I baci mai dati

2010, Drammatico

Recensione I baci mai dati (2010)

Dopo un percorso di regia che l'aveva fatta deviare dalla cifra stilistica dei suoi esordi, Roberta Torre torna alla poetica che ha fatto propria sin dagli esordi, tornando al suo consueto immaginario, in cui i colori barocchi siciliani si fondono con la 'pop-art' e con la videoarte.

Miracolo a Librino

Comincia con un punto di vista insolito, I baci mai dati. È quello della statua di una Madonna, che sta per essere scoperta durante la cerimonia d'inaugurazione alla presenza del prete del quartiere. Siamo a Librino, estrema periferia di Catania. Un quartiere-avamposto che ha una storia inusuale: nato nel 1970 con un progetto di riqualificazione edilizia disegnato nientemeno che dall'architetto giapponese Kenzo Tange, è finito con il passare degli anni col diventare una risacca di degrado e marginalità. Proprio come la colorata architettura di Librino, la poetica di Roberta Torre vive del contrasto esasperato tra la lucentezza e la vivacità della forma e il grigiore della realtà quotidiana che racconta. Un substrato sociale in cui domina la delinquenza, la microcriminalità, la corruzione politica, l'emarginazione civile. Una condizione esistenziale vissuta con la cieca rassegnazione dell'immobilità, in cui l'unica possibilità di cambiamento è affidata a forze imperscrutabili al di là della volontà umana. È per questo che la folla che popola il film della Torre si rivolge prima alla stramba parrucchiera-fattucchiera interpretata da Piera degli Esposti e poi a Manuela, creduta una "santa" perché ha visto in sogno la Madonna.

Carla Marchese in una scena del film I baci mai dati
I baci mai dati del titolo sono forse quelli che vorrebbe dare la ragazzina quattordicenne protagonista del film, ma di cui viene privata per via delle incombenze spirituali che è costretta ad assolvere. Dalla mattina alla sera, infatti, si presenta a casa sua una processione di disperati, ognuno dei quali giunto a reclamare un miracolo: che si tratti di trovare un lavoro, vincere al Totococalcio, riconquistare la fidanzata perduta, oppure diventare una celebrità televisiva. La scaltra Rita (Angela Finocchiaro), mamma di Manuela, fiuta l'affare e incomincia a cavalcare l'onda della credulità popolare imbastendo, anche con la complicità del sacerdote Don Livio, un vero e proprio business con tanto di gadget e di merchandising. Anche se ciò che vorrebbe fare Manuela è solamente andare sulla spiaggia e tornare a baciare il suo fidanzatino...

I baci mai dati - Videorecensione


Dopo un percorso di regia che l'aveva fatta deviare dalla cifra stilistica dei suoi esordi, Roberta Torre torna alla poetica che ha fatto propria sin dai primi cortometraggi e dall'esordio al lungometraggio con Tano da morire. Nelle sue immagini i colori barocchi siciliani si fondono con la pop-art e con la videoarte, mescolando registri e toni in un patchwork tutto mediterraneo.
Donatella Finocchiaro in una scena del film I baci mai dati
Ne I baci mai dati attinge direttamente all'arte povera locale, che ha come suo oggetto principale proprio la devozione verso la Madonna e i santi: dagli ex voto, ai santini, dalle edicole votive ai dipinti sui carretti siciliani. Una religiosità che nella cultura popolare spesso finisce per perdere il suo significato originario, svuotandosi di senso e deformandosi sotto le lenti del grottesco; tanto è vero che le immagini sacre sono anche una componente ineludibile anche del rituale mafioso. Attraverso il suo stile luccicante e patinato la regista utilizza il tema della visione e dello sguardo come metafora della società contemporanea, fondata sulla cultura dell'apparire (difatti anche Don Luigi, rappresentante dell'istituzione religiosa, sostiene che "l'immagine è importante"). Non è un caso che sia proprio l'incontro con una ragazza cieca a fare progressivamente "aprire gli occhi" a Manuela, fino a culminare in un finale che ha un sapore soprattutto metaforico. Un epilogo contraddittorio, proprio come le facciate dei palazzi di Librino, al tempo stesso colorate e grigie.

Recensione I baci mai dati (2010)
Privacy Policy