Star Wars Tours: Disneyland Paris a tutta Forza!

Abbiamo avuto la fortuna di assistere in anteprima ad un assaggio della nuova entusiasmante ed adrenalinica attrazione ispirata all'universo di George Lucas.

Il grande parco di divertimenti europeo si appresta a festeggiare i suoi primi 25 anni con una serie di spettacolari e magiche iniziative legate ai più amati personaggi della Disney e della Pixar, eppure passeggiare in questi giorni nei due parchi a tema (Disneyland Park e Walt Disney Studios) per un appassionato di cinema ha tutt'altro sapore visto che stormtroopers e jedi sono onnipresenti quanto principesse e animali parlanti. A parte la regina Elsa ovviamente. Perché da queste parti le bambine che si vestono da Elsa sono un po' come le Harley Quinn ad un Comicon qualsiasi, praticamente la norma.

Non sei un po' basso per appartenere alle truppe d'assalto?

Eppure in questa Season of the Force, come gli organizzatori hanno giustamente ribattezzato questa ritrovata passione per Star Wars, davvero capita di incontrare dei nanerottoli vestiti da imperiali così come di pranzare ad uno dei fast food del parco ed ordinare un Jedi Burger o un Darth Burger (con pane nero) od una (un po' inquietante a dire il vero) Yoda Cupcake completamente ricoperta di glassa verde. E mentre si pranza, oltre ad essere deliziati dalle immancabili musiche di John Williams, si assiste allo spettacolo allestito da un gruppo di bambini di ogni provenienza che si allena ad usare le spade laser e a sfidare nientepopodimeno che Darth Vader. L'iniziativa si chiama Jedi Training Academy e, oltre a fornire la scusa per una piccola pausa ai genitori stanchi, non fa altro che confermare la volontà della Disney di addestrare e istruire tanti giovani padawan in vista del crescente entusiasmo per una saga cinematografica che probabilmente non vedrà mai la fine.

Leggi anche: John Williams: da Star Wars e Harry Potter a Jurassic Park, le 10 colonne sonore più memorabili

Ma come per tutto Disneyland ovviamente ce ne è davvero per tutti, non solo bambini: i fan maggiorenni di Guerre stellari potranno comunque consolarsi con una parata del Primo Ordine ed un piacevolissimo spettacolo in costume su un palco, oltre che improbabili photoshoot con personaggi della saga (ma niente selfie stick, qui sono proibiti, visto che possono essere considerati un'arma goffa o erratica, mica elegante come una spada laser), sempre sperando che gli stormtrooper sappiano scattare foto meglio di quanto sappiano sparare! E per chiudere in bellezza la giornata un epico spettacolo notturno con musiche, giochi di luce, proiezioni olografiche e fuochi d'artificio. Insomma Star Wars: A Galactic Celebration di nome e di fatto.

Giochi stellari

Ma veniamo invece alle attrazioni vere e proprie: se l'attesa rollercoaster Hyperspace Mountain prevista per questa primavera è purtroppo in ritardo e non riuscirà a far parte dei festeggiamenti per il 25esimo anniversario (se ne parlerà probabilmente per l'estate), uno Star Wars Tours completamente rinnovato aprirà il prossimo 26 marzo ma già in questi giorni è forse la giostra più chiacchierata in assoluto con file lunghissime e spontanee che si formano davanti alle recinzioni che parlano di lavori in corso semplicemente perché per il parco girano voci più o meno incontrollate di brevi sneak peek, corse di test, elargite a pochi fortunati.

Tra questi ci siamo stati proprio noi e confermiamo che l'entusiasmo è assolutamente giustificato perché questa rinnovata attrazione prende il meglio di quello che era già uno dei fiori all'occhiello del parco e lo migliora in ogni suo aspetto. Se l'idea è sempre la stessa, ovvero un viaggio intergalattico all'interno di uno shuttle spaziale ottenuto grazie ad una proiezione in 3D ed un simulatore di movimento, il vero valore aggiunto è rappresentato questa volta dalla presenza di molti più personaggi storici ed amatissimi della saga ma soprattutto da una componente variabile (e assolutamente casuale) che rende ogni giro un'esperienza potenzialmente nuova. Ogni viaggio/corsa infatti avrà una destinazione diversa verso uno dei tanti pianeti dell'universo di Guerre Stellari: se durante la nostra anteprima abbiamo visitato Kashyyyk,il mondo dei Wookie, ci è stato detto in (semi) confidenza da un membro dello staff che i pianeti disponibili dovrebbero essere addirittura diciassette con tantissime combinazioni diverse. Tra questi Tatooine, Hoth, Naboo, Yavin e molti altri!

