L'ospite perfetto, la prima fiction da cellulare

Presentata al RomaFictionFest la prima fiction seriale italiana creata per telefonia e web. Protagonisti tre giovani attori emergenti ed una serie di guest star nostrane quali Federico Moccia, Cristiano Malgioglio e Ela Weber.

D'estate la fiction passa da cellulari e web. Pillole da tre minuti e mezzo per un totale di trenta puntate (trasmesse dal lunedì al venerdì per gli abbonati al servizio) racconteranno a velocità supersonica le avventure di tre amici sulla trentina alle prese con l'affitto, gli amori, le difficoltà della convivenza e la necessità di affittare la fatidica quarta stanza per arrotondare. Alex (Giulio Berruti, il bell'Andrea della fiction La figlia di Elisa - Ritorno a Rivombrosa) è un giovane e bellissimo avvocato, in sostanza l'unico che porta a casa lo stipendio, Giulia (Giorgia Surina, volto noto di MTV) è sempre in attesa dell'anima gemella e poi c'è l'insofferente Luca (Jacopo Cullin) che passa le sue giornate in pigiama a guardare film porno. I tre convivono in un moderno loft in attesa che bussi alla porta il 'perfetto' quarto coinquilino. Nel frattempo si susseguiranno incontri-scontri comici, gelosie, gag, colpi di scena e scaramucce sino all'inaspettato finale a sorpresa.

Scritta e ideata dallo Zero Assoluto Matteo Maffucci (che si concede anche qualche apparizione da attore) insieme a Michele Rossi, L'ospite perfetto - Room 4U sarà disponibile su abbonamento a partire dal 4 agosto in streaming o in download per tutti i clienti Vodafone e Tim (successivamente anche sul web e solo alla fine sulla 'vecchia' tv e in DVD) che vorranno acquistarla. Ad arricchire di 'colore' e simpatia le brevissime avventure dei nostri eroi anche volti celebri della nostra tv come Ela Weber, Cristiano Malgioglio, Anna Safroncik e udite udite anche Federico Moccia nei panni di uno scrittore che non riesce a scrivere a casa sua perchè continuamente tartassato dai fans.
A lanciare in Italia questo prodotto all'avanguardia la produttrice FidiaFilm (la stessa di Carabinieri) che ha affidato la regia di queste minipuntate a Cosimo Alemà e Daniele Persica, due registi di primo piano nel panorama pubblicitario e dei videoclip musicali grandi amici e collaboratori di Maffucci.

Com'è stato per passare dalla musica pop alla fiction?

Matteo Maffucci: E' stata un'esperienza molto divertente per me, finora avevo solo scritto libri e non avrei mai pensato di ritrovarmi a scrivere una sceneggiatura. Abbiamo scritto e riscritto continuamente per riuscire a reggere i ritmi delle puntate e gli agganci tra un episodio e l'altro. Dovevamo fare in modo che lo spettatore si appassionasse ai personaggi e alle loro storie.

Una cosa del tutto nuova nel panorama seriale italiano...

Matteo Maffucci: Da appassionati di fiction abbiamo cercato di creare qualcosa che avremmo sempre voluto vedere ma che finora si è visto solo altrove e mai in Italia. Abbiamo scelto gli attori giusti, perfetti per i loro ruoli e abbiamo così dato sfogo alla nostra voglia di trasformazione e di rinnovamento.

Com'è stato per due registi di videoclip il passaggio alla regia di un prodotto seriale?

Cosimo Alemà: Ci siamo divertiti un mondo durante la lavorazione di questa fiction che nonostante sia seriale ha la stessa durata dei prodotto che siamo abituati a realizzare. E' stato molto stimolante pensare e lavorare ad un progetto così innovativo e frizzante. Lavoriamo con Matteo ormai da anni e per noi la sua sceneggiatura è stata una garanzia di qualità.

Daniele Persica: Questo prodotto ha uno stile e un sapore diverso da tutto quel che siamo abituati a vedere in tv. Sono state due settimane divertentissime di quasi convivenza tra tutti noi dentro un appartamentino di 40 metri quadri per quasi 24 ore su 24. Metteteci poi che erano tutti quasi sempre in pigiama o in accappatoio e capirete quanta complicità e quanta familiarità si è creata.

Per Giorgia Surina com'è stata questa prima esperienza da attrice?

Giorgia Surina: Sono onorata di aver partecipato a questo progetto così vivace e giovanile. Per una come me che viene dal sincopato mondo di MTV e ha il sogno di diventare attrice è stato come realizzare un sogno. Si è creata sul set un'atmosfera davvero realistica e di grande confidenza, grazie anche al lavoro della troupe. Sono state due settimane folli di grande divertimento, e poi è sempre stimolante fare per primi qualcosa. Mi sono sentita una vera e propria pioniera!

Per Giulio Berruti da Rivombrosa a Room4You com'è stato?

Giulio Berruti: Sono due esperienze agli antipodi, sia per target che per contenuti. Il mio personaggio qui è moderno, è un ragazzo alle prese con la difficile realtà italiana dei bamboccioni, nonostante sia l'unico del gruppo che porta a casa la pagnotta. Ho fatto un grande lavoro insieme ai due registi, sono molto soddisfatto di quest'esperienza.

Com'è stato per Moccia interpretare Moccia?

Federico Moccia: Si avete capito bene, sono io l'ospite perfetto che prenderà possesso della famosa quarta stanza per scrivere in pace visto che a casa mia non posso tornare perché i fan vengono continuamente a cercarmi. Una cosa del tutto falsa e che nella realtà non accade mai. Mi sono molto divertito a interpretare il ruolo di me stesso, ho potuto capire finalmente come la gente mi vede dall'esterno, qual è la percezione che la gente ha del sottoscritto. Spero di aver interpretato Moccia in maniera divertente, ho fatto del mio meglio.

Che ruolo ha Cristiano Malgioglio ne L'ospite perfetto?

Cristiano Malgioglio: Vi sorprenderà ma stavolta non faccio il gay! Sono un ospite imperfetto, quindi molto maschio, mi sono dovuto sforzare molto per riuscirci (ride). In ogni caso con questa interpretazione spero di diventare una prossima Anna Magnani.

Cosa ha convinto Ela Weber a partecipare al progetto?

Ela Weber: Ho conosciuto le produttrici del film in maniera rapida e diretta, l'incontro ha avuto gli stessi ritmi della fiction. Mi hanno detto cosa cercavano e come lo cercavano e io mi sono convinta che in puntate da tre minuti non avrei potuto fare grandi danni. Così ho accettato e mi sono tolta anche lo sfizio di depilare un uomo con la ceretta, un'esperienza straordinaria!

La produzione stima in 50-100 mila gli utenti finali di questo progetto, costato mezzo milione di euro. Un prodotto realizzato con un linguaggio nuovo, veloce e immediato, pensato e dedicato ai giovani amanti delle nuove tecnologie e soprattutto dell'ultima generazione di iPhone. Sul sito www.ospiteperfetto.it saranno consultabili a breve il backstage delle riprese, interviste ai protagonisti, curiosità ed una folta galleria di immagini.

L'ospite perfetto, la prima fiction da cellulare
Privacy Policy