The Good Wife: il commento all'episodio The Next Day

Dopo l'elettrizzante Hitting the Fan, il legal drama della CBS rallenta il ritmo, ma The Next Day è comunque un episodio piacevole e ben costruito, in cui molti personaggi raggiungono inaudite vette di cattiveria.

The Good Wife: il commento all'episodio The Next...

Il plot

Il giorno dopo lo "scippo" della Chumhum, sottratta dalla neonata Florrick/ Agos alla Lockhart/ Gardner, Will è tutt'altro che prostrato dal tradimento della sua Alicia; anzi, è deciso a restituire il colpo con gli interessi alla sua ex amante e ora rivale, che risponde con altrettanta ferocia, trascinandolo di fronte alla stessa corte disciplinare che l'aveva quasi radiato tempo prima. Nel frattempo, nei panni di first lady dell'Illinois, Alicia deve affrontare le "curiosità" di Marilyn Garbanza, la responsabile del comitato etico del Governor-Elect, dopo la mossa di Peter senza la quale la Chumhum sarebbe rimasta con la L/G, mentre Diane, che si prepara ad affrontare il suo ultimo caso - la causa a un fabbricante di armi intentata da una vedova che ha perso il marito per un colpo partito accidentalmente - ingaggia i servigi di Kalinda per scoprire se Florrick ha effettivamente deciso di negarle la carica di giudice della Corte Suprema.

Cosa ci è piaciuto di questo episodio

Florrick/ Agos 1 - Lockhart/ Gardner 1. Grazie al killer instinct di Will, la L/G non solo si riprende alla grande dopo la debacle dela Chumhum, ma si porta anche in posizione di vantaggio rispetto allo nuovo studio rivale. Pareggio, palla al centro, a adesso fermate Will Gardner se ci riuscite. E voi, avete scelto il vostro team? Se non avete preso le parti di nessuno, è anche perché lo script di Leonard Dick bilancia perfettamente le ragioni e le rappresaglie degli uni e degli altri, sottolineando, in questa occasione, quella spietatezza che è una prerogativa della professione legale anche in uno show in cui nessuno è davvero cattivo fino in fondo.

The Good Wife: Josh Charles in una scena dell'episodio The Next Day
Mr. Sunshine. Dopo essere tornato sotto i riflettori con l'episodio precedente Hitting the Fan, qui Will Gardner/ Josh Charles è assolutamente padrone della scena, e ci piace soprattutto il vigore e l'energia con cui reagisce alla defezione degli ex impiegati del suo studio e soprattutto all'inaudito tradimento dell'adorata Alicia anziché abbattersi. Per contrappasso con la sua storica partner, la normalmente scintillante Diane, che in The Next Day è angosciata e delusa, WIll è incontenibile intellettualmente, fisicamente e sessualmente: insomma, la "separazione" da Alicia sembra quasi aver fatto più bene a lui che alla nostra Good Wife, che in questo episodio deve incassare più di una sconfitta.

Il bravo repubblicano. Il nuovo marito di Diane, Kurt McVeigh, repubblicano, amante delle armi da fuoco e ammiratore di Sarah Palin nel tempo libero, pur contribuendo senza volerlo alla pessima giornata della sposa, è l'unico personaggio che si comporta in maniera ineccepibile in The Next Day, menttendosi al servizio di una donna che cerca di ottenere giustizia, qualunque sia lo studio che la rappresenta.

Contenuto pubblicitario

La bionda tatuata. La statuaria e supersexy fanciulla con cui Will si "consola", persino in macchina prima di un'udienza, si chiama Hannah Sorenson e siamo certi che i telespettatori di sesso maschile (ma anche gli altri, perché no) sperano fortemente che diventi almeno un recurring character. Sempre che non sia effettivamente lei la fonte dell'euforia di WIll, e quindi una rappresentazione onirico-metaforica, che so, della cocaina.

The Good Wife: Julianna Margulies in una scena dell'episodio The Next Day
Alicia vs. Marilyn La sproporzione in termini di talento tra Julianna Margulies e Melissa George è innegabile e abissale, ma il primo confronto tra Alicia e Marilyn Garbanza è ben costruito, se non altro perché Alicia la sottovaluta - dopotutto se la ritrova con la testa nel WC, alle prese con le divertentissime nausee del primo trimestre di gravidanza - e poi, quando scopre che invece sa il fatto suo e sta per regalarle uno spiacevole quarto d'ora, ci regala uno di quegli sguardi assassini che ci fanno amare e disperare.

Cosa invece non ci ha convinto

Grace-less. Diciamolo, questa storia della piccola Grace che sta crescendo e che incomincia ad attirare l'attenzione degli uomini precipitando nel panico la sua mamma non va da nessuna parte. 'Nuff, please. La faccenda dell'attrazione per le armi nel laboratorio di McVeigh, però, potrebbe preludere a qualche sviluppo a sorpresa. Vedremo.

Cary, dove sei? Che fine ha fatto il nostro adorabile, mellifluo, sagace Cary Agos, e chi è questo sprovveduto che prima si fa menare per il naso da Kalinda in Hitting the Fan e ora cede come un dilettante al broncino e allo stomaco scombussolato della bella Garbanza?

What's Next?

Nell'immediato, c'è il "ritorno all'ovile" della povera Diane, orba del suo seggio alla Corte Suprema; WIll sembra incline a perdonare lo sgarro dell'intervista con cui l'elegantissima Miss Lockhart - ops, Mrs. McVeigh - l'aveva venduto, purché lei prometta di mettere definitivamente da parte l'educazione. E per il vendicativo neo Governatore - e sua moglie - saranno guai.

Alessia Starace
Redattore
4.0 4.0
Privacy Policy