The Walking Dead: commento al finale della stagione 4, A

Le serie AMC saluta i suoi spettatori con un cliffhanger carico di dubbi e tensione, che ridefinisce le aspettative per i suoi futuri sviluppi, e rimanda al prossimo autunno le tante risposte attese.

The Walking Dead: commento al finale della...

Cala il velo, si dissipano le apparenze. O, almeno, la realtà si rivela più complessa e pericolosa di come era stata annunciata. C'è da stupirsi, forse, in un universo come quello di The Walking Dead? L'atteso season finale della quarta stagione ha infine demolito, rivelandone l'illusorietà, il mito di Terminus. Il tanto agognato approdo al Santuario, da parte di Rick, Carl e Michonne (a cui si è aggiunto il ritrovato Daryl) si traduce infatti in un nuovo scontro. Con un cadavere lasciato sul campo, la scoperta che la calda accoglienza riservata al gruppo giunto alla fine dello scorso episodio non era che una copertura, e i protagonisti (ormai quasi del tutto riuniti) di nuovo prigionieri. Nel vagone di un treno, precisamente, ignari di ciò che sarà di loro. Nel loro universo, l'attesa durerà certamente meno di quella che dovranno subire gli spettatori dello show AMC: l'inizio della quinta stagione, infatti, è fissato per il prossimo ottobre. Con il rinnovo della fiducia allo showrunner Scott M. Gimple, qui anche co-sceneggiatore (per la prima volta una conferma al timone di guida della serie, dopo gli avvicendamenti di Frank Darabont, Glen Mazzara, e dello stesso Gimple) e tantissimi interrogativi. Soprattutto, con una risposta da parte del pubblico che non accenna a indebolirsi: questo episodio, infatti, è stato visto sulla tv via cavo statunitense da 15,7 milioni di spettatori (10,2 nella fascia di età 18-49). Un nuovo (pur prevedibile) record per un finale di stagione.

Il plot:

The Walking Dead: un drammatico primo piano di Andrew Lincoln nell'episodio A
Rick, Carl e Michonne sono accampati tra i boschi e stanno recuperando le forze, in attesa di rimettersi sulla via per Terminus. Un attacco da parte di un gruppo di Erranti li costringe tuttavia a riprendere il cammino prima del previsto; ma una più temibile minaccia li attende durante la notte successiva. I tre vengono infatti raggiunti dai nuovi, pericolosi compagni di strada di Daryl, decisi a vendicare il loro amico che era stato ucciso da Rick. Gli uomini minacciano Carl e Michonne, e aggrediscono lo stesso Daryl che cerca di fermarli: ne nasce una colluttazione dagli esiti drammatici, conclusasi con la morte dell'intera banda. Il gruppo si rimette in viaggio insieme al ritrovato Daryl: ma Rick è tormentato dal pensiero della violenza e della bestialità che ha dimostrato durante l'ultimo scontro; mentre il ricordo dei giorni della prigione, di Hershel, e della speranza (tradita) di un diverso futuro, torna a farsi sentire...

Cosa ci è piaciuto di questo episodio:
- L'episodio si presenta con un gran ritmo, e con una sequenza tesissima e magistralmente costruita. La fine di Joe e dei suoi compagni è inaspettata nella sua crudezza. Il modo in cui Rick uccide quest'ultimo, soprattutto, rende esplicito il paragone uomo/mostro che ha attraversato un po' tutta la serie.

