Milano Film Festival: gli eventi e i film dell'ottava giornata

Il regista americano, protagonista della retrospettiva milanese, ha presentato al pubblico il terzo documentario dedicato a Neil Young; ma la giornata ha offerto anche tante altre occasioni di riflessione e impegno, sia con i film in concorso che con quelli della rassegna Colpe di Stato.

Inaugurano la giornata due pellicole in concorso, Italy: Love It, or Leave It, della coppia Gustav Hofer-Luca Ragazzi, già premiata per Improvvisamente l'inverno scorso e che qui ripropone la stessa verve irriverente, nel raccontare un viaggio attraverso l'Italia che vale la pena di vivere e anche attraverso quella che vale la pena di dimenticare, e l'ultima proiezione del malese Year Without a Summer. Il pomeriggio offre l'occasione per recuperare altri film in gara per il riconoscimento più ambito: l'emozionante A Still Jacket di Ramòn Giger e Las Malas Intenciones di Rosario García-Montero. In serata è stata invece la volta di Bleak Night di Yoon Sung-Hyun, dramma adolescenziale dipinto con le tinte delicate ma profondamente incisive del cinema coreano, Dernier étage gauche gauche di Angelo Cianci, ritratto dall'interno di una banlieue che non ti aspetti, e El premio di Paula Markovitch.

I'm Carolyn Parker: The Good, The Mad and The Beautiful: una scena del documentario
Per il focus su Jonathan Demme, la kermesse milanese ha proposto oggi Mio cugino, il reverendo Bobby e Fighting Mad, ma anche I'm Carolyn Parker: the Good, the Mad and the Beautiful, presentata dallo stesso Demme, e soprattutto, in anteprima europea, Neil Young Journeys (e non Neil Young Life, come già annunciato: il cantante ha deciso il cambio di titolo giusto la settimana scorsa) ultima tappa dell'excursus sulla carriera del cantante statunitense, progetto che, come ha confessato il regista alla nutrita platea degli spettatori, gli ha regalato emozioni indimenticabili.

Tanti gli appuntamenti con la sezione Colpe di Stato: A Bitter Taste of Freedom, dedicato alla vicenda di Anna Politkovskaya e all'ambiguità che ancora circonda motivi e mandanti della sua morte, Pax Americana di Denis Delestrac, un interessante excursus sul mercato dello spazio e sull'importanza strategica di accaparrarsi i migliori punti di osservazione globali e A Look at the Global Militarization di Lara Lee, un brevissimo, ma anche per questo molto incisivo, sguardo sulle dinamiche di uno dei pochissimi settori che non sembra conoscere la crisi, quello del mercato delle armi, senza dimenticare Oil - Secondo tempo di Massimiliano Mazzotta, che segue le rotte commerciali del petrolio, disvelando gli interessi politici che le disegnano.

Moloch Tropical: una scena del film
Randall Poster continua l'excursus sui suoi film più amati, presentando Dazed and Confused di Richard Linklater e American Graffiti di George Lucas, mentre l'evento speciale La terra trema ha ospitato Moloch Tropical e Chère Catherine, entrambi di Raoul Peck: il primo dedicato al bicentenario dell'indipendenza haitiana e alle proteste di piazza contro l'ex dittatore dell'isola, il secondo che vede lo stesso Peck, attivista ed ex ministro della Cultura, raccontare il proprio percorso artistico e politico.

Milano Film Festival: gli eventi e i film...
Privacy Policy