Non uccidere

2015 - ....

Non uccidere 2: la fiction dell’avanguardia Rai torna in tv

Esordisce stasera su Rai2 la seconda stagione della fiction Non uccidere, con Miriam Leone nei panni dell'"Antigone" Valeria Ferro. Nel corso dell'incontro stampa si è parlato anche dell'assenza di Monica Guerritore dai nuovi episodi.

Andrà in onda a partire da stasera - e poi ogni lunedì e mercoledì sul secondo canale della tv pubblica - Non uccidere 2, la fiction che vede il ritorno sul piccolo schermo di Miriam Leone nei panni dell'Ispettore della Polizia Mobile di Torino Valeria Ferro. Nonostante gli ascolti non generosi della prima stagione lo show creato da Claudio Corbucci, secondo il Direttore di Rai Fiction Eleonora Andreatta in prima linea alla conferenza stampa di presentazione, "è una serie strategica, spinge l'asticella dell'innovazione Rai ancora un po' più avanti: rappresenta un nuovo modello di offerta in quanto è la prima serie che Rai presenta in modalità completa sul portale RaiPlay". I primi 12 episodi di Non uccidere 2, infatti, sono già presenti sul portale on demand Rai dallo scorso 1° giugno e il motivo è semplice, come spiega il direttore di Rai Teche Maria Pia Ammirati: "Su RaiPlay il prodotto che funziona di più è la fiction e non temiamo la cannibalizzazione tra lineare e non lineare, non ci sono gelosie. Noi speriamo di sommare utenti, speriamo che i due vasi comunicanti possano interagire ancora di più".

Leggi anche: Miriam Leone: "Pur di lavorare con Bellocchio ho recitato di notte"

Valeria Ferro alla perpetua ricerca della verità

L'ossessione per la verità di Valeria Ferro, in questa seconda stagione di Non uccidere, metterà ancora più a dura prova l'Ispettore che alla fine della prima serie aveva scoperto, tra le altre cose, che l'uomo ucciso anni prima e sulla cui morte aveva indagato per tanto tempo in realtà non era suo padre. Ad aggravare la situazione psicologica della Ferro nel nuovo atto della fiction sarà la scomparsa di sua madre, il cui epilogo si ripercuoterà anche sulle poche certezze di Valeria che metterà in discussione il suo stesso ruolo nella polizia. Miriam Leone, interprete convincente dell'oscura Valeria, si è detta entusiasta di aver avuto l'opportunità di poter essere ancora una volta il volto del tenace Ispettore: "Questo personaggio è un regalo per un attore, ringrazio chi lo ha inventato, chi ha dato vita a questa sorta di moderna Antigone e ringrazio tutti i questori che mi hanno scritto per congratularsi con noi del lavoro fatto. Siamo una bellissima squadra, il centro di produzione Rai di Torino sarà sempre nel mio cuore".

Leggi anche: Miriam Leone e Sarah Felberbaum: le donne di Cosimo de' Medici tra arte e seduzione

Monica Guerritore, la grande assente

Non uccidere: un momento della serie drammatica

Oltre a Miriam Leone nel ruolo di Valeria Ferro, un altro personaggio importantissimo della prima stagione di Non uccidere è stato Lucia Ferro, ovvero la madre della protagonista interpretata da Monica Guerritore. Purtroppo però l'attrice non sarà parte del cast di questa nuova serie e, a spiegare i motivi di questa grande assenza, è stato lo stesso creatore Claudio Corbucci: "La collaborazione con Monica nella prima serie è stata intensa e passionale, ma poi è finita. Quando abbiamo iniziato la seconda stagione la Guerritore c'era ancora, e io sono molto collaborativo con gli attori. Ma c'è sempre un limite. Ognuno deve fare il suo lavoro: l'attore fa l'attore, lo scrittore fa lo scrittore e l'accordo artistico con lei non è stato trovato, per suo volere. Così abbiamo proseguito senza di lei. Diciamo che è stata l'occasione per noi di essere ancora più creativi. Alla fine la sua assenza ci ha giovato".

Leggi anche: Miriam Leone, Massimo Gaudioso e Fabio Volo ci raccontano Un paese quasi perfetto

Da Rai 3 a Rai 2: il passaggio di consegna

Oltre ai nuovi misteri personali e non che Valeria Ferro dovrà affrontare e svelare, la seconda stagione di Non uccidere presenta tante altre novità. Innanzitutto il taglio degli episodi è cambiato, come ha annunciato Andreatta: "Gli episodi non sono più da 100 minuti, ma da 50: secondo il modello internazionale. Questa serie è una vera produzione industriale: lavorare con tempi ridotti a livello qualitativo alto nella speranza di ottenere gli ascolti che abbiamo avuto in Francia, dove Non uccidere ha ottenuto ascolti più alti della media della rete che l'ha trasmessa". E, a proposito di rete, il passaggio di non Non uccidere da Rai 3 a Rai 2 secondo la stessa direttrice della rete Ilaria Dallatana è stato doveroso: "Le ultime due stagioni televisive hanno dimostrato che la fiction fa molto bene a Rai 2 e con Non uccidere 2 finalmente abbiamo una donna al comando di una serie della nostra emittente".

Non uccidere 2: la fiction dell’avanguardia Rai...
Boris: 5 cose che ci ha insegnato sulla TV, sul cinema e sull'Italia
Miriam Leone e Sarah Felberbaum: le donne di Cosimo de' Medici tra arte e seduzione
Privacy Policy