Madre!

2017, Drammatico

Darren Aronofsky su Madre!: “Ho riprodotto il pianeta in una casa”

Tra corpi degli attori, disastri ambientali e cinecomics, intervista a Darren Aronfsky, regista di Madre!, in cui Jennifer Lawrence è al centro di una casa che diventa presto una metafora più grande. Dal 28 settembre al cinema.

Madre! - Javier Bardem e Jennifer Lawrence in una foto del film

Dopo Il cigno nero e The Wrestler, in Madre! Darren Aronofsky torna a scarnificare, centimetro dopo centimetro, il corpo di un'altra interprete amata, Jennifer Lawrence, mettendola al centro di una casa inquietante che diventa presto metafora di idee più grandi. Ostinata a rimettere in piedi la casa d'infanzia del suo compagno, un poeta (Javier Bardem) che non riesce più a trovare l'ispirazione, la protagonista comincia a sentirsi sempre più collegata all'abitazione, sia mentalmente che fisicamente.

Leggi anche: Madre!: Jennifer Lawrence potenza generatrice nell'opera estrema di Darren Aronofsky

Abbiamo incontrato il regista al Lido di Venezia, dove Madre!, in uscita nelle sale italiane il 28 settembre, è stato presentato in concorso alla 74esima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, suscitando reazioni diametralmente opposte: "L'intenzione del film è un'idea più grande" ci ha detto Aronfsky, spiegando meglio: "Le persone si dimenticano molto velocemente che viviamo tutti insieme su questo pianeta: non importa se vieni da Venezia, New York, dalla Siria o Pechino, se fai una cosa qui influenza tutti. Gli effetti potrebbero metterci un po' a manifestarsi, ma ora stiamo vedendo i limiti di quegli effetti e cominciamo a soffrirne. Negli Stati Uniti abbiamo appena avuto il peggiore uragano della nostra storia e questo non dovrebbe succedere: negli ultimi dieci-dodici anni ne abbiamo avuti tre e nessuno unisce i puntini capendo che è tutto connesso. Ho cercato quindi di ricreare l'intero pianeta in una casa: un'idea a cui ci si può relazionare facilmente, perché se qualcuno viene a casa tua e butta della spazzatura sul tuo pavimento, o una sigaretta sul tappeto, ti arrabbi".

Leggi anche: Darren Aronofky: "Madre! è nato da una sferzata di energia"

Dal corpo di Jennifer Lawrence ai supereroi

Madre!: Jennifer Lawrence e Darren Aronofsky preparano una scena

Per Aronofsky l'interpretazione dei protagonisti è fondamentale: "Per me un film è fatto dagli attori: ruota tutto attorno alle interpretazioni, alle emozioni e ai personaggi, per questo mi concentro su di loro. È per questo che le persone vengono a vedere i film: vogliono vedere questi grandi attori e le loro performance". Inoltre, visto che ha quasi diretto Batman, Watchmen e Wolverine, ci ha confessato che sarebbe pronto a eclissarsi se dovesse finalmente girare un cinecomic: "Amo quei film: credo che avrei un approccio diverso nel farli, perché non mi concentrerei su me stesso ma sul titolo. Nella mia carriera ho avuto la fortuna di poter fare i film che voglio, quindi vedremo".

Leggi anche: L'invasione dei supereroi: guida ai cinecomics di prossima uscita

La nostra intervista a Darren Aronosfky

Darren Aronofsky su Madre!: “Ho riprodotto il...
Madre!: Jennifer Lawrence potenza generatrice nell'opera estrema di Darren Aronofsky
Darren Aronofsky: "madre! è nato da una sferzata di energia!"
Privacy Policy