Hilary Swank: presto al lavoro con Gabriele Muccino e Sam Raimi

Il nostro incontro con l'attrice americana, che a Giffoni ha svelato le intenzioni di tornare a lavorare con Raimi e iniziare una collaborazione con il regista de L'ultimo bacio. Una diva da Oscar innamorata del nostro cinema.

Due premi Oscar non hanno cambiato né scalfito la sua voglia di sfidarsi e migliorarsi di continuo: "Sono curiosa e mi piace sempre mettermi alla prova" ha detto al Giffoni Film Festival, dove ha ricevuto, visibilmente emozionata, il Premio Truffaut. "Sono felicissima di essere qui - ha dichiarato l'attrice di Boys don't Cry e Million Dollar Baby - e credo che per i ragazzi questo festival sia un'occasione unica di potersi confrontare con culture diverse dalla loro. So che ci sono giovani provenienti da paesi come l'Afghanistan, la Nigeria, la Giordania, e pensare che ognuno di loro porterà dentro di sé e nel proprio paese quest'esperienza è incredibile. Sono opportunità uniche, che è bene sfruttare fino in fondo". Parole accompagnate da sorrisi smaglianti, mentre in conferenza stampa vengono confermati i suoi due film in arrivo The Resident (che tuttavia uscirà solo in dvd) e New Year's Eve (commedia corale dove la Swank, diretta da Garry Marshall, condivide il set con le colleghe Sarah Jessica Parker, Jessica Biel, Michelle Pfeiffer, ma anche i divi Jon Bon Jovi e Ashton Kutcher). Sorrisi raddoppiati non appena si parla di cinema italiano.

Lei ha vissuto in Italia, ha avuto modo di apprezzare il nostro cinema?
Assolutamente, ne sono una grandissima fan, ha anche segnato molto la mia vita: ricordo, ad esempio, quando Roberto Benigni mi ha dato il mio primo Oscar. Volevo morire. Dico in senso positivo: ci metteva tantissimo a leggere il vincitore, lo faceva apposta. Per noi candidate l'attesa era straziante, invece lui continuava a perdere tempo e a scherzare come se niente fosse! Un momento terribile, ma sono sopravvissuta. Scherzi a parte, sono davvero una sua grande fan e tuttora, mentre ne racconto, mi emoziono.

Hilary Swank con i ragazzi di Giffoni nel 2011
I nostri registi che stima maggiormente?
Tra quelli di ieri, sicuramente Federico Fellini: un genio, ho visto tutti i film. Tra quelli di oggi, invece, sono diventata amica e ammiratrice di Gabriele Muccino: mi piace molto come lavora e abbiamo già parlato di qualche progetto su cui lavorare insieme. Ne stiamo ancora parlando, ma mi auguro davvero di concretizzarlo e che non sia soltanto uno.

Hilary Swank
Si faceva il suo nome tra le attrici in lizza per il prequel di Il mago di Oz, che cosa è successo esattamente?
Adoro Sam Raimi, dopo averci lavorato per The Gift mi ero promessa di bissare l'esperienza, perché lo ritengo davvero un artista formidabile, quindi sì, mi sarebbe piaciuto fare il prequel di Il mago di Oz. Purtroppo però c'è di mezzo tutta una battaglia politica con gli studios, non avendo io mai fatto un film per la Disney. Una questione di business, non ho risentimenti: stiamo cercando l'occasione per lavorare di nuovo insieme, io e Sam, ma senza la Disney stavolta, che ha un modo decisamente particolare - diciamo così - di lavorare.

In New Year's Eve condivide il set con un mostro sacro di Hollywood come Robert De Niro. Qualcuno l'ha già paragonata a lui, definendola la "De Niro in gonnella": come reagisce di fronte a simili confronti?
Ammesso che io lo meriti, potete paragonarmi davvero a qualunque cosa che riguardi Robert De Niro!

Hilary Swank: presto al lavoro con Gabriele...
Privacy Policy