The Carrie Diaries

2012 - 2014

The Carrie Diaries: (non) c'era una volta... prima di Sex and the City

Come nasce una star? The Carrie Diaries, ambientato in pieni Anni Ottanta, racconta chi era al liceo la protagonista di Sex and the City. Addio Sarah Jessica Parker, benvenuta AnnaSophia Robb!

The Carrie Diaries ci offre un biglietto d'andata per i ruggenti Anni Ottanta, epoca in cui la farfalla protagonista di Sex and the City era ancora un bruco.
La scrittrice Candace Bushnell ha raccontato questa storia nel romanzo Il diario di Carrie (Piemme editore) e compare tra i produttori esecutivi della nuova serie (su Mya dal 20 giugno) assieme a Josh Schwartz e Stephanie Savage (The O.C., Gossip Girl). Attenzione, però, a maneggiare con cura l'etichetta di "prequel": alcune discordanze con la serie-madre collimano perfettamente con la visione del libro ma possono generare non poca confusione.
In questa nuova/vecchia versione, nel 1984 Carrie (AnnaSophia Robb, già vista in Soul Surfer) vive nel Connecticut, frequenta il penultimo anno di liceo, ha appena perso la mamma per il cancro e si deve prendere cura della ribelle sorella minore quattordicenne, Dorrit (Stefania Owen). Il padre Tom (Matt Letscher) la ricompensa trovandole uno stage a Manhattan presso lo studio legale di un amico influente. Qui incontra Larissa (Freema Agyeman di Doctor Who), giornalista di moda della rivista Interview, che la introduce negli ambienti più glam della Grande Mela.

The Carrie Diaries:una scena dell'episodio Endgame
L'abbagliante e trasgressivo scenario della City si scontra con il conformismo della provincia, a cui la biondina sente di non appartenere affatto. Qui, però, frequenta il suo "vero" gruppo di amiche: la nerd Mouse (Ellen Wong), che a sorpresa è la prima a perdere la verginità con un ragazzo più grande, e la trasgressiva Maggie (Katie Findlay), che tradisce il fidanzato Walt (Brendan Dooling) con un poliziotto. Intanto l'ape regina della scuola, Donna (Chloe Bridges, alle prese con un ruolo lontano anni luce dai teneri trascorsi disneyani di Camp Rock 2), provocante e manipolatrice, s'intromette tra lei e Sebastian (Austin Butler, già latin lover seriale in Switched at birth), il nuovo arrivato a scuola, misterioso e ribelle.

The Carrie Diaries: AnnaSophia Robb nel pilot della serie
Se The Carrie Diaries fosse un teen drama come gli altri ci si limiterebbe a lodarne la brillante sceneggiatura, l'eccellente colonna sonora, la sapiente regia e l'ottima scelta di cast. Si volterebbe pagina con un "promosso a pieni voti". Qui, invece, ci si aspetta il "miracolo", il ritorno in vita di un mito a cui non si riesce a dire addio dopo 6 stagioni TV e 2 film. E, con un sospiro di sollievo, in effetti è avvenuto perché bastano 10 secondi per innamorarsi - di nuovo - della signorina Bradshaw. Con i puntelli emotivi al posto giusto, la serie fa leva sull'effetto-nostalgia rassicurando il pubblico senza forzature, ma con qualche aiutino (dalla collana con la C di Alex Woo alla pubblicità sull'autobus). Non siamo in casa HBO, ovviamente, ma CW è l'ambiente giusto per far crescere il talento e l'anticonformismo della protagonista, che usa carta e penna -anziché il portatile - per raccontare i propri pensieri ed esprimere i propri dubbi, sentimentali e non. Sta per scoprire come trasformare la sua professione in lavoro e, con un pizzico di aiuto da parte della dea bendata, presto può cogliere le opportunità giuste per incanalare estro e ironia.
Il cuore e la mente della versione adolescente di Carrie escono vittoriosi dal confronto con la futura scrittrice di Vogue. Esistono, comunque, alcune differenze rispetto all'originale: in Sex and the City il padre di Carrie l'ha abbandonata quando aveva cinque anni. Si lascia intendere uno stile di vita alquanto modesto, quindi difficilmente conciliabile con il prestigioso stage che il genitore le procura nella nuova serie, i suoi completi ricercati o il guardaroba da sogno della moglie. Sarah Jessica Parker, invece, aveva spesso problemi di bollette, non conosceva il francese (tratto distintivo di una classe sociale più elevata) e si sentiva fuori posto negli ambienti sofisticati, nonostante li ammirasse. Aveva persino complessi d'inferiorità nei confronti della nuova moglie di Big, Natasha!

The Carrie Diaries: AnnaSophia Robb ed Austin Butler in una scena dell'episodio Read Before Use
Amy Harris, showrunner del telefilm, con svariati episodi di esperienza nella serie originale, dalle colonne dell'Hollywood Reporter ha rassicurato i fan: questi non sono errori, ma adeguamenti al romanzo o al massimo licenze poetiche per spiegare meglio il cammino di Carrie, un viaggio che passa inevitabilmente dal guardaroba. Il settore costumi è stato affidato a Eric Daman (Gossip Girl), che ha raccolto l'eredità di Patricia Field dopo averci lavorato insieme proprio sul set di SatC. Niente tacchi a spillo griffati, stavolta: sarebbero sembrati fuori luogo in una scuola pubblica. Il look eclettico della biondina prende vita da una commistione di stili e di epoche, proprio attingendo agli abiti della mamma, Anni Sessanta (nella realtà griffati Marc by Marc Jacobs e non vintage) e Anni Settanta (gli stivali vengono in realtà dalla nuova collezione Chloe).
Il messaggio arriva forte e chiaro: di Carrie ce n'è una sola. Se ancora non l'avessimo capito, ce lo sottolinea la borsa con il suo nome sopra, nuovo filo conduttore della storia. Il marchio di fabbrica Bradshaw si fa notare e rassicura, strizzando l'occhio a quello che il futuro le riserva. Lei ancora non lo sa, ma il pubblico sì: nonostante i cuori infranti, i sogni naufragati e persino le mise sbagliate Carrie ce la farà. Riuscirà ad essere felice, a conquistare Manhattan e a far sentire la sua voce fuori dal coro. Riscrivendone le avventure partendo dal lieto fine si corrono molti rischi, innanzitutto quello d'incappare in forzature ed eccessi, ma si parte anche da una solida certezza.

Superata la comprensibile diffidenza iniziale bisogna ammettere che la nuova/vecchia Carrie ci piace come e più di prima che (almeno finora) si è dimostrata all'altezza della versione di Sarah Jessica Parker, una donna moderna, ma non infallibile, con tante contraddizioni e, ovviamente, una collezione di Manolo Blahnik senza precedenti.

The Carrie Diaries: (non) c'era una volta......
Privacy Policy