In giro per una galassia lontana lontana

Per chi fosse curioso di sapere di cosa si tratta ecco un breve ma dettagliato resoconto dell'attrazione.

Attenzione, seguono spoiler sul nuovo Star Wars Tours

Così come per lo Star Wars Tours originale si viene introdotti nello shuttle da delle hostess che ci invitano ad allacciare le cinture. Fatto questo il viaggio è pronto a cominciare e scopriamo che a guidarci sarà addirittura il caro C3P0 in carne ed ossa... o meglio in bulloni e latta. Mentre stiamo per spiccare il volo arriva il temibile Darth Vader a perquisire la nostra nave in cerca di tracce di ribellione non meglio specificate (o meglio, non del tutto comprese dal nostro scarso francese) quando il nostro pilota decide di non arrendersi alla sua poco cortese richiesta, il Signore dei Sith prova prima a fermarci con la Forza sbatacchiando il nostro shuttle per tutta la stazione spaziale e poi mandandoci contro dei tie fighter che ci inseguono per lo spazio e che proviamo ad abbattere con i nostri cannoni.

Sfuggiti a questo pericolo sfruttiamo l'iperspazio (e l'effetto è, ancora una volta, assolutamente spettacolare) per raggiungere il pianeta che ci è stato casualmente assegnato: come già detto nel nostro caso si tratta di Kashyyyk, e questo significa viaggiare sulla superficie del lussureggiante pianeta evitando non solo gli imperiali sulle speeder ma anche gli enormi alberi utilizzati dai Wookie per fare da vedetta. Con almeno un paio di questi simpatici wookie abbiamo anche un paio di incontri (molto) ravvicinati prima di spiccare nuovamente il volo alla velocità della luce.

Leggi anche:

A questo punto passiamo attraverso un campo di asteroidi mentre l'Alleanza, attraverso la presenza di altri due droidi che conosciamo molto bene come R2-D2 e perfino BB-8, vorrebbe guidarci alla loro base. Ma prima veniamo presi di mira dal più celebre e amato cacciatore di taglie dell'intera galassia: Boba Fett, a quanto pare più interessato a farci fuori (anche con bombe al plasma) che a catturarci. Nel tentare di sfuggirgli ci ritroviamo nuovamente alla presenza di Darth Vader, questa volta anch'egli alla guida di un Tie Bomber, e soprattutto risucchiati dalla nuova Morte Nera (quella de Il ritorno dello Jedi), il cui interno navighiamo proprio come nel finale del sesto film. In qualche modo riusciamo a sfuggire ai tanti pericoli e a raggiungere la base segreta ribelle, con i leader dell'Alleanza che ci applaudono e si congratulano per il nostro coraggio.

Leggi anche: The Dark Side of Star Wars: Darth Vader, Kylo Ren e il fascino del Male

Noi invece ci rallegriamo con noi stessi per la fortuna di aver assistito a questa anteprima, e più o meno segretamente continuiamo a sperare di essere chiamati per un secondo giro. La ribellione è fondata sulla speranza e a quanto pare anche la vacanza di un appassionato di Star Wars. Che la (stagione della) Forza sia con noi!

AGGIORNAMENTO

In seguito al nostro primo tour siamo riusciti ad intrufolarci altre due volte nonostante l'attrazione non sia ancora ufficialmente aperta. Quello che abbiamo scoperto è che effettivamente il "viaggio" è completamente random a partire da tanti piccoli dettagli che cambiano in maniera più o meno impercettibile: lo shuttle vira destra invece che a sinistra nella stazione spaziale, un wookie agisce in modo lievemente differente, un'altra volta non è BB-8 a darci indicazioni sulla nostra missione ribelle ma Ackbar - e no, non è una trappola.

Quello che cambia completamente però è tutta la seconda parte del tour: se infatti, almeno per quel che ci è dato sapere, la capatina iniziale nel pianeta wookie è garantita, a cambiare è la destinazione finale. La prima volta abbiamo visitato la Morte Nera, nei due giri successivi è toccato prima visitare una spettacolare Coruscant (con tanto di corsa spericolata per i cieli affollati come in episodio 2) e una suggestiva Naboo, prima con una battaglia subito fuori la sua orbita ed infine con un tuffo sotto la superficie dell'acqua in compagnia di Jar-Jar Binks e i temibili, e sempre più grandi, mostri sottomarini!

Star Wars Tours: Disneyland Paris a tutta Forza!
Star Wars 8: abbiamo letto il titolo e recensito il film per voi!
Star Wars, Mark Hamill risponde ad un dubbio storico dei fan
Privacy Policy