Il Commissario Zagaria (MINISERIE TV IN 2 PARTI)

2011, Commedia

Recensione Il Commissario Zagaria (2011)

Nonostante Il Commissario Zagaria renda omaggio ai personaggi resi celebri da Banfi nelle commedie di culto degli anni Settanta e Ottanta, la miniserie Mediaset segue però il trend della fiction contemporanea, ispirandosi soprattutto a Montalbano, non solo per l'intreccio investigativo, ma soprattutto per la smaccata connotazione regionale. Ma naturalmente la serie è cucita addosso a Lino Banfi, autentico mattatore, che dà libero sfogo alla sua incontenibile vis comica.

Il Commissario Pasquale Zagaria ama la fiction, la Puglia e la polizia

In principio fu Pasquale Zagaria, non solo perché questo è il nome all'anagrafe di Lino Banfi, ma anche perché rappresenta il primo personaggio incarnato dall'attore sul grande schermo con un ruolo da protagonista. Correva infatti l'anno 1973 e, per volere del produttore Carlo Maietto, che aveva scoperto il talento del comico in un semisconosciuto cabaret romano, esce al cinema Il brigadiere Pasquale Zagaria ama la mamma e la polizia. Poco più che un barzelletta-movie (come si usava a quei tempi) ma, affidato all'istrionismo a ruota libera dell'interprete di Andria, il film diventa un grande incasso commerciale. Negli anni successivi Pasquale Zagaria si trasforma in Lino Banfi, e il resto fa parte della storia della commedia all'italiana degli ultimi trent'anni. Ma l'attore non ha mai dimenticato il personaggio dell'investigatore, protagonista di vari film polizieschi tinti di comico, come Il Commissario Lo Gatto del grande Dino Risi, e il Commissario Auricchio in Fracchia la Belva umana di Neri Parenti, diventato un personaggio di culto. E dunque, dopo aver resuscitato nel 2008 il mitico Oronzo Canà per il sequel cinematografico L'allenatore nel pallone 2, Banfi riprende in mano anche quello di Pasquale Zagaria, questa volta promosso da Brigadiere a Commissario, e trasferito nel contesto televisivo.

Lino Banfi e Marco Cocci formano una coppia investigativa ne Il Commissario Zagaria
La scommessa de Il Commissario Zagaria - miniserie in due episodi trasmessa da Canale 5 e prodotta da Alba Film 3000, società creata ad hoc da Lino Banfi, assieme al figlio Walter Banfi e al genero Fabio Leoni - è quella di adattare il personaggio al nuovo scenario della fiction contemporanea, ispirandosi a numerose serie (da Linda e il Brigadiere, a Il Commissario Rocca e soprattutto Il Commissario Montalbano) che, mescolando i generi commedia e action, hanno sempre garantito ottimi ascolti presso il pubblico televisivo. Il riferimento a Montalbano è d'obbligo, perché anche questa miniserie è caratterizzata da una connotazione regionale molto spiccata, dove emergono i colori e gli umori del Sud. Un ruolo determinante è infatti riservato alla città di Lecce, e più in generale al Salento, non soltanto perché protagonista di alcuni giochi di parole del Commissario ("sono laureato in Lecce"), ma perché la regia di Antonello Grimaldi e la fotografia di Alessandro Pesci tendono ad esaltare il più possibile i suggestivi scenari naturali in cui è ambientata la storia - tra cui la storica sede dell'Università (un ex monastero) e il colorato mercato cittadino -, sfruttando anche le potenzialità cromatiche della macchina da presa digitale.
Girato con il sostegno dell'Apulia Film Commission, la fiction tende a sottolineare la sua marcata "pugliesità" in molti modi, non solo ricorrendo alle esclamazioni del protagonista, ma anche attraverso la tradizione ittica e culinaria locale (di cui Zagaria è un fine cultore), e persino tramite la colonna sonora, che mescola i ritmi salentini composti da Stefano Arnaldi persino con alcuni brani cantati da Albano.

Rosanna Banfi in una scena de Il Commissario Zagaria
Nonostante Il Commissario Zagaria sia in parte un omaggio alle vecchie commedie gialle degli anni Settanta e Ottanta - da cui viene ripreso anche il personaggio dell'agente De Simone, impersonato dalla fedele spalla comica di Banfi, Sandro Ghiani - la miniserie deve però adeguarsi al trend della fiction contemporanea e al palato del pubblico televisivo. Sono dunque bandite le volgarità e viene invece lasciato più spazio alle freddure e alle bonarie gag della coppia Zagaria - De Simone, oppure ai battibecchi tra il Commissario e sua nuora (nonché sostituto procuratore), interpretata da Rosanna Banfi.
La storia affronta anche temi scomodi e crudi, dato che al centro dell'intreccio vi è una guerra tra il boss della mafia locale Matera (che Zagaria cerca in tutti i modi di incastrare) e la 'Ndrangheta calabrese, che vorrebbe estendere il proprio dominio sulla città. Ma al tempo stesso, emergono alcuni elementi tipici della buonista serialità nostrana, come l'attenzione per l'importanza della famiglia, e così prende il sopravvento una sottotrama incentrata sul rapimento della figlia di un criminale pentito. Non manca, naturalmente, neppure la componente love story, qui incarnata dal personaggio dell'affascinante vicequestore della scientifica Amato (interpretato da Marco Cocci), giovane e dinamico contraltare di Zagaria, che fa perdere la testa all'agente Lepore (Isabelle Adriani), ma pare in realtà più interessato a una graziosa professoressa universitaria (Ana Caterina Morariu).
Naturalmente, la miniserie è però interamente cucita addosso a Lino Banfi, autentico mattatore, che è libero di dare sfogo alla sua incontenibile vis comica. I suoi siparietti, le sue esternazioni surreali, i giochi di parole nonsense, sono il vero cuore de Il Commissario Zagaria.

Recensione Il Commissario Zagaria (2011)
Privacy Policy