Revenge: Commento all’episodio 4x03, Ashes

Scampata all'incendio allo Stowaway, la ex vendicatrice Emily Thorne è protagonista di un drammatico faccia a faccia con la sua nemica giurata, Victoria Grayson, nella terza puntata di Revenge, durante la quale quale nuovi segreti vengono alla luce.

Revenge: Commento all’episodio 4x03, Ashes

Il plot

Revenge

2011 - 2015 – Thriller
3.4 3.4

Dopo che Charlotte Grayson ha appiccato il fuoco allo Stowaway, Jack Porter interviene appena in tempo per trarre in salvo Emily Thorne; la ragazza, però, rifiuta di denunciare sua sorella. Intanto Victoria si è trasferita insieme a David Clarke in una casa in mezzo al bosco e si reca dal figlio Daniel per chiedergli un prestito; Daniel però ha esaurito tutto il suo denaro e sta per essere sfrattato dall'hotel in cui abita. Victoria va quindi a trovare Charlotte, terrorizzata all'idea di essere accusata del tentato omicidio di Emily; madre e figlia si confidano sui rispettivi segreti, e Victoria conduce Charlotte dal padre David.

La "riunione di famiglia" rischia però di essere rovinata dall'improvviso arrivo di Emily, determinata a parlare con Charlotte; Victoria, preoccupata di evitare ad ogni costo un incontro fra David ed Emily, minaccia la ragazza con un fucile e la induce ad andarsene. La donna comprende di dover trovare un altro rifugio per lei e David e ottiene dei soldi in prestito da Margaux LeMarchal, la quale nel frattempo ha iniziato una relazione sentimentale con Daniel. Quella notte David, determinato a proteggere la propria famiglia dal pericolo rappresentato da Emily Thorne, penetra in casa della ragazza armato di un coltello, ma l'intervento di Nolan Ross lo costringe ad una precipitosa fuga.

Commento all'episodio

Revenge: l'attrice Madeleine Stowe in Ashes

Dopo il precedente Disclosure, anche Ashes sembra confermare le prime impressioni riguardo questa quarta stagione di Revenge: una situazione talmente confusa, con i rapporti fra i personaggi in continua ri-definizione, al punto che, in via teorica, potrebbe accadere davvero di tutto. Una libertà creativa che tuttavia gli scrittori della serie della ABC stanno gestendo con una certa difficoltà: venuto meno il fulcro della trama, ovvero il desiderio di vendetta di Emily / Amanda nei confronti del clan dei Grayson, il racconto pare indeciso sulla direzione da prendere, così come sulle posizioni dei vari protagonisti. E non gioca a favore di Revenge il fatto che al momento, al centro della contesa fra Victoria ed Emily, ci sia Charlotte: la figlia minore di casa Grayson è la figura più irritante ed inconsistente dell'intera serie, in parte a causa della pessima interpretazione di Christa B. Allen (gli autori dovrebbero seriamente considerare la possibilità di rispedire Charlotte in un fantomatico college europeo e liberarci di lei per un po' di tempo). Per il resto, a saltare agli occhi - molto più del solito - in Ashes sono le palesi forzature della storia: dalla facilità con cui viene superata la questione dell'incendio allo Stowaway alla sorprendente ingenuità del redivivo David Clarke.

Contenuto pubblicitario
Revenge: Elena Satine e Joshua Bowman nell'episodio intitolato Ashes

Proprio David, la vera, grande sorpresa di questa quarta stagione, si sta rivelando una cocente delusione: ben lontano dall'essere un implacabile vendicatore (o magari un insospettabile super-criminale), David si è dimostrato finora un burattino di inesorabile idiozia manovrato senza ritegno dall'astuta Victoria, alla quale sono bastati una manciata di secondi per trasformare il suo compagno in una minaccia mortale per Emily. Infine, un'ultima notazione riguarda l'altro rampollo della dinastia Grayson: confinato in una storyline secondaria, Daniel costituisce un altro esempio di un personaggio che gli autori non sanno esattamente come gestire, tanto da avergli affibbiato una pseudo-relazione con la sua ex amante Margaux (un subplot ritrito e, manco a dirlo, esasperatamente noioso).

I momenti bislacchi dell'episodio

Abbiamo già parlato della scioccante stupidità di David Clarke (incredibile che, vent'anni prima, qualcuno possa averlo ritenuto il mandante di un colossale attentato terroristico), ma in questo episodio il papà di Emily attira la nostra attenzione anche per il peculiare abbigliamento scelto per introdursi in casa della figlia con il proposito di ucciderla: felpa scura e cappuccio da rapper tirato fin sopra la testa, ovvero esattamente la medesima tenuta da "missione segreta" più volte sfoggiata da Emily nelle tre precedenti stagioni di Revenge... anche nel "look da vendicatori", tale padre, tale figlia?

What's next

Dopo il catfight fra Emily e Victoria con tanto di fucile puntato ad altezza volto e frasi tipo "Mi devi molto di più di una morte rapida", aspettiamoci altri confronti al vetriolo fra le due acerrime rivali dell'universo di Revenge per le prossime puntate. Per quanto riguarda Daniel, il ragazzo - che non brilla certo per acutezza - è caduto subito vittima del tentativo di abbordaggio della misteriosa (e presumibilmente non troppo equilibrata) Louise, che potrebbe rappresentare un'inattesa spina nel fianco per la famiglia Grayson.

Revenge: Joshua Bowman e Madeleine Stowe nella puntata Ashes

Conclusioni

Giunta al suo terzo episodio, Ashes, la quarta stagione di Revenge mostra una sostanziale confusione narrativa, che sembra denunciare le incertezze degli autori sulla direzione da far prendere a questo "nuovo corso" della serie ambientata negli Hamptons; mentre la reunion fra Emily e suo padre David viene rimandata a data da destinarsi...

Stefano Lo Verme
Redattore
2.5 2.5
Privacy Policy