Il DVD de La passione di Cristo

Un'edizione che farà discutere come il film di Gibson, soprattutto in negativo per la totale mancanza di extra non apprezzata da tutti.

Domenico Di Basilio

Il dvd si presenta in confezione amaray con cartoncino di protezione, regione 2 Pal, a singolo disco dvd 9.
Iniziamo subito con il dire che in questa edizione è priva totalmente di extra. Una scelta, discutibile, ma condivisibile, visto che per una persona che ha apprezzato il film, vedere nel making of che è stato usato del sangue e delle scene di violenza finte (logicamente!) non avrebbe fatto altro che sminuire l'opera Gibson. E allora perché era gia stata annunciata un'edizione a 2 dischi in uscita per la Pasqua 2005... pura operazione commerciale? Andiamo pertanto ad esaminare il disco per quello che riguarda la parte video e audio.

Il fronte video, è quasi "logicamente" ottimo. La mancanza di extra fa sì che il bit rate sia molto alto, circa 7.85 Mb/s, e in più dvd è creato da un master nuovo e in ottime condizioni. Questo non fa altro che aumentare la resa visiva di moltissimo. Gli sfondi, anche quelli più bui, sono riprodotti fedelmente, con colori caldi, senza artefatti né in primo piano, né sui piani lunghi. Stessa cosa per i primi piani degli attori, contorni nitidi e sempre staccati ottimamente dallo sfondo in modo molto naturale. Una leggera sfocatura si nota nel cielo a volte, ma forse è una riproduziona voluta, ma meno marcata sulla pellicola al cinema.

Per quanto riguarda l'audio, abbiamo un 5.1 in aramaico e latino, non doppiato, ma con sottotitoli molto fruibili, per via di una vera e propria scelta, e non come traduzione di un'altra lingua. Il parlato anche se sempre molto caldo e profondo, è leggermente di volume basso rispetto al resto della scena. La spaziatura dei diffusori è ottima, ma da come si può capire, questo non è il film migliore per apprezzare un ottimo lavoro di separazione dei canali.

Sul versante extra, come già detto, niente da registrare.

Il DVD de La passione di Cristo
Privacy Policy