Padri e Figlie

2015, Drammatico

Padri e figlie: la paternità indagata

Gabriele Muccino confeziona il suo film più maturo, più riflessivo, con attori fuori dal cliché che Hollywood vorrebbe cucir loro addosso.

Padri e Figlie

2015 – Drammatico
3.3 3.3

Se c'è un tema ricorrente nel cinema di Gabriele Muccino, è senza dubbio quello della paternità. Già da L'ultimo bacio, questa incombente condizione che sta per arrivare a spazzar via la spensieratezza nella vita di Carlo (uno Stefano Accorsi ancora lontano da 1992) è il motore dell'intera vicenda, più degli sguardi languidi di Martina Stella.

Padri e figlie: Kylie Rogers e Russell Crowe nel film di Muccino

Il regista romano ci è tornato sopra più e più volte, con risultati non sempre di egual valore, ma comunque con la sincerità narrativa, con l'urgenza di un racconto interiore che si esteriorizza in maniera personale, che lo ha caratterizzato fin dal suo primo ciak. Ora con Padri e Figlie, Muccino firma il suo film più maturo, con consapevolezza, sia dal punto di vista narrativo che da quello registico.

Uno stile personale che matura

Padri e figlie: Aaron Paul e Amanda Seyfried in una scena del film

È come sempre nervosa, la sua macchina da presa: non stai quasi mai ferma, si insinua e indaga, sfacciata e quasi maleducata, nel privato più intimo di tutti i personaggi, per riferire a noi cosa passa loro per la testa e, soprattutto, per il cuore. Ma mai come ora è sicura dei suoi movimenti, riprendendo i famosi piani sequenza nelle scene più concitate, raggiungendo una maestria che in molti hanno riconosciuto già in passato. Molta critica italiana, purtroppo, sceglie di sostenere alcuni autori in patria e fuori (come Paolo Sorrentino, per citare l'esempio più eclatante) e di stroncarne deliberatamente altri. Gabriele Muccino fa parte di quella fuga di cervelli e di arti che per essere apprezzato per ciò che vale è dovuto andarsene all'estero, corteggiato da un attore come Will Smith, altro esempio di sorprendente cambiamento nel corso della sua carriera. Soffre della stroncatura per partito preso, il cinema di Muccino, ma in verità egli stesso ammette senza alcun problema i passi falsi e i film in cui è stato fallace, come Quello che so sull'amore.

Padri e figlie: Jane Fonda e Russell Crowe in una scena del film

In Padri e figlie Russell Crowe sarebbe fuori parte: difficile con quel fisico rude, la voce roca e la barba sempre incolta, vederlo nei panni dello scrittore premio Pulitzer e padre amorevole. Ma fa un lavoro incredibile, da attore di prim'ordine qual è. Jake farebbe di tutto per la sua bambina (Kylie Rogers nuova giovanissima-prodigio?), e non come lo dicono decine e decine di padri. A tratti potrebbe persino risultare troppo perfetto, ma in verità sfoga la sua rabbia e le sue difficoltà altrove, lontano dagli occhioni di sua figlia.

Un cast di attori incredibili

Padri e figlie: Amanda Seyfried insieme a Quvenzhané Wallis in una scena del film

Occhioni che poi, crescendo, diventano quelli di Amanda Seyfried, in una storia raccontata a più livelli, a più strati, graffiante sopra e sottopelle. La Katie adulta è una ragazza interrotta che si autodistrugge, si ubriaca di sesso senza senso, rovina volontariamente tutto ciò che la vita le offre di bello. E di storie vere così, chi vi scrive ne ha ascoltate tante da non poter restare indifferente all'interpretazione della Seyfried, anche lei fuori dai ruoli solo divertenti o solo sensuali, monocromatici che finora ha interpretato. Vuole aiutare e ha bisogno di aiuto, Katie, che la vita ha messo alla prova troppo giovane per non essere così problematica.

Padri e figlie: Aaron Paul e Amanda Seyfried in un momento del film

E c'è anche Jane Fonda, poco sfruttata nella promozione internazionale del film, donna magnifica, nei panni di un personaggio d'altri tempi (del resto il passato, alternato prepotentemente al presente in questo film, è un altro tempo), la editor monumentale come lo è la stessa Jane. Un film che ci obbliga a ripensarci, per giorni, che tocca le corde personali anche di chi ha avuto un vissuto diverso, che vuole frugare le nostre fragilità e obbligarci a farci i conti.

Padri e figlie: la paternità indagata
Federica Aliano
Redattore
4.0 4.0
Padri e figlie: Gabriele Muccino racconta la sua Hollywood
Privacy Policy