Mr. Nobody

2009, Drammatico

Recensione Mr. Nobody (2009)

In un rapido fluire di immagini, Jaco Van Dormael usa in modo schizofrenico il suo protagonista Jared Leto immergendolo in una successione di incubi e possibilità, scenari tutti reali proprio perché in un tal gioco di specchi niente lo è davvero.

Ogni vita va vissuta

"Tutto quello che scegliamo ha senso. Ogni scelta è la scelta giusta". Il regista belga Jaco Van Dormael crede profondamente a quello che scrive nelle proprie sceneggiature tanto da mettere in pratica le sue teorie nell'onirico Mr. Nobody, pellicola onnivora e vorticosa che non si contenta di mettere in campo passato, presente e futuro, ma osa mostrare come ogni via intrapresa possa essere irreversibile, come la realtà sia solo una mera illusione. Un L'albero della vita dalla fotografia luminosa e patinata mescolato con Lo strano caso di Benjamin Button e con un pizzico di Sliding Doors. L'autore dell'intrigante e lucidissimo Toto le hero - Un eroe di fine millennio, in questa sua nuova opera non ci risparmia niente e costruisce la sua rutilante storia d'amore (in realtà sono tre) per moltiplicazione e inversione. Visto che sia la consapevolezza che l'inconsapevolezza impediscono di fare la scelta giusta, il regista non si preoccupa di creare una pellicola coerente e abbandona il senso della misura per liberare il proprio spirito visionario e la propria ironia, supportato da un budget decisamente importante.
L'anziano Nemo Nobody, ultimo mortale in un futuro dominato da una nuova stirpe di umani immortali, racconta la propria storia a un giovane ascoltatore e questa è una delle poche convenzioni classiche di cui il film fa uso prima di prendere il volo mescolando sogno e ricordo, realtà e finzione (ma ha senso utilizzare tali categorie in un'opera come questa?). Tutto ciò che l'uomo, protagonista di una sorta di reality in cui i telespettatori del 2092 seguono in diretta gli ultimi istanti di vita dell'unico mortale rimasto, racconta al suo interlocutore viene contraddetto dai flashback che ci vengono mostrati subito dopo. La vita ci riserva continue scelte e dato che ogni esistenza merita di essere vissuta in fondo a Nemo Nobody non bastano una sola storia d'amore e un'unica famiglia. Lui se ne crea due, anzi, addirittura tre.

Una poetica immagine del film Mr. Nobody di Jaco Van Dormael
In un rapido fluire di immagini, Jaco Van Dormael usa in modo schizofrenico il suo protagonista Jared Leto immergendolo in una successione di incubi e possibilità, scenari tutti reali proprio perché in un tal gioco di specchi niente lo è davvero, visualizzati con potenza grazie alla fantasia visionaria del regista che si esteriorizza in ambienti folli e straordinari. Nel calderone di Mr. Nobody finiscono drammi esistenziali, spettacolari incidenti, catastrofi, citazioni filosofiche, strizzate d'occhio al mostruoso universo del reality, echi di tanto cinema, pittura, arte visiva, videoclip, le più disparate teorie scientifiche - dal più classico 'Effetto Farfalla' alla Teoria delle Stringhe, dal Big Bang allo scacchistico Zugzwang - il tutto condito con spirito naif, con la proverbiale (auto)ironia che Van Dormael ha già ampiamente dimostrato in passato e dal gusto per il dettaglio significante tipico di tanto cinema moderno franco-belga. Inusuali e arditi raccordi di montaggio permettono continui salti temporali dal passato al presente al futuro e ancora al passato in un caos di ralenty e visioni, di esplosioni di suoni e colori non privo di fascino. L'unico parziale punto di riferimento in questa fiaba onirica che si ripete all'infinito tra mille variazioni è la presenza di tre splendide attrici che interpretano le tre mogli di Nemo Nobody. A Linh-Dan Pham spetta il ruolo della saggia Jeanne, la bravissima Sarah Polley si misura con un personaggio ostico e complesso, quello dell'instabile Elise, affetta da un disturbo bipolare, mentre la tedesca Diane Kruger interpreta il vero amore di Nemo, Anna, donna del destino che ritorna in molteplici vesti, luoghi e tempi.

Una scena di Mr. Nobody
Jaco Van Dormael non si preoccupa minimamente di dare coerenza a un'opera dalla lavorazione travagliata che ha già subito molteplici rimaneggiamenti in fase di montaggio, senza probabilmente aver ancora raggiunto una forma definitiva. La lunga durata e la mancanza di ordine e chiarezza renderanno la visione ostica a chi non ama il cinema di Van Dormael, ma anche se Mr. Nobody entra di diritto nella categoria delle opere tanto ambiziose quanto poco riuscite (se pensiamo al Darren Aronofsky di L'albero della vita o al Richard Kelly di Southland Tales, Van Dormael è in buona compagnia) non possiamo non amare quei momenti in cui il suo unico stile emerge con chiarezza. In fin dei conti l'amore vince su tutto, Mr. Nobody non è il primo e non sarà l'ultimo film a basarsi su questo concetto, ma quando a esporcelo è l'anarchico Jaco Van Dormael le cose cambiano. Con il suo caleidoscopio ridondante di immagini il regista rivendica la propria libertà di non privare lo spettatore di niente e di non fare alcun tipo di scelta. Che sia proprio lui il vero Mr. Nobody?

Recensione Mr. Nobody (2009)
Valentina D'Amico
Redattore
3.0 3.0
Privacy Policy