I Puffi - Viaggio nella foresta segreta

2017, Animazione

I Puffi – Viaggio nella foresta segreta, tra identità e femminismo

Un viaggio avventuroso ed ironico alla ricerca delle proprie origini per il reboot d'animazione dedicato ai Puffi pensato (quasi) esclusivamente per un pubblico di giovanissimi. In sala dal 6 aprile grazie a Warner Bros Italia.

I Puffi - Viaggio nella foresta segreta: un'immagine tratta dal film d'animazione

Nell'immaginario collettivo della generazione cresciuta a cavallo tra gli anni '80 e '90, insieme a Kiss me Licia, Candy Candy, Holly e Benji o Lady Oscar, non possono mancare all'appello i piccoli ometti blu alti "due mele o poco più" delle celebre serie animata prodotta dalla Hanna-Barbera Productions. Nati nel 1958 dalla matita del fumettista belga Peyo, che li introdusse come figure secondarie di John e Solfamì, i puffi hanno conquistato una fama mondiale pari a quella di altri illustri personaggi bidimensionali. Dalle strisce alla televisione per arrivare al grande schermo nel 1976 con Il flauto a sei Puffi, primo lungometraggio loro dedicato.

Leggi anche: I 30 anni di Holly e Benji: 5 assist per la nostalgia

I Puffi - Viaggio nella foresta segreta: una scena del film d'animazione

Oltre trent'anni (e un altro film) dopo ci ha pensato Raja Gosnell a risollevare le sorti del franchise dirigendo I Puffi, pellicola del 2011 realizzata con tecnica mista (computer grafica e live action) e ambientata nella New York dei giorni nostri. Un successo al botteghino naufragato con il sequel del 2013 che non riuscì a bissare il consenso di pubblico e critica. Nell'era dei reboot ecco però che in casa Sony hanno pensato di mettere da parte la commistione tra generi e puntare (letteralmente) su un ritorno alle origini grazie a I Puffi - Viaggio nella foresta segreta.

Leggi anche: Candy Candy, i 40 anni di un cartone animato di culto

"I'm a lady"

I Puffi - Viaggio nella foresta segreta: Gargamella in un'immagine del film d'animazione

Accantonate le ambientazioni metropolitane e la presenza di personaggi in carne ed ossa si torna nella Foresta Incantata tra Vanitoso, Brontolone e Grande Puffo. A spiccare però è Puffetta, l'unica femmina in un villaggio di maschi i cui nomi sono ispirati dalle caratteristiche fisiche, caratteriali o lavorative. Nata da un pezzo di argilla modellato dal perfido Gargamella, la bionda Puffetta si ritrova ad affrontare una crisi identitaria che la spinge a scoprire quale sia la sua vera origine. Ad accorre in suo aiuto il ritrovamento di una mappa misteriosa che la porterà, seguita da Quattrocchi, Tontolone e Forzuto, verso la Foresta Segreta, un villaggio perduto abitato da creature magiche la cui esistenza è messa a rischio dalle scellerate mire distruttrici dello stregone.

I Puffi - Viaggio nella foresta segreta: una scena del film animato
Puffi - Viaggio nella foresta segreta, la prima immagine del personaggio di Julia Roberts

Declinato al femminile nel nucleo della trama, I Puffi - Viaggio nella foresta segreta, è diretto da Kelly Asbury (Shrek 2) e scritto da Stacey Harman e Pamela Ribon. Un tris di donne che celebra la sua eroina arricchendone di sfumature il carattere per evitare di ghettizzarla in un semplice interesse sentimentale dei suoi co-protagonisti. Puffetta dà vita alla narrazione ed è centrale in ogni sua fase tanto da lasciare doppiamente basiti nell'apprendere che la città israeliana ultra ortodossa di Bnei Brank ne ha oscurato l'immagine dalla locandina. Un gesto, tralasciando le implicazioni religiose, che ne annulla tutto il valore mortificando l'impronta femminista del film tradotta, inoltre, nella rappresentazione delle Puffette Amazzoni capeggiate da Mirtilla (doppiata da Cristina D'Avena, voce anche della nuova sigla).

Leggi anche: I Puffi - Viaggio nella foresta segreta: uno spot sulle note del brano di Meghan Trainor

"Blue cheese"

I Puffi - Viaggio nella foresta segreta: un'immagine del film animato

Ma ne I Puffi - Viaggio nella foresta segreta c'è spazio per amicizia, ironia, avventura e pericolo grazie all'intreccio di più elementi che convivono in equilibrio. Indirizzato (quasi) esclusivamente ad un pubblico di giovanissimi - rinunciando quindi a strizzare l'occhio al mondo degli adulti come ormai abituati dai titoli Pixar - il cartone scivola su dialoghi deboli risollevati da sporadiche battute sopra la media. C'è spazio, inoltre, per elementi ancorati al contemporaneo come i selfie o una tecno-coccinella dalle capacità simili a quelle di uno smartphone. Il vero asso nella manica del film risiede però nelle bellissime animazioni dedicate ad una natura florida, colorata, pulsante e dettagliata. Un mondo armonioso ricco di molteplici creature, tra fiumi fluttuanti e conigli fluorescenti, messe in pericolo dall'indole distruttrice ed egocentrica dell'uomo rappresentata da Gargamella.

I Puffi – Viaggio nella foresta segreta, tra...
Manuela Santacatterina
Redattore
3.0 3.0
Julia Roberts tra i doppiatori di I Puffi - Viaggio nella foresta segreta
Lady Oscar: a 35 anni dalla prima messa in onda, i 5 motivi per cui è diventato un cult
Privacy Policy