The Walking Dead: commento all'episodio 4x07, Peso morto

Il secondo episodio con protagonista l'ex-governatore Phillip, vede rinascere in quest'ultimo la vecchia follia omicida: un trampolino di lancio verso un mid-season finale che si annuncia ad alta tensione.

The Walking Dead: commento all'episodio 4x07,...

Il plot
Dopo essere caduto nella trappola per Erranti allestita dal suo vecchio consigliere Ramirez, ed essere stato da questi soccorso, l'ex governatore Phillip viene accolto nell'accampamento guidato dall'uomo, insieme alle due sorelle Lily e Tara, e alla piccola Megan. Phillip, che ha assunto ormai il nuovo nome di Brian, accetta le condizioni dettate da Ramirez per restare nel campo: il riconoscimento dell'autorità di questi, e il fatto che non siano ammessi "pesi morti". Ma, nonostante l'apparente cambiamento intervenuto in lui, determinato dall'amore per Lily e dall'attaccamento paterno a Megan, il vecchio Phillip non è scomparso: la sua follia è anzi pronta a riemergere, con l'intento finale di vendicarsi di Rick e compagni...

Cosa ci è piaciuto di questo episodio:
- Si presenta bene, questo episodio precedente al giro di boa del mid-season finale, con un'ottima, tesa sequenza iniziale; che accosta, in un intelligente montaggio su piani temporali diversi, l'incontro di Phillip/Brian col vecchio compagno Ramirez, a una apparentemente tranquilla partita di scacchi tra l'uomo e la piccola Megan. La tensione palpabile, e il volto teso di David Morrissey, preparano lo spettatore al ritorno del vecchio Governatore, alla cui scomparsa nessuno aveva realmente creduto.

  • Sembra di avvertire, in Phillip, l'esistenza di una vera e propria doppia personalità: l'affetto che lo lega a Lily, Megan e Tara è autentico, e sincero, quanto il suo carattere di assassino psicopatico, ancora più pericoloso che in passato. Un tratto schizofrenico che il personaggio non aveva ancora mostrato, nel corso della serie, e che sembra foriero di interessanti sviluppi, specie considerato il legame ormai stabilito con le tre donne.

The Walking Dead: Audrey Marie Anderson, Alanna Masterson e Meyrick Murphy in una scena dell'episodio Peso morto
- Sembra esserci la plumbea mano del fato, sulle vicende vissute da Phillip/Brian: quando l'uomo sente che la sua vecchia personalità, che lo ha già portato ad uccidere, sta tornando a galla, cerca di proteggere la sua nuova famiglia conducendola fuori dal campo. Ma in un'altra riuscita (e lugubre) sequenza, dovrà rendersi amaramente conto di essere prigioniero: dell'accampamento, e del suo passato.

Cosa non ci è piaciuto di questo episodio:
- La pecca più grave, a livello di script, è il modo incauto in cui Ramirez, che è stato già testimone della follia di Phillip, lo riaccoglie, quasi senza obiezioni, con lui; la fiducia assoluta mostrata dall'ex militare verso il suo vecchio capo, pagata poi a caro prezzo, appare elemento decisamente poco credibili.

Contenuto pubblicitario
  • Analogamente, la morte di Ramirez. e quella successiva di Pete, non sembrano destare alcun sospetto tra i residenti del campo; nessuno sembra ipotizzare un qualche legame tra la scomparsa di due personaggi teoricamente esperti, e già sopravvissuti a situazioni a rischio, con il nuovo arrivato.

  • L'episodio, in sé, sembra leggermente carente di azione, configurandosi più come un "trampolino di lancio" verso l'atteso giro di boa di metà stagione.

The Walking Dead: David Morrissey è il Governatore Phillip nell'episodio Peso morto
Note a margine
Oltre all'uscita di scena di Martinez, nell'episodio viene raccontata la morte di Shumpert, altro membro dell'esercito di Woodbury, morso da un Errante e ucciso poi dallo stesso Martinez, secondo le parole di quest'ultimo. Si assottiglia così sempre più la lista dei sopravvissuti della vecchia comunità (oltre a Phillip, si suppone siano ancora in vita solo i personaggi minori di Jeanette e Ms. McLeod).

What's Next?
Il confronto tra Rick e Phillip (nonché tra quest'ultimo e Michonne) tanto atteso nel corso di tutta la stagione precedente, sembra profilarsi nel prossimo, attesissimo episodio: gli immancabili promo dei titoli di coda mostrano un mid-season finale ricco di tensione, con uno scontro che anche se, probabilmente, non sarà l'ultimo, si configura come già ad altissima tensione. Le due storyline delineate in questa prima metà di stagione sono destinate a incrociarsi una prima (e probabilmente non unica) volta, con esiti che potrebbero modificare molto gli sviluppi della serie.

Marco Minniti
Redattore
3.0 3.0
Privacy Policy