L'incredibile Hulk

2008, Azione

Recensione L'incredibile Hulk (2008)

Sotto il profilo spettacolare, questo nuovo Hulk risulta un film più che dignitoso, che, lungi dall'essere perfetto, sa intrattenere con un buon ritmo, nonostante alcune fisiologiche sequenze di stanca.

Massimo Borriello

La nuova vita del gigante verde

Quando qualche tempo fa la Marvel decise di prendere in mano la sua gigantesca creatura verde, che così poca fortuna aveva avuto presso il grande pubblico delle sale cinematografiche, per produrre lei stessa un nuovo film sull'incredibile Hulk, la linea guida principale per la sua realizzazione fu fondamentalmente una: dimenticare Ang Lee, recuperare il vecchio telefilm. In molti avevano infatti bistrattato (esagerando) il film diretto dal regista di Taiwan non riuscendo a coglierne l'importante valore sperimentale sia a livello estetico che narrativo, pretendendo da un film di supereroi più azione, più spettacolarità, e un cattivo degno di questo nome che non facesse passare lo stesso Hulk come elemento più negativo della pellicola. Insomma, l'approccio sofisticato di Ang Lee (che comunque di quel film non era sceneggiatore) non incontrava il gusto di un pubblico che accusava il regista di una certa presunzione fine a sé stessa e che chiedeva in definitiva un prodotto meno freddo, forse più banale, ma in grado di intrattenere senza fronzoli, come un fumettone Marvel è chiamato a fare. Ad accontentare quindi i detrattori del film di Ang Lee ci prova ora L'incredibile Hulk diretto da Louis Leterrier, giovane regista francese di film d'azione adrenalinica, come la serie Transporter e Danny the Dog, che danno subito una chiara idea del nuovo corso della furia verde.

Per rifare l'immagine a Hulk si è quindi scelto, con grande furbizia, un team di nomi che risultassero credibili e che avessero appeal sia sulla massa che sulla nicchia cinefila dalla puzza sotto il naso. Vale a dire personaggi come Edward Norton (che firma addirittura la sceneggiatura, insieme a Zak Penn, autore degli script per gli X-Men, I fantastici quattro e compagnia), Tim Roth e William Hurt, con il jolly Liv Tyler chiamata a coniugare bellezza e determinazione. Siccome sarebbe stato di cattivo gusto ripartire da zero, offrendo una nuova versione dell'origine della bestia e dimenticando totalmente così il precedente Lee, L'incredibile Hulk sintetizza molto velocemente, nei titoli di testa, il perché lo scienziato Bruce Banner si nasconda in Brasile e perché tenga sempre sotto controllo i battiti del suo cuore che superata una certa soglia possono trasformarlo in un gigante verde dalla forza sovrumana e distruttiva. Lontano dalla donna che ama, Banner prova a sfuggire alla caccia dell'imponente macchina militare statunitense che vuole catturarlo per sfruttare i suoi poteri, utilizzandolo come una terribile arma mortale. Nel frattempo, cerca una cura per dominare il suo male, che nutrendosi della sua rabbia lo trasforma nella bestia verde d'ira che terrorizza chiunque ne venga a contatto, finché un nuovo e più cattivo mostro, generato da un uomo affamato di potere, spunta fuori per abbatterlo e approfittare della sua potenza a fini più pericolosi. Forse non avranno fatto bene alla pellicola i settanta minuti sfilati dal montaggio definitivo, che tanto sembrano aver fatto arrabbiare Norton, ma purtroppo l'esile trama del film è tutta qua: una caccia forsennata che esagera in quanto a ingenuità, una storia d'amore romanticamente impossibile tra la bella e la bestia in stile King Kong, e un duello tra titani, altamente spettacolare sotto il profilo visivo, ma che non va oltre il rimando alla frenesia da videogame.

William Hurt in una scena del film L'incredibile Hulk

Tra i riferimenti che si possono scorgere nel film, oltre alla serie originale che prevedeva un protagonista in perenne fuga, anche quello alla trilogia dell'agente Jason Bourne, in particolare The Bourne Ultimatum - Il ritorno dello sciacallo, con i frequenti cambi di location e gli inseguimenti all'ultimo respiro. Partendo dal cuore del Brasile, Leterrier fornisce alle favelas carioca un fascino esotico che va evidentemente a cozzare con l'effettivo degrado di queste baraccopoli, che qui diventano semplicemente un labirinto perfetto dove far muovere Bruce Banner in fuga dai suoi cacciatori. Il ritmo è serrato, l'inseguimento tra le strade e sui tetti è indubbiamente tra le scene più entusiasmanti del film e le riprese aeree destano gran meraviglia, ma la sensazione è che piegare certe ambientazioni alle esigenze filmiche facendole apparire quasi delle cartoline turistiche, non sia poi così rispettoso verso quei posti. Anche perché il passaggio al territorio americano è netto ed evidente e il film comincia a diventare fiacco proprio quando ci si trova su un suolo dal paesaggio così "normale", nonostante le strade di Harlem, ricostruite per l'occasione a Toronto, con i loro fuochi e i loro elementi distrutti dal passaggio dei mostri in lotta riescano comunque a essere estremamente suggestive. Unico caso di superoeroe interamente realizzato in tecnologia CGI, Hulk sa catturare lo sguardo dello spettatore quando è sullo schermo, così come la sua nemesi Abominio si lascia ammirare con grande piacere, nonostante il tentativo di renderlo estremamente sgradevole nell'aspetto, quando entra in campo per distruggere il suo avversario.

Hulk scatena la sua rabbia in una scena del film L'incredibile Hulk
Hulk è l'eroe incompreso di casa Marvel, ed è tra i più interessanti perché propone un'importante riflessione sull'identità che, paradossalmente, lo rende uno dei personaggi più umani tra quelli dei fumetti. Perché, mettendo da parte il lato fantastico della storia, ciò che è al centro di tutto è la rabbia incontrollabile che si muove nell'uomo e che lo fa esplodere in una furia cieca capace di annientare chiunque. Come un moderno Dr. Jekyll, Bruce Banner deve lottare con il suo lato cattivo, che rischia di diventare un pericolo anche per la donna amata. Purtroppo però, in questo nuovo Hulk manca un adeguato approfondimento di questo aspetto (tra le scene tagliate anche quella di un'ipotesi di suicidio considerata troppo forte per il pubblico più giovane), viene completamente depurata l'implicazione edipica che muoveva il film di Ang Lee e la sensazione generale è di una completa anonimia dei personaggi che non trovano mai un adeguato sviluppo. L'immancabile storia d'amore con la bella di turno può fare palpitare qualche cuore, ma in definitiva risulta abbastanza inoffensiva, mentre non riuscito è il tentativo di innestare un certo umorismo in una storia decisamente cupa, anche se non ai livelli di quella di Lee. Sotto il profilo spettacolare, L'incredibile Hulk risulta invece un film più che dignitoso, che, lungi dall'essere perfetto, sa intrattenere con un buon ritmo, nonostante alcune fisiologiche sequenze di stanca, offrendo il suo momento più avvincente nel duello tra Hulk e Abominio. Il finale lascia presagire un imminente incontro sul grande schermo tra due diverse creature della Marvel Comics, Hulk e Iron Man, una sorta di cliffhanger che è probabilmente anche l'elemento più attraente della pellicola.

Recensione L'incredibile Hulk (2008)
Privacy Policy