Il Blu-ray di Lo Hobbit: un viaggio inaspettato 3D

Video di bellezza abbagliante sia in 3D che in 2D per il film di Peter Jackson. Audio italiano ottimo, ma il DTS HD originale è su un altro pianeta. Buoni gli extra.

Riecco la Terra di Mezzo di J.R.R. Tolkien trasportata sul grande schermo: un'operazione talmente amata nella trilogia del Signore degli anelli, che Peter Jackson l'ha ritentata con Lo Hobbit: un viaggio inaspettato, primo episodio di una nuova trilogia epica firmata dal regista neozelandese.
Stavolta al centro della vicenda è il racconto del viaggio di Bilbo Baggins, che si ritrova a vivere assieme a tredici nani un'avventura ricca di pericoli e imprevisti verso le Montagne Nebbiose, il tutto per reclamare il Regno Nanico di Erebor governato dal terribile drago Smaug: ma lui e i compagni di avventura si troveranno a fare i conti con creature come orchi, goblin e wargs, mentre proprio Bilbo avrà un incontro solitario con Gollum nel quale si impossesserà del mitico anello.

Anche se forse non avrà stregato ed emozionato tutti come Il signore degli anelli, anche Lo Hobbit: un viaggio inaspettato è un film che sprizza cinema da ogni fotogramma, con una spettacolarità che pochi possono vantare, grazie anche peraltro all'aggiunta del 3D. Nel cast Ian McKellen, Martin Freeman, Richard Armitage, Ken Stott, e James Nesbitt, ma ritornano anche Cate Blanchett, Ian Holm, Christopher Lee, Hugo Weaving, Elijah Wood e Andy Serkis.

totale 9
video 10
audio 8
extra 8
Lo Hobbit: un viaggio inaspettato arriva in home video in varie edizioni, ma quella più prestigiosa e completa è certamente il blu-ray a quattro dischi contenente sia la versione 3D che 2D (oltre al codice per la copia digitale), che poi è l'oggetto di questa recensione. Un'edizione che dal punto di vista video è abbagliante per bellezza e spettacolarità in entrambe le versioni, ed è quasi un inno all'alta definizione. Partiamo dal 3D (la cui versione è opportunamente divisa in due dischi) per dire che ci troviamo di fronte a una profondità di insieme davvero notevole, dove il senso di tridimensionalità è continuo e coinvolge anche i suggestivi paesaggi. Insomma un 3D equilibrato ed efficace che regala una stupenda profondità interna alla scena e non ricorre a effetti bruschi che escono dallo schermo tipici dei film horror, ma che vuole rendere la visione della Terra di Mezzo più appagante a livello visivo, senza nulla togliere ai tanti momenti concitati delle varie battaglie. Il tutto preservando un dettaglio sempre incisivo e senza difetti particolari tipici del 3D, se non qualche raro fenomeno di ghosting. Va inoltre sottolineata già in questa versione l'estrema fedeltà alla fotografia di Andrew Lesnie per croma, contrasto e luminosità. A parte qualche carrellata veloce, la transizione a 24 frame al secondo standard da una fonte 48fps non implica alcun problema.

Anche la versione 2D (tutta su un disco) è estremamente spettacolare e regala fin dalle prime battute una visione spettacolare per pulizia, nitidezza e compattezza di insieme. Il girato con le Red Epic conserva l'estrema pulizia del digitale ma anche un certo fascino cinematografico, pur in assenza di grana, grazie a una fotografia molto curata e dallo stile particolare. A colpire è ancora una volta il dettaglio quasi chirurgico su tutti i piani, dai volti delle creature fino ai paesaggi più maestosi. Il croma e i suoi viraggi particolari a seconda delle ambientazioni, già visti nelle sale e caratterizzati da una luminosità davvero singolare, sono riprodotti fedelmente dal blu-ray. Le scene più scure conservano in maniera impeccabile compattezza e nitidezza, con un nero profondo e particolari in ombra sempre ben definiti, tanto che le ambientazioni più cupe hanno la stessa perfetta resa di quelle luminose.

una scena del film
Per quanto riguarda l'audio, purtroppo per la traccia italiana bisogna accontentarsi di un semplice dolby digital 5.1, che per quanto di ottima fattura, resta ovviamente a debito distacco dalla resa stupefacente del DTS HD Master Audio 7.1 della traccia inglese, potentissimo nei bassi, dettagliato negli effetti e dotato di una dinamica assolutamente devastante. Detto questo, va riconosciuto che il dolby italiano è come detto molto coinvolgente, con un asse posteriore decisamente incisivo nell'appoggiare la scena e un sub muscolare e presente. Le occasioni per mettere alla frusta l'impianto non mancano, le scene sonoramente importanti sono molte e lo spettatore è adeguatamente messo al centro della scena e circondato da una miriade di effetti ed efficaci effetti panning per entrare negli incredibili e rumorosi mondi della Terra di Mezzo. In questo contesto i dialoghi restano puliti e chiari e la resa della colonna sonora calda e avvolgente per un mix decisamente appagante. Un ascolto quindi ottimo da 8 pieno, ma il paragone con la traccia lossless inglese da dieci e lode resta impietoso.

Il quarto disco della confezione è dedicato tutto agli extra, con circa due ore e mezza di contenuti, che per gran parte sono stati già disponibili online. Oltre a una featurette inedita di 7 minuti sulle splendide location della Nuova Zelanda, troviamo infatti dieci blog video dalla durata complessiva di oltre due ore, che però essendo usciti prima del film sono di stampo un po' promozionale: ciò non toglie che sono divertenti e interessanti, e vengono proposti come un diario di produzione: si parla di preproduzione, location, riprese, 3D, tour degli studios, postproduzione e la premiere di Wellington. Ogni blog è introdotto da Peter Jackson ed è ricco di filmati e interviste a cast e troupe. Si chiude con una ricca dose di trailer e poi con alcuni spot sui videogiochi basati sul film. Certo i fans più sfegatati che già conoscevano tutti questi contributi, pretenderanno di più. Cosa che troveranno nella probabile futura versione extended.

Per questa recensione la redazione di Movieplayer.it ha utilizzato TV Philips 55PFL8007K e la SoundBar Home Theater Philips HTS 9140 con Ambisound e lettore Blu-Ray 3D

Il Blu-ray di Lo Hobbit: un viaggio inaspettato 3D
Privacy Policy