Ruby Sparks

2012, Commedia

Recensione Ruby Sparks (2012)

Non è tanto l'originalità dell'idea alla base di Ruby Sparks a colpire lo spettatore, quanto la cura con cui le singole personalità vengono tratteggiate in un sistema di equilibri solido e vitale.

La ragazza per me

Delizioso Ruby Sparks. Dopo aver realizzato una delle migliori commedie degli ultimi dieci anni, Valerie Faris e Jonathan Dayton non deludono le aspettative con la loro opera seconda. Ruby Sparks strappa qualche risata in meno dell'esilarante Little Miss Sunshine, ma scalda il cuore con un intreccio di riflessioni sull'amore, specchio della vita reale, in cui si mescola un pizzico di fantasia. Gli sposi Faris-Dayton dirigono la coppia di fidanzati più indie del cinema americano, formata da Paul Dano e Zoe Kazan, in un delicato divertissement firmato dalla stessa Zoe Kazan. L'attrice, nipote del grande Elia Kazan, dimostra una maturità di scrittura notevole e una sensibilità rara nel mostrare lo sconvolgimento esistenziale di un giovane scrittore solitario dal nome buffo (Calvin Weir-Fields), schiavo della psicoanalisi e in crisi a causa di un blocco dell'ispirazione, che un giorno crea la donna perfetta. Su carta, ovviamente. Peccato che l'eroina in questione, protagonista di un suo sogno ricorrente, presto si palesi nella sua elegante cucina.

Video-recensione Ruby Sparks


Ruby Sparks: Zoe Kazan è Ruby in una scena del film
Quello dei personaggi che prendono vita indipendentemente dalla volontà del proprio creatore è un tema che, da Pirandello a Woody Allen e Stephen King, è stato ampiamente sviscerato in letteratura e cinema. Non è tanto l'originalità dell'idea alla base di Ruby Sparks a colpire lo spettatore, né alcune svolte narrative tutto sommato prevedibili, quanto la cura con cui le singole personalità vengono tratteggiate in un sistema di equilibri solido e vitale. Al protagonista svagato e fuori dalla realtà viene contrapposto un fratello concreto e coi piedi per terra interpretato da Chris Messina mentre i divertenti Annette Bening e Antonio Banderas appaiono in un breve cameo nei panni della madre vegan-hippie di Calvin e del suo nuovo convivente, perfettamente in linea con le stranezze familiari. Vera anima del film sono, però, Paul Dano e Zoe Kazan. Ormai è noto a tutti il talento di Dano, attore versatile capace di passare con nonchalance dall'universo del dramma a toni decisamente più leggeri. Senza le sue eccezionali perfomance fisiche ed emotive non esisterebbero le due scene chiave del film, momenti rivelatori esilaranti e disturbanti che rappresentano l'Alfa e l'Omega della vicenda: la rivelazione dell'esistenza di Ruby Sparks in quanto donna vera e non allucinazione del paranoico Calvin e il momento in cui Calvin mostra a Ruby il suo vero potere, la capacità di plasmarla e controllarla attraverso la scrittura.

Ruby Sparks: Annette Bening e Antonio Banderas in una scena del film
Con una performance attoriale eccelsa, che sfiora il parossisimo, Dano e Kazan deflagrano nel climax venato di un pizzico di sadismo e preparato accuratamente attraverso varie tappe narrative. L'amore è un esercizio di potere? La donna perfetta è quella plasmabile come una bambola, sottomessa a ogni capriccio del suo manipolatore? Può una coppia essere felice senza contraddittorio? Per conoscere le risposte fornite da Valerie Faris e Jonathan Dayton a tali quesiti esistenziali occorrerà andare al cinema perché noi non vi sveleremo il finale di Ruby Sparks. Possiamo, però, anticipare che le sorprese non mancheranno. Basterà saper rinunciare per una manciata di minuti al cinismo della quotidanità e lasciarsi andare all'incanto. In fin dei conti "innamorarsi è un atto di magia".

Recensione Ruby Sparks (2012)
Valentina D'Amico
Redattore
4.0 4.0
Privacy Policy