di correre dei rischi, piuttosto che restare con il corpo appagato, ma con il cuore recluso.

Kseniya Rappoport: Io invece appena ho cominciato a leggere il copione ho pensato: "Che bello! Finalmente mi offrono il ruolo di una ragazza buona e dolce." Poi arrivo alla morte di Filippo e capisco che in realtà è cattiva. Girando il film mi chiedevo ogni giorno che cosa stavo interpretando, alla fine mi sono arresa e mi sono messa nelle mani di Giuseppe.

Nel film vi è il ritorno costante della canzone dei Cure In Between Days. Volevo sapere se ha un significato particolare.

Giuseppe Capotondi: All'inizio del film in realtà volevamo usare un pezzo di Nick Cave. Poi abbiamo deciso di usare i Cure perché mi sembrava la canzone giusta per il film. I Cure appartengono alla mia generazione e sono affezionato a loro, in più il testo di questo pezzo ha delle affinità con la storia.

Lei ha lavorato a lungo nel mondo dei video musicali. Cosa porta di quel mondo nel film?

Giuseppe Capotondi e Kseniya Rappoport sul set de La doppia ora
Giuseppe Capotondi: Lavorando nel videoclip ho imparato una certa capacità di sintesi e anche come stare sul set.E' stata una bella palestra.

Come è nata la storia del film?

Giuseppe Capotondi: Come tutte le idee il film è nato facendo altro. Abbiamo seguito i personaggi e abbiamo deciso di usare il genere per raccontare una storia d'amore. Ci siamo chiesti se è possibile che una persona cambi. Immaginando le scene è ovvio che siano stati inseriti riferimenti più o meno consci a certa cinematografia, ma a noi interessava parlare d'altro.

Che cosa vi aspettate da questo prodotto?

Giuseppe Capotondi: Soldi! (ride, n.d.r.) No, in realtà essere qui in concorso è stata una bella sorpresa. Poi non so cosa accadrà.

Alla fine del film il protagonista sceglie di non seguire i suoi sogni, eppure risulta lui il vincente tra i due.

Kseniya Rappoport accanto a Filippo Timi in una scena del film La doppia ora
Filippo Timi: Intendi vincente dal punto di vista di chi si sente sfigato. Il finale del film è stata una delle scene più difficili da interpretare perché sia io che Kseniya dovevamo dare corpo a un dialogo ridotto ai minimi termini. Il testo mi ha ricordato il Woyzeck. I personaggi si dicono tutto senza dirselo, capiscono chi sono e affrontano la realtà. C'è un coinvolgimento fisico ed emotivo estremamente alto. E' stata la scena più difficile, ma non tecnicamente. La parola 'tecnica' mi fa schifo, ma è stato proprio difficile riuscire a far vibrare quelle emozioni dento e fuori di noi.

Kseniya Rappoport: Abbiamo provato la scena due mesi prima di girarla. Nella scena Guido regala un ciondolo a Sonia. Per Sonia è il momento del non ritorno, lei dovrà affrontare il senso di colpa per tutta la vita, ma non se la sente. Perde coraggio e così perde anche l'amore. Probabilmente lei non potrà perdonare se stessa, prova acambiare, ma fallisce.

Avete avuto occasione di vedere qualcuno degli altri film italiani in concorso

Filippo Timi: Abbiamo visto il film di Michele Placido. Io ero emozionato e applaudivo perché mi sentivo parte anche di quel film. Poi ho pensato che se vince lui non vinciamo noi e mi sono fermato. Mi è piaciuto molto il cast. La mia mamma è innamorata di Luca Argentero e se lui ci fosse stato glielo avrei passato al telefono. Sarebbe ringiovanita di dieci anni. Io non ho vissuto il '68, però pensate che bello. Una sana liberazione sessuale!

Come ha scelto il cast?

Filippo Timi e Kseniya Rappoport in una scena del film La doppia ora
Giuseppe Capotondi: Appena ho letto la prima stesura della sceneggiatura ho pensato subito a Kseniya e Filppo. Con Filippo ho dovuto penare perché non veniva mai, era impegnato sul set di Vincere. Ma quando hanno inziato a lavorare insieme si è creata una chimica bellissima tra loro due e il tutto ha funzionato.

Filippo Timi: Questa è un'opera prima, ma sul set io non ho mai pensato per un attimo a questa cosa. Non è un'opera prima, ma è un'opera. Giuseppe ha più esperienza di set di molte altre persone.

Filippo, hai mai pensato di fare un film comico?

Filippo Timi: Si, mi piacerebbe molto, ma è molto complicato scrivere una commedia intelligente che faccia ridere senza donne nude. Io adoro il cinema demenziale stile Scemo e più scemo, L'aereo più pazzo del mondo, Una pallottola spuntata, ma aspetto che mi arrivi l'occasione giusta. Ho ancora pochi anni per diventare un sex symbol. Quando arriverà il declino allora passerò alla commedia. Ora sono anche a dieta perché sono un mangione e questa dieta mi ha modificato anche il mio modo di scrivere i miei spettacoli teatrali e di lavorare. Ma il fisico migliora.

Un thriller esistenziale per Filippo Timi e...
Privacy Policy