Inside Out: le 5 emozioni forti regalate dal blu-ray e dalla bellissima steelbook

Il capolavoro Pixar è arrivato in alta definizione proponendo non solo uno straordinario video sia in 3D e in 2D e un ottimo audio, ma anche una bellissima edizione steelbook da collezione con tre dischi e tanti extra in più.

Un capolavoro assoluto, già annunciato vincitore dell'Oscar per i film di animazione, ma che è stato nominato anche per la statuetta per la miglior sceneggiatura originale e che non a caso la nostra redazione ha eletto come miglior film del 2015. Basterebbe questo per fare di Inside Out un film da non perdere assolutamente neanche in homevideo. L'opera diretta da Pete Docter è un racconto di formazione che esalta al massimo la genialità della Pixar, è una vera e propria esplosione di idee e trovate originali e azzeccate. E come spesso accade nei prodotti della casa, non ci si trova di fronte solo a un prodotto per ragazzini, ma anche per adulti, che oltre a divertire sa emozionare e perfino commuovere.

Inside Out: una colorata immagine promozionale del film

La protagonista di Inside Out è l'undicenne Riley, o meglio la sua mente, dove nel quartier generale le emozioni (Gioia, Paura, Rabbia, Disgusto e Tristezza) gestiscono la sua crescita attraverso una complicata console. Ma c'è un trasloco in vista causa il lavoro del padre: la ragazzina con i suoi genitori deve dire addio alla sua vita tranquilla e al Minnesota trasferirsi a San Francisco. La nuova vita è uno shock per Riley e le sue emozioni devono lottare per abituarsi alla nuova vita, gettando il Quartier Generale in un vero e proprio subbuglio. Per rivivere questo affascinante ed emozionante viaggio nella mente di un'adolescente, fra memoria a lungo termine e ricordi base che ne costituiscono la personalità, la Walt Disney Studios Home Entertainment ha preparato varie edizioni in Inside Out in DVD, Blu-ray e Blu-ray 3D. Noi abbiamo avuto la fortuna di testare l'edizione più prestigiosa, la steelbook a tre dischi. Ecco 5 motivi per non perderla, quasi 5 emozioni forti proprio come quelle del film.

1. Una fantastica Steelbook a tre dischi: il piacere del metallo e del design

la cover della steelbook di Inside Out

Prima di parlare della resa tecnica in 3D e 2D, che riguarda ovviamente tutte le edizioni in blu-ray, spendiamo due parole proprio per la bellissima confezione steelbook. Già, perché oltre a occhi e orecchie, anche la sensazione tattile è importante, soprattutto nell'attesa di godersi il film vero e proprio con tutti i suoi extra. E da questo punto di vista la steelbook è davvero tanta roba, con il piacere del contatto con la robusta confezione metallica, l'elegantissimo design con lo sfondo nero e in risalto i cinque personaggi-emozioni che caratterizzano il film. All'interno, poi, ecco ben ordinati i tre dischi comodamente estraibili. In fondo, per godersi una favolosa edizione, si comincia da una bella confezione. Che al di là del valore prezioso per collezionisti e amanti dele steelbook, non fa altro che aumentare l'attesa e far venire l'acquolina in bocca prima della visione.

2. Il video 3D: nel profondo della mente di Riley

Inside Out: una scena tratta dal film animato

Una volta riposta la confezione e inserito il disco del film, comincia la meraviglia per gli occhi e per il cuore. Partiamo dalla versione 3D per dire che ci troviamo di fronte a un video fantastico. La sensazione di profondità è superlativa in ogni scena ed è perfetta per riprodurre in modo realistico tutto il mondo esterno visto dalla mente e dalla stanza dei bottoni. Anche le ambientazioni più "normali" denotano un'ottima separazione dei piani: più che a effetti pop-out che escono dallo schermo e lasciano a bocca aperta (che pur ci sono e sono anche efficaci), qui è stata privilegiata la profondità di campo interno, nel senso che dentro lo schermo sembra davvero aprirsi un altro mondo che nella descrizione delle oasi nella mente e della memoria a lungo termine sembrano quasi non avere fine. Non si registrano cali di rumorosità, flessioni cromatiche o problemi di ghosting, solo accenni di banding nelle sfumature più accentuate, ma si tratta di difettucci quasi invisibili.

