The Cape: Un eroe familiare

L'ultimo eroe di NBC è un vigilante mascherato con abilità circensi. The Cape non è Robin, ma come Batman lotta contro il crimine senza vantare superpoteri.

Nonostante un nome che sembra prendere in giro la categoria dei giustizieri mascherati, The Cape non è il Supermaxieroe del XXI secolo né tantomeno un partecipante di Who Wants to Be a Superhero? (esilarante - chi l'avrebbe detto - reality prodotto da Stan Lee trasmesso da Axn Sci-Fi), bensì l'eroe incappucciato protagonista della nuova serie di NBC da domenica 9 gennaio.
Ultimamente i supereroi non hanno fatto faville in TV, implicando che le figure iperboliche meglio si adattano alla maestosità del grande schermo: guardando alle produzioni televisive più recenti, la No Ordinary Family di Berlanti è tediosa e sconsolante, la Heroes di Kring era talmente involuta da snervare anche i suoi sceneggiatori.
Ora NBC ci riprova, nonostante Heroes, esordendo con un doppio episodio (i successivi andranno in onda di lunedì, come... Heroes) scritto dal creatore Tom Wheeler, diretto (solo la seconda parte) da Deran Serafian - regista di molti episodi di House - e musicato da Bear McCreary, originale compositore di Battlestar Galactica qui votato a sonorità meno memorabili. The Cape manifesta fin dai primi minuti la volontà di venire incontro sia al pubblico avvezzo ai fumetti supereroici che a quello "comics-free", e lo fa puntando su un eroe e un'ambientazione spogliati delle connotazioni più fantasiose.

David Lyons nel ruolo del protagonista in una foto promozionale di The Cape
Nell'immaginaria Palm City l'onesto poliziotto Vince Faraday viene incastrato da un villain mascherato, Chess, responsabile dell'attentato che ha consegnato la polizia cittadina alla privatizzazione. Dietro al costume si riconosce l'inconfondibile accento inglese di Peter Fleming, presidente dell'Ark Corporation, azienda che ha appaltato la privatizzazione delle forze dell'ordine e già mira a fare lo stesso con le prigioni locali. Faraday viene braccato fino alla presunta morte, la sua sopravvivenza votata alla riabilitazione del proprio nome agli occhi della famiglia e alla sconfitta della sua nemesi. Per combattere senza essere riconosciuto si trasforma nella figura mascherata dei fumetti preferiti del figlio, di cui diventa ben presto l'eroe. Vince fa parte della categoria dei giustizieri senza superpoteri come Batman, ma Palm City non è la soffocante e vertiginosa Gotham City bensì una cittadina solare e anonima (e forse questo rende più inquietante il destino che la attende) e il nemico è un imprenditore dal look sobrio che aspira al controllo della città per gettarla nella corruzione: chi l'avrebbe detto che in America la privatizzazione avrebbe rappresentato il Male?

David Lyons in una immagine promozionale di The Cape
Sorta di Punisher incappucciato, The Cape è avvolto da una mantello da far invidia a Spawn, omaggio di una comunità di ladri circensi (no, non sono gli stessi di Batman - Il ritorno). Vince non fa parte della categoria degli invincibili per privilegio genetico o per acquisizione fortuita di superpoteri, è un individuo comune che ha acquisito abilità particolari con l'esercizio, e non è l'ennesimo eroe solitario: l'ex poliziotto ha una famiglia a cui sogna di ricongiungersi, ha scelto di riabilitare il suo nome per riguadagnarsi il rispetto del figlio ed è circondato da un pugno di collaboratori che lo aiutano e conoscono la sua identità. Tra questi, la hacker Orwell (ovviamente se le chiedeste il nome risponderebbe... George) e il mastro del circo Max Malini, colui che consegna nelle mani di Faraday lo strumento che ne farà un giustiziere: la mantella in grado di agguantare oggetti e persone - in realtà costume di scena di un mago della fuga russo - tessuta con seta di ragno che la rende resistente e sottile, e provvista di un orlo truccato che diventa estensione naturale delle braccia di chi la indossa come le lunghe maniche dei combattenti dei wuxia pian (ma la serie cita anche il bartitsu prediletto da Sherlock Holmes). Sempre Malini insegnerà a Faraday come scomparire nel nulla, ipnotizzare il prossimo e schivare i colpi, ma non sempre queste abilità proteggeranno il vigilante.
Le prime difficoltà, The Cape le incontra nel secondo episodio Tarot scontrandosi con un sicario - chef francese ed esperto avvelenatore - membro del solito sindacato segreto di assassini (ne saranno membri anche Elektra o l'agente 47?).

Keith David è Max in una immagine promozionale di The Cape
The Cape è interpretato dall'australiano David Lyons, l'odioso dottor Simon Brenner di E.R. - Medici in prima linea, mentre il cattivo è nientemeno che il britannico James Frain, il folle vampiro Franklin di True Blood qui un po' meno folle ma egualmente sarcastico. La seducente hacker versione femminile di Eyes Only di Dark Angel è Summer Glau, che dopo essere stata la silenziosa Prima Ballerina di Angel, la semi-muta River di Firefly, la poco ciarliera cyborg Cameron di Terminator: The Sarah Connor Chronicles (di Dollhouse ci rifiutiamo di parlare), finalmente ottiene un ruolo con il pieno dono della parola. Sorpresa del cast è Keith David nei panni di Max, che trasuda ironia e presenza scenica, e funge non solo da mentore ma anche da guardiano di The Cape.
Le prime due puntate stemperano spesso e volentieri con qualche pausa divertente (la morte ritrattata di Malini, il procione rapinatore - avrà agito da solo? -, lo scambio di battute tra il segretario Portman e Faraday che si annuncia come The Cape ma è privo di costume), preservando un registro drammatico e puntando sulla verosimiglianza fin dove possibile. Nonostante un protagonista non proprio accattivante e inevitabilmente derivativa, esibisce la capacità di prendere le distanze da alcuni stilemi supereroici affibbiando al protagonista una famiglia per cui lottare e a cui tornare. Per non parlare della sua peculiare incarnazione del Male: la privatizzazione.

The Cape: Un eroe familiare
Privacy Policy