Contenuto pubblicitario
The Walking Dead: Norman Reedus, Andrew Lincoln, Chandler Riggs e Danai Gurira a Terminus, nell'episodio A
- Michonne continua a centellinare le rivelazioni sul suo passato; ma queste, quando arrivano, sono sempre assolutamente "di peso". Il breve dialogo con Carl, e la rivelazione della provenienza dei due Erranti che la donna portava con sé quando è apparsa, ci svelano ancora un po' di più sul personaggio.
  • Il fatto che il Santuario si riveli, in realtà, un luogo pericoloso, non era uno sviluppo del tutto inatteso; il fatto, tuttavia, che tale rivelazione sia giunta così presto, spiazza e stimola. Resta comunque, sulla natura del luogo e dei suoi abitanti, un fondo di ambiguità: durante la sparatoria con Rick e gli altri, i cecchini mirano ai piedi, rivelando la loro intenzione di non uccidere. Non sappiamo ancora, precisamente, come Glenn, Maggie, Tara e i loro compagni, siano finiti prigionieri. Tuttavia, la brevissima apparizione di ossa e carcasse, durante la tentata fuga, e le voci che si odono contemporaneamente, invocanti aiuto, aprono altre ipotesi. La prima a venire in mente è quella del cannibalismo, ma non si tratta, al momento, di una certezza.

Cosa non ci è piaciuto di questo episodio:
- La struttura "a flashback" dell'episodio appare un po' pretestuosa, se non gratuita. Con l'esclusione dell'ottimo flashback/flashforward iniziale (che mostra prima Rick nella prigione, durante un dialogo con Hershel, e poi seduto a terra, intriso di sangue, dopo lo scontro col gruppo di Joe) questa scelta non ci sembra, narrativamente, così giustificata. L'idea di ribadire la dialettica umanità/bestialità (motivo portante di tutta la serie) appare qui molto meno necessaria che in passato. Ma, soprattutto, The Walking Dead non è Lost, e fin dall'inizio ha offerto ai suoi spettatori soluzioni narrative diverse, più adatte al tipo di storia che racconta.

The Walking Dead: Andrew Lincoln, Chandler Riggs e Danai Gurira in fuga dai morti viventi nell'episodio A
- Da un finale di stagione ci si aspettava forse (anzi, sicuramente) una tensione maggiore, ed eventi che soddisfacessero maggiormente lo spettatore nell'immediato. Il paragone col mid-season finale, e con la strage della prigione, è inevitabile. Qui, lo script sceglie invece di rimandare tutto alla prossima tranche di episodi, puntando le sue carte sul cliffhanger finale. Tuttavia, l'assenza di un climax, e di una chiusura reale, soddisfacente, di questo segmento di serie, non possono che lasciare un po' di amaro in bocca.

Note a margine:
- La lettera che dà il titolo dell'episodio, A, è dipinta in vari punti all'interno dell'area di Terminus. Robert Kirkman, tuttavia, ha affermato che essa si riferisce a al vagone del treno in cui i protagonisti vengono rinchiusi, identificato come "vagone A".

  • Dopo la morte del suo personaggio, questo episodio segna il ritorno dell'attore Scott Wilson alla serie, per i frequenti flashback che lo vedono presente. L'attore è tornato sul set appositamente per recitare nell'episodio.

What's next?
Difficilissimo, a questo punto, fare previsioni per una prossima stagione di cui si ignora quasi tutto. Le interviste a Gimple e Kirkman hanno confermato la pericolosità (già evidente) della gente di Terminus, ma non hanno fornito risposte alle più dettagliate ipotesi che sono circolate su questa. Nel luogo sembra emergere comunque un personaggio (il Gareth interpretato da Andrew J. West) che potrebbe porsi come nuovo villain principale. Inoltre, restano sospese le sorti di Tyreese, Carol, Judith, e soprattutto quella della scomparsa Beth. La conferma di Gimple come showrunner potrebbe dare alla quinta stagione quella coerenza con le precedenti, che in passato è un po' mancata nella serie. Anche perché, di fatto, siamo di fronte a una narrazione ancora aperta, interrotta in uno dei suo snodi principali: la coerenza, in questo senso, è non solo auspicabile, ma necessaria.

Marco Minniti
Redattore
3.0 3.0
RomaFictionFest 2014
News Film & Serie Foto Video
Privacy Policy