L'era glaciale 4: Continenti alla deriva - Isabelle Adriani a Giffoni

Abbiamo incontrato a Giffoni la bellissima Isabelle Adriani, voce della ribelle Pesca nel quarto capitolo del cartoon Fox.

Un ciclone di simpatia e bellezza travolgente si è abbattuto su Giffoni con l'arrivo di Isabelle Adriani. L'eclettica attrice, autrice di fiabe, ex ballerina, cantante e 'fischiatrice' provetta accompagna l'anteprima italiana di L'era glaciale 4: Continenti alla deriva dove dà voce al mammut Pesca, adolescente ribelle figlia di Manny ed Ellie che tenta di ribellarsi ai genitori per conquistare il giovane e aitante mammut Ethan, ma presto capisce che la famiglia e i veri amici sono più importanti di una cotta. La Adriani non nasconde l'eccitazione per il cambiamento che la attende. Dopo un incontro rocambolesco con Eli Roth a Venezia per l'attrice umbra si sono aperte le porte di Hollywood e da settembre si trasferirà negli Stati Uniti dopo essere entrata a far parte della William Morris, l'agenzia che rappresenta star come Scarlett Johansson, Ben Affleck, Russell Crowe e Robin Williams. Isabelle ci tiene a sottolineare di essere l'unica attrice italiana sotto contratto con la storica agenzia. "Ho conosciuto Eli Roth durante la Mostra di Venezia. Il giorno successivo lui mi ha fatto una sorpresa incredibile, mi ha presentato ad Al Pacino e mi ha fatto cantare alla sua festa. Io non mi ero preparata niente eppure ho colpito i produttori americani tanto da convincerli a ingaggiarmi. Probabilmente è perché hanno visto che faccio tante cose, recito, canto, scrivo. Avranno pensato che sono un guadagno sicuro. A Capodanno mi hanno invitato a fischiare per Woody Allen che si è divertito moltissimo e ora sto per iniziare la mia avventura americana. Un sogno che si realizza. Il mio primo impegno sarà cantare l'inno nazionale alla fashion week di New York e poi vedremo cosa accadrà.

E invece come sei approdata a L'era Glaciale 4: Continenti alla deriva?
Isabelle Adriani: Con il direttore del doppiaggio Marco Guadagno avevo già doppiato Alvin Superstar 3 - Si salvi chi può!. La prima volta che sono arrivata sul set ho fatto una figura terribile perché io ero convinta di dover parlare in falsetto visto che doppiavo uno scoiattolino. Mi ero allenata a casa per giorni, ma quando ho provato il direttore mi ha detto che non avevo capito niente. Bastava che parlassi normalmente e la voce sarebbe stata velocizzata di 74 volte in post-produzione. L'esordio è stato drammatico. Alla fine però il lavoro è andato bene e la Fox mi ha riconfermato anche per L'era Glaciale 4: Continenti alla deriva.

Isabelle Adriani manda baci ai suoi ammiratori presenti a Giffoni
Parlaci del tuo personaggio.
Era destino che interpretassi Pesca. Quando avevo visto il terzo episodio della saga insieme a mio figlio ed è nata Pesca mi sono messa a piangere. Adesso Pesca è cresciuta, è un'adolescente ribelle e piena di vita. Doppiarla è stata una delle esperienze più belle della mia vita, ma non è stata semplice. Il mio è un personaggio dinamico che corre, salta, scivola e per farmi emettere il fiato in modo adeguato in sala di doppiaggio mi spingevano e mi lanciavano da una parte all'altra. Mi sono ritrovata a ridere e piangere allo spesso tempo, a dover esprimere speranza e disperazione. Con Pesca ho rivissuto tutta la mia adolescenza e sul set è successo un episodio strano. Un giorno mia madre, che è neuropsichiatra, è venuta a trovarmi per assistere a una seduta di doppiaggio e ha visto proprio la scena in cui Pesca, rivolta alla madre, le dice "Hai ragione tu. Non era l'uomo giusto". Peggio di una catarsi. Ma la cosa che più mi eccita è che Pesca sarà anche nel quinto capitolo del franchise quindi tornerò anch'io.

Quale è il tuo rapporto con l'animazione?
Io sono una fanatica dei cartoni animati. Ora che mio figlio ha dodici anni sta smettendo di vederli e invece io li seguo tutti. Conosco le sigle a memoria. La mia passione principale, però, sono le fiabe.Sono laureata in storia, con una tesi propriosulla fiaba ho pubblicato una serie di libri dedicati a scoprire l'origine delle varie fiabe. Il prossimo, che uscirà a settembre, dimostrerà come Cenerentola, in realtà, sia veramente esistita. Si trattava di una schiava di origine greca divenuta regina a causa di una scarpetta. So che i produttori americani sono molto interessati al libro e forse lo adatteranno per il cinema.

Cosa pensi del cinema d'animazione contemporaneo?
Io confesso di essere una purista. Sono legata ai cartoon d'epoca, ai classici della Disney. Non sono troppo favorevole ai rifacimenti che snaturano l'originale. Di recente sono stata a vedere Biancaneve e il cacciatore. Un film spettacolare, pieno di effetti speciali, ma dov'è Biancaneve? Manca del tutto l'iconografia tradizionale. Secondo me oggi la tecnica ha rubato un po' di quel sogno romantico che lascia spazio alla fantasia. Quando una cosa è già perfetta andrebbe lasciata così.

L'era glaciale 4: Continenti alla deriva, Ellie parla con l'amico Louis in una scena del film
Cosa provi a essere qui a Giffoni?
Sono molto felice. I ragazzi sono meravigliosi e mi hanno trasmesso un'energia incredibile.

Quindi a settembre pubblicherai il tuo libro e poi ti sposterai negli USA. Altre cose in vista?
Prima di partire girerò E cade la neve, un'opera prima di Simone Petralia interpretato da Matteo Branciamore, Laura Torrisi e Fioretta Mari.

In una vita piena come la tua c'è posto per l'amore?
Purtroppo gli uomini scappano da me. In questo momento sono single. Devo pagare lo scotto per una situazione lavorativa così positiva.

Una curiosità. Sei stata scelta di Tornatore per fischiare in Baaria. Come hai imparato a fischiare così bene?
E' nato tutto quando avevo sette anni e mio nonno si ammalò. Per aiutarlo a guarire andavo a trovarlo tutti i giorni. Lui è un grande appassionato di lirica, ma io non ero in grado di cantargli le arie delle opere liriche, allora ho imparato a fischiarle. Mio nonno è guarito e ho sempre creduto che fosse per merito mio.

L'era glaciale 4: Continenti alla deriva -...
Privacy Policy