3. Il video 2D: dettaglio al top ed emozioni multicolori

Inside Out: il sorriso di Gioia in una scena del film d'animazione

Lo spettacolo si ripropone anche nella visione 2D. Anche in questo caso, l'unico rilievo da fare è la comparsa di un lievissimo banding in un paio di scene, per il resto siamo di fronte a un video perfetto, dal dettaglio cristallino e dal croma abbagliante. Davanti ai nostri occhi si spalanca una vera festa di colori, sempre forti e vivaci, con le differenze fra le varie emozioni rese in maniera impeccabile in tutte le loro sfumature: colpisce in maniera quasi furiosa il rosso accesissimo della rabbia con tutte le sue fiamme, ma anche il verde del disgusto, l'oro della gioia, il blu della tristezza e il viola della paura risaltano in maniera brillante. Pur nelle evidenti differenze stilistiche, il mondo fisico di Riley e la sua famiglia, e quello della sua mente, sono egualmente definiti fin nei particolari più minimi, con contorni curati e affilati, abbigliamenti dettagliati e incarnati incredibilmente realistici per trattarsi di animazione digitale. Perfetta la riproduzione in costante movimento delle particelle quasi polverose attorno alle emozioni, che spiccano con precisione soprattutto in quelle di Gioia, come suggestivo è lo svanire dei ricordi con la dissolvenza delle palle di memoria, riprodotto in maniera quasi commovente. Senza trascurare che anche in 2D, pur con i suoi limiti fisici, la sensazione di profondità è comunque elevata.

Inside Out: l'irresistibile Bing Bong

4. Audio: un viaggio sonoro nel pensiero

Inside Out: Rabbia in una scena del film

More solito, sul discorso audio un comprensibile cruccio lo spettatore italiano ce l'ha: come mai addirittura due tracce lossless in inglese (oltre al maestoso DTS-HD Master Audio 7.1 c'è anche il più normale DTS HR 5.1) e solamente una lossy in italiano, per la precisione la DTS 5.1? La consolazione è quella che anche l'ascolto nella nostra lingua è sicuramente piacevole e appagante, e lo si può apprezzare fin dalle prime scene, perché il gioco delle voci nella mente che arrivano dall'asse posteriore funziona alla perfezione. Sia le ambientazioni della vita "esterna" con le avventure di Riley che quanto accade nella sua mente, tra crolli improvvisi di strutture, consolle e movimenti delle palle di memoria, viene riprodotto con dovizia di particolari, rear particolarmente precisi e attivi e un sub che fa sentire la sua presenza quando chiamato in causa. A questo si aggiungono dialoghi brillanti e puliti e una resa della frizzante colonna sonora molto piacevole e avvolgente.

5. Gli extra: due corti imperdibili e nel disco bonus un'altra ora di materiale

Teaser poster italiano di Inside Out
Totale 9
Video 3D 9
Video 2D 9.5
Audio italiano 8.5
Audio inglese 9.5
Extra 8

Gli extra meritano un discorso a parte. Nelle edizioni con confezioni standard bisogna accontentarsi di circa mezz'ora di contenuti speciali. Ma come dicevamo abbiamo la fortuna di avere tra le mani la prestigiosa confezione steelbook a tre dischi: ebbene il terzo disco è un bonus con un'altra ora di contributi. Cominciamo da quello che c'è nel disco del film: oltre al commento audio di Pete Docter e Ronnie del Carmen, si parte con il romanticissimo corto Lava (7'), una storia d'amore fra due vulcani presente anche in versione tridimensionale nel disco 3D, mentre l'altro corto Il primo appuntamento di Riley (quasi 5') è spassosissimo ed è posizionato dopo la fine del film, con l'uscita di Riley con un ragazzo. Entrambi i corti sono doppiati in italiano. Spazio poi a Percorsi per la Pixar: le donne di "Inside Out" (11') con interviste ai membri femminili del cast vocale e della troupe, e Miscuglio di emozioni (7') sull'evoluzione del design dei personaggi rappresentanti le emozioni.

E passiamo al disco bonus: dopo un'introduzione del regista troviamo 17 minuti di scene tagliatee non ancora a realizzazione completata. La featurette Nell'ignoto - I suoni di Inside Out (7') parla del curatissimo sound-design del film, mentre Mappa della mente (8') riguarda la progettazione della mente di Riley e di come l'animazione sia stata ovviamente influenzata dalla psicologia. Si prosegue con Mind Candy (14'), una serie di clip su test di animazione, I nostri padri, i registi (7') con le figlie del regista e del compositore che raccontano il lavoro dei papà, e La storia della storia (10' e mezzo) sull'idea del soggetto e lo sviluppo della trama. Si chiude con Il montaggio del film d'animazione, un'arte incompresa (5'), sul processo di editing, e tre trailer, fra cui uno giapponese.

Inside Out: le 5 emozioni forti regalate dal...
Inside Out è il miglior film del 2015 per la redazione di Movieplayer.it
Inside Out e i capolavori Pixar: il bisogno di essere tristi per imparare ad essere umani
Privacy Policy