FBI Operazione tata

2006, Comico

Recensione FBI Operazione tata (2006)

Poco o nulla da rilevare nè nello svolgimento piatto e prevedibile della trama, nè dal punto di vista delle interpretazioni, nè tantomeno per l'impianto tecnico/visivo: un film da dimenticare.

Nei panni di una tata

Arriva in Italia FBI operazione tata dopo gli ottimi incassi in patria, che l'hanno portato anche in testa alla classifica americana a gennaio. Protagonista del film è l'agente FBI Malcolm Turner, relegato ora a lavoro d'ufficio, dopo aver messo da parte la sua attività sul campo a seguito del matrimonio con Sherri. I momenti più intensi della sua routine quotidiana sono le messe in scena a scuola travestito da aquila, che hanno l'effetto di suscitare l'imbarazzo del figlio.
Quando viene a sapere che il suo ex partner è stato ucciso mentre lavorava ad un caso su un worm per computer, Malcolm rispolvera il travestimento da tata e si infiltra a casa del sospetto, tenendo all'oscuro sia l'FBI che la moglie incinta, in procinto di partorire.

L'idea centrale, e quasi unica, del film è quella di proporre e riproporre l'imbarazzo e le difficoltà di Turner truccato e vestito da Tata. E se state pensando "beh, non mi sembra una grande idea", allora siete perfettamente in sintonia con chi scrive.
Va sottolineato, tra l'altro, che FBI Operazione tata è il seguito di Big Mama e quindi anche quell'unica, non esaltante idea era già stata ampiamente sfruttata dallo stesso Martin Lawrence, che offre in questo film una prestazione assolutamente mediocre e non riesce a dare significato ad un film che ne nasce sprovvisto.
Lawrence non è Robin Williams infatti, e la sua presenza non impreziosisce il film come quella del suo collega aveva fatto oltre dieci anni fa per un'altra commedia mediocre: Mrs. Doubtfire - Mammo per sempre.

Poco o nulla da rilevare nè nello svolgimento piatto e prevedibile della trama, infarcita di situazioni comiche ai limite dell'imbarazzante e della volgarità o nel migliore dei casi banali; nè dal punto di vista delle interpretazioni, tutte in linea con la qualità complessiva della commedia; nè tantomeno per l'impianto tecnico/visivo, coordinato dal regista di derivazione televisiva John Whitesell, a cui, però, non attribuiremmo tutta la responsabilità per la riuscita fallimentare della commedia.

Sarebbe da segnalare soltanto l'elaborato make-up che permette a Lawrence di trasformarsi in Tata, ma essendo la causa primaria dell'esisteza di questo film, non ci sentiamo di lodarlo.

Recensione FBI Operazione tata (2006)
Antonio Cuomo
Redattore
1.0 1.0
Privacy Policy