Lo squalo

1975, Thriller

Lo Squalo: 15 cose che (forse) non sapete sul film!

Quarant'anni fa "Lo Squalo" di Spielberg usciva nelle sale americane e in brevissimo tempo conquistò il boxoffice. Eppure la lavorazione del film non fu affatto facile, tra squali che non funzionavano, litigi e sfide sul set, collaboratori mezzi sepolti nella sabbia e schiaffoni.

Lo Squalo, una delle scene clou del film

La colonna sonora di John Williams, le scene cariche di tensione, le apparizioni del mostro e il senso di pericolo sempre costante ad ogni inquadratura. Lo squalo di Steven Spielberg compie 40 anni dalla sua uscita nelle sale americane ed è uno di quei film che resteranno ancora molto a lungo nell'immaginario collettivo come uno dei thriller più iconici e avvincenti della storia del cinema. Come molti sanno però, la lavorazione del film per il giovane regista si rivelò un vero incubo, tra ritardi, gravi problemi tecnici ed altre magagne, che ci accingiamo a raccontarvi. Alcuni problemi furono risolti con intelligenza e creatività, altri invece furono aggirati con destrezza, ma in ogni caso ogni singolo intoppo fu premiato con un successo straordinario e tre premi Oscar.

In questo articolo

1. Tutto iniziò con un libro... e uno scrittore scontento.

Peter Benchley, l'autore de Lo Squalo durante la sua apparizione nel film

Il romanzo di Peter Benchley dal quale è tratto Lo Squalo diventò un film per varie circostanze fortuite. L'autore firmò un contratto di 175mila dollari tramite il quale si impegnava a cedere i diritti del libro e a firmare la prima bozza della sceneggiatura che successivamente fu rifiutata da Spielberg, così come le successive due, nonostante fossero molto fedeli al libro.
Benchley contestò a Spielberg le differenze tra film e libro - in particolare il finale, che riteneva poco realistico - e fu gentilmente accompagnato fuori dal set. In seguito lo scrittore disse che se avesse saputo come si comportano realmente gli squali, non avrebbe mai scritto il suo libro. Nel film però ha un piccolo cameo, quello di un reporter sulla spiaggia.

2. Nel segno di Moby Dick... anzi no!

Prima di affidare la regia a Steven Spielberg, i produttori avevano considerato un altro regista (Dick Richards) che durante un incontro con loro si rivelò poco idoneo. Nell'esporre la sua visione del film, questi descrisse una scena in cui una balena usciva dall'acqua e i produttori replicarono che non stavano facendo Moby Dick e ritennero che non era il caso di lavorare con uno che non sapeva distinguere una balena da uno squalo. Spielberg però avrebbe voluto utilizzare proprio una scena di Moby Dick del '56 per presentare il personaggio di Quint nel film, durante una scena ambientata in un cinema, ma Gregory Peck, che deteneva i diritti della pellicola, si rifiutò per una questione di "vanità". A Peck non era mai piaciuta la sua performance in Moby Dick e non voleva che fosse vista ancora una volta.

Moby Dick: Gregoy Peck è il Capitano Achab

3. Il casting dei protagonisti

Lo squalo: Roy Scheider, Richard Dreyfuss e Robert Shaw in una scena del film

Per il ruolo di Martin Brody (andato poi a Roy Scheider) furono considerati Charlton Heston e Robert Duvall. Duvall, che aveva sostenuto Spielberg prima della lavorazione del film, rifiutò perché temeva che il ruolo gli avrebbe dato troppa popolarità. Heston invece fu scartato dopo qualche riflessione e ci rimase così male che giurò che non avrebbe mai lavorato con Spielberg. E quattro anni dopo mantenne la promessa, quando il regista gli offrì la parte del Generale Stilwell in 1941 - Allarme a Hollywood. Per la parte del ruvido cacciatore di squali Quint invece furono considerati Robert Mitchum e Lee Marvin - il quale ringraziò per la proposta, ma disse che preferiva andare a pescare - e Sterling Hayden, che fu costretto a rinunciare perché aveva guai con il fisco, e partecipare al film avrebbe complicato le cose.

Nota a margine: Spielberg avrebbe voluto un attore di nome Frank Pesce nei panni di uno dei due uomini che pescano lo squalo di notte e finisce nelle fauci del "mostro", ma non ci fu occasione di lavorare con lui. Peccato, con un cognome così, sarebbe stato perfetto...

4. E mia moglie?!

Sempre a proposito di casting si creò un piccolo incidente diplomatico. Il produttore Richard D. Zanuck voleva far scritturare sua moglie Linda Harrison per il ruolo di Ellen Brody, ignaro del fatto che il boss della Universal Sid Sheinberg avesse già "prenotato" da tempo lo stesso ruolo per sua moglie Lorraine Gary. Per salvare capra e cavoli (anzi, squalo e mogli) Sheinberg contattò il produttore di Airport 75 William Frye e gli chiese il favore di scritturare la Harrison per una parte nel film.

5. Un evento di cattivo auspicio

Steven Spielberg, John Milius e George Lucas sul set de Lo squalo

Durante la pre-produzione del film accadde una cosa che avrebbe dovuto far intuire al povero Spielberg tutti i guai ai quali sarebbe andato incontro (e che racconteremo più avanti). Il regista arrivò nel laboratorio degli effetti speciali insieme a tre ospiti d'eccezione: Martin Scorsese, George Lucas e John Milius.
Lucas infilò la testa nelle fauci dello squalo per vedere come funzionasse, e quando Milius e Spielberg azionarono i comandi della bestia, qualcosa andò storto e il regista di Guerre stellari rimase incastrato. Senza serie conseguenze, per fortuna.

6. Bruce, il grande squalo bianco

Un giovanissimo Steven Spielberg scherza sul set de Lo Squalo

Spielberg chiamò ufficialmente lo squalo meccanico del suo film (anzi gli squali, perché ne erano tre) Bruce, come il suo avvocato di allora, ma nel corso della lavorazione del film, il regista lo soprannominò affettuosamente "il grande stronzo bianco", per tutti i guai che gli aveva fatto passare. La troupe invece, sempre per i problemi che adesso illustreremo nel dettaglio, aveva cambiato confidenzialmente il titolo al film, da Jaws (fauci) a Flaws (difetti). Ognuno dei tre squali aveva funzioni diverse era costato circa 250mila dollari, e fu anche testato nelle vasche d'acqua degli Studi Universal, ma appena furono immessi a mare, andarono a fondo perché l'acqua salata ne compromise il funzionamento, e quindi fu reclutata una squadra di sommozzatori per farli recuperare. Considerato che gli squali meccanici non erano del tutto funzionanti, non fu possibile utilizzarli per tutte le riprese e questo portò il regista ad utilizzare la macchina da presa come punto di vista dello squalo, un'idea che poi si rivelò vincente.
Oltre ai problemi con gli effetti speciali, Spielberg si ritrovò ad affrontare ritardi disastrosi sui tempi delle riprese, l'affondamento della barca (con crew e attori a bordo) e i conseguenti danni alla pellicola, che fortunatamente furono riparati in laboratorio. E alla fine di questa esperienza, sentenziò con sicurezza:

Il prossimo film lo faccio sulla terraferma!

Nota a margine: l'unico squalo rimasto integro dopo la lavorazione del film è esposto davanti ad U Pic Parts, uno sfasciacarrozze situato nella San Ferdinando Valley che è di proprietà di un certo Nathan Adlen. Bruce è posizionato su due pali di metallo, un po' logorato dal tempo, ma sempre minaccioso.

Roy Scheider in una scena de Lo Squalo

7. Ma che è questa puzza di squalo?!

Spielberg sul set de Lo Squalo (Jaws, 1975)

Il primo squalo ucciso nel film, ritenuto erroneamente colpevole di aver sbranato alcune persone, era un vero squalo ucciso in Florida, perché a Martha's Vineyard (dove si tennero le riprese del film) non ce n'era uno abbastanza grande. Il problema è che la carcassa aveva già iniziato a decomporsi e puzzare in modo nauseabondo, e quando fu appeso per la coda (come si vede nel film) i suoi organi interni fuoriuscirono dalle fauci, sparpagliandosi a terra e causando forte disagio nella crew. Un altro squalo (vivo, per fortuna) fu utilizzato per la scena in cui Hooper viene attaccato mentre si trova nella "gabbia", solo che era un esemplare molto più piccolo di quello utilizzato nel film, e quindi fu costruita una gabbia più piccola, nella quale fu inserita una controfigura di corporatura minuta e, per altre inquadrature, un piccolo manichino. Il piccoletto però, ad un certo punto si rifiutò di entrare nella gabbia dopo che lo squalo aveva cercato di distruggerla.

8. Tensioni (e tuffi mancati) sul set

Nonostante fosse un attore di talento, Robert Shaw aveva un problema di alcolismo e questo causava frequenti attriti tra lui e le co-star. Roy Scheider disse che "quando era sobrio era un gentiluomo, ma gli bastava un drink per trasformarsi in un figlio di puttana." Dreyfuss invece raccontò che Shaw era gentile con lui in privato, ma lo trattava malissimo davanti a tutti e gli diceva che non aveva futuro come attore. Questo e altri episodi accesero la competizione tra i due (a vantaggio delle rispettive interpretazioni, va detto) ma si arrivò al punto che Shaw sfidò il collega a tuffarsi nell'oceano dall'albero della barca (quindi da un'altezza di 22 metri!) e che se lo avesse fatto gli avrebbe dato mille dollari. A quel punto Spielberg intervenne e mise Dreyfuss al suo posto: "Non mi interessa quanti soldi ti offre, tu non ti tuffi dall'albero, non nel mio film."

9. L'uomo della dinamite

Lo Squalo - un esperto di esplosivi dentro la bestia

Questo signore che vedete nella foto qui accanto, sembra avere intenzioni un po' bellicose, ma in realtà era un esperto di esplosivi che fu chiamato sul set per dare il suo contributo al finale. Richard S. Edwards fu incaricato di posizionare la dinamite nello squalo, ma fu costretto ad infilarcisi dentro per nasconderla con più efficacia. La dentatura di Bruce però era tutta in fibra di vetro, e quindi per evitare di ferirsi, Richard dovette indossare dei guanti e proteggere le gambe con degli asciugamani.

10. Lo squalo, una superstar minacciosa e... frizzantina

Sapete come fu realizzato l'effetto sonoro della scena in cui il "mostro" appare mentre Brody getta l'esca? Rompendo una bottiglia di una bibita gassata contro una superficie rigida dopo averla adeguatamente "shakerata" per un suono più convincente. Invece subito dopo l'esplosione finale, il suono della sua carcassa che affonda è uno di quelli che era stato utilizzato vent'anni prima per Il mostro della laguna nera.

11. Il set delle torture

Lo squalo: una drammatica scena del film

Sempre a proposito di suoni, la povera Susan Backlinie (che interpretava Chrissie, la biondina uccisa dallo squalo agli inizi del film) fu costretta a replicare efficacemente il gorgoglio di una persona che annega per la post-produzione del film. Come? Semplice: l'attrice fu posizionata davanti ad un microfono, con la testa rovesciata all'indietro, mentre qualcuno le versava dell'acqua in bocca. Tra l'altro durante le riprese della sua scena, era stata letteralmente strattonata avanti e indietro dalla troupe, anche se poi ha smentito di essersi fatta male sul serio. Tra i poveri collaboratori "torturati" sul set, vogliamo ricordare anche la tizia che fu letteralmente sepolta nella sabbia con un braccio fuori per la scena in cui i resti di Chrissie vengono ritrovati sulla sabbia. Ci auguriamo che abbia superato l'esperienza senza traumi.

12. Sandwich... e schiaffi!

Roy Scheider ha raccontato che per la scena in cui la signora Kinter (interpretata da Lee Fierro) lo schiaffeggia, è stata sicuramente "la più dolorosa" di tutta la sua carriera. Questo perché la Fierro non era capace di fingere uno schiaffo, e quindi gli ha assestato ben diciassette ceffoni (uno a ripresa) arrivando a fargli cadere gli occhiali. Sempre a proposito della signora Kinter, la Fierro ha raccontato che molti anni dopo le riprese del film, le capitò di pranzare in un locale specializzato in piatti di pesce, e quando notò che tra le proposte sul menù spiccava il "Sandwich Alex Kinter" disse che lei aveva interpretato sua madre in un film. Sapete chi era il proprietario del locale? Jeffrey Voorhees, "il piccolo Alex", che uscì dalla cucina per andare a salutare sua "mamma" che non vedeva da anni.

13. Sì ok, ma la musica?

Quando John Williams fece ascoltare le musiche che aveva composto per il film a Steven Spielberg questi si mise a ridere e disse: "E' molto divertente John, davvero. Ma esattamente, cosa avevi in mente per il tema de Lo squalo?" Qualche mese dopo, Williams fu incaricato di condurre l'orchestra alla cerimonia degli Oscar, e quando sul palco annunciarono che aveva vinto la statuetta per la colonna sonora del film, dovette precipitarsi a ritirare velocemente il premio, per poi tornare a fare il suo lavoro.

14. Grande successo al boxoffice... ma nessuno batte Bud Spencer!

Bud Spencer in Bomber

Quando alla Universal videro il film finito, nonostante tutti i problemi che c'erano stati si dissero pienamente soddisfatti del risultato, tanto che decisero di promuoverlo con una campagna pubblicitaria televisiva senza precedenti, investendo ben 700mila dollari. Nel 1975 Lo squalo debuttò in 409 sale e nel giro di 78 giorni conquistò il primo posto nella classifica dei film più visti della storia, anche se il numero sale restava inferiore ai mille schermi.
Dieci anni dopo, il film arrivò anche in Ungheria e anche nel paese socialista si rivelò un successone: furono staccati più di un milione e 500mila biglietti (e la popolazione ungherese ai tempi era di 10 milioni di persone!) e si posizionò al secondo posto dei film che avevano incassato di più quell'anno. Al primo posto c'era il nostro Bud Spencer con Bomber...

15. E' il turismo, bellezza!

A Martha's Vineyard ci fu un incremento di turisti in estate (la cittadina, che in genere ospitava 5000 persone, si ritrovò ad accoglierne il triplo!) ma non si potè dire altrettanto per altre località turistiche di mare, che invece dovettero far fronte ad un calo di affluenze dovuto alla "psicosi" per gli squali. I bagnini dovettero faticare non poco per tenere a bada le fobie dei bagnanti più impressionabili. Ci furono anche episodi spiacevoli, con delfini e piccole balene scambiati erroneamente per squali e uccisi. In compenso la pesca agli squali divenne molto popolare come attività ricreativa e gli operatori turistici più creativi si inventarono qualcosa per attrarre clienti: ad esempio sull'insegna di un ristorante di pesce di Cape Cod c'era scritto: "Mangiate pesce e vendicatevi!"

Nota a margine: A proposito di Martha's Vineyard, sapete quanto furono pagati gli abitanti della cittadina che parteciparono al film come extra? 64 dollari solo per urlare e correre in spiaggia! (E c'è gente che spreca le estati a fare lo stesso casino e senza guadagnarci nulla...)

Lo Squalo - una scena del film di Spielberg
Lo Squalo: 15 cose che (forse) non sapete sul...
Film maledetti: da Poltergeist a Il Corvo, dieci storie da incubo
Jurassic Park: 10 cose che (forse) non sapete
Privacy